chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In che modo le aziende tech stanno favorendo il regime bielorusso e la rivoluzione?

Manifestazione di protesta contro Lukashenko a Minsk, capitale della Bielorussia. Photo CC BY-SA 3.0: Homoatrox / Wikimedia Commons. Diritti riservati.

Manifestazione di protesta contro Lukashenko a Minsk, capitale della Bielorussia. Foto CC BY-SA 3.0: Homoatrox / Wikimedia Commons. Diritti riservati.

I bielorussi continuano a protestare contro il presidente di lunga data Aljaksandr Lukashenko, sfidando la violenza della polizia e il freddo. Mentre l'UE prepara il suo terzo pacchetto di sanzioni [en, come i link seguenti] contro i funzionari e le imprese, crescono le richieste per cui l'Occidente eserciti una maggiore pressione economica, soprattutto al fine di considerare la possibilità di vietare la fornitura di determinati prodotti tecnologici.

Tali sanzioni potrebbero davvero funzionare? È vero che districare le catene di approvvigionamento che il Paese acquisisce dall'Occidente non sarebbe un'impresa facile. Ma nell'attuale mondo globalizzato non mancano opzioni alternative.

Un divieto bancario

Una delle lotte più importanti è scollegare la Bielorussia da SWIFT, la rete globale di comunicazioni bancarie.

Questo mese, Golos (“Voice”), una piattaforma online dell team di Viktar Babaryka, potenziale presidente attualmente in carcere, ha chiesto ai bielorussi se sosterrebbero l'esclusione della Bielorussia dallo SWIFT. Su oltre 400.000 intervistati, il 64% ha sostenuto la misura.

SWIFT potrebbe non essere un'istituzione ufficiale dell'UE, ma in quanto cooperativa con sede in Belgio deve seguire le norme e i regolamenti dell'UE. Se dovesse essere istruita a interrompere i collegamenti con la Bielorussia, come ha fatto con l'Iran nel 2012, SWIFT sosterrà di fatto la richiesta dell'opposizione bielorussa di una maggiore pressione economica sul regime di Lukashenko.

Lo stesso Lukashenko ha riconosciuto che le minacce di interrompere i collegamenti della Bielorussia con SWIFT hanno avuto successo almeno una volta. Nella sua intervista per il sito web ucraino GordonUA, appena tre giorni prima delle elezioni del 9 agosto, il leader bielorusso ha raccontato il suo incontro del 2009 con l'Alto rappresentante per la politica estera dell'UE, Javier Solana. “Gli ho chiesto cosa sarebbe successo se avessimo riconosciuto la sovranità [dell'Abkhazia e dell'Ossezia meridionale] … Era preparato per quella domanda. Prese un taccuino e iniziò a elencare: “Signor Presidente, la Bielorussia verrebbe immediatamente tagliata fuori dalle transazioni SWIFT. Questa è stata la più grave delle sanzioni “, ha ricordato Lukashenko. Il leader bielorusso ha continuato affermando che, poiché la Russia non aveva fornito alcuna garanzia per compensare la Bielorussia per tali perdite, due territori separatisti in Georgia non sono mai stati ufficialmente riconosciuti da Minsk.

L'idea ha ancora una volta preso piede durante le recenti proteste. Il 10 novembre, Nikolai Khalezin, direttore del dissidente Belarus Free Theatre, ha dichiaratoche l'Occidente dovrebbe lasciare fuori la Bielorussia da SWIFT in risposta alla decisione delle autorità di congelare i fondi per le vittime di repressioni che erano stati raccolti attraverso la campagna di crowdfunding #BY_help.

“Oggi il potere di Lukashenko si basa sull'avidità delle forze di sicurezza, sulla codardia dei funzionari statali e sull'indecisione di parte della popolazione … Qualsiasi pressione significativa da parte della comunità internazionale è percepita dalla piramide del potere come una debolezza per le fondamenta della dittatura ”, ha spiegato Khalezin in un'intervista a GlobalVoices. “Queste misure privano la dittatura delle risorse necessarie per pagare gli stipendi alle forze di sicurezza e ai funzionari statali”.

Molti dell'opposizione bielorussa sembrano condividere queste speranze. A novembre, il candidato alla presidenza dell'opposizione Svjatlana Cichanoŭskaja ha ripetuto questi appelli.

Lukashenko era indignato, sostenendo che coloro che chiedevano che la Bielorussia fosse tagliata fuori dallo SWIFT volevano “distruggere il paese”.

Ma poi la linea filo-governativa è cambiata, cercando di minimizzare il significato di una tale mossa.

Secondo il quotidiano Nasha Niva, a fine novembre la Banca nazionale della Bielorussia ha inviato una lettera alle banche private chiedendo loro di connettersi il prima possibile al sistema SPFS del Service Bureau gestito dalla Russia. Ciò significa che anche se l'UE e gli Stati Uniti riuscissero a convincere SWIFT ad allontanare la Bielorussia, tutti i principali pagamenti verranno instradati attraverso le banche russe.

Poi, il 4 dicembre, l'analista filogovernativo Piotr Piatrouski ha dichiarato all'agenzia di stampa statale BELTA: “Dagli anni '90, quando la Bielorussia è stata minacciata di sanzioni, il paese ha creato il proprio sistema bancario nazionale, Belkart. Siamo anche collegati al sistema russo. Siamo collegati al sistema cinese. Al momento, SWIFT non ha il monopolio sull'abilitazione delle operazioni monetarie”.

“D'altra parte, l'allontanamento della Bielorussia dallo SWIFT sferrerà un colpo molto potente all'opposizione radicale bielorussa … perché l'opposizione non sarà in grado di ottenere finanziamenti tramite carte bancarie”, ha concluso Piatrouski nella stessa intervista.

La piattaforma Golos respinge queste tesi, affermando che “il sistema russo che è stato creato come backup per la disconnessione SWIFT della Russia non aiuterà”. Le banche delle parti commerciali non sono collegate ad esso, mentre il servizio SPFS consente solo transazioni in rubli russi, si legge nella dichiarazione, che prevede che l'importazione e l'esportazione verrebbero bloccate in caso di disconnessione.

Un embargo tecnologico

I precedenti tentativi di limitare l'accesso alla tecnologia utilizzata dal governo bielorusso non hanno avuto un enorme successo. Nel 2011 l'UE ha introdotto un embargo su qualsiasi arma e attrezzatura che potrebbe essere utilizzata per la repressione interna, come reazione alla violenza contro i manifestanti dopo le elezioni presidenziali del dicembre 2010. Gli Stati Uniti hanno anche vietato le relazioni economiche con una serie di funzionari e imprese bielorusse, anche se nel 2019 alcune sanzioni sono state rimosse o congelate a causa della speranza di relazioni normalizzate.

Nonostante questi sforzi, le granate stordenti usate contro i manifestanti nelle strade di Minsk nell'estate e nell'autunno del 2020 erano di origine ceca. Sebbene siano stati probabilmente acquistati prima dell'embargo del 2011, la tecnologia DPI (Deep Packet Inspection) utilizzata per limitare l'accesso a dozzine di siti web indipendenti in Bielorussia è un prodotto di contemporaneo. È stato sviluppato dalla società canadese di proprietà statunitense Sandvine, i cui rappresentanti hanno dimostrato la tecnologia alle autorità bielorusse solo nel maggio 2020.

Dopo un'indagine di Bloomberg e una protesta internazionale, la società ha rivisto il suo codice etico interno e ha concluso l'accordo con Minsk. “Mettendo fine all'accordo, Sandvine ha dichiarato che smetterà di fornire aggiornamenti software e assistenza tecnica per le sue apparecchiature utilizzate dal National Traffic Exchange Center, controllato dallo Stato, il quale gestisce tutti i dati Internet in entrata e in uscita dal paese. Ma ciò non significa che l'attrezzatura cesserà di funzionare e sarà ancora utilizzabile a breve termine ”, ha detto a Bloomberg un portavoce dell'azienda nel settembre 2020.

Questi due esempi sono solo la punta dell'iceberg.

Secondo un comunicato stampa fornito a Global Voices dai rappresentanti della diaspora bielorussa a San Francisco, il reale ambito di cooperazione potrebbe essere molto più importante. Questi bielorussi hanno protestato fuori dagli uffici delle società della Silicon Valley a causa dei loro legami con il governo bielorusso. Affermano che oltre 20 importanti società tecnologiche stanno fornendo tecnologia alle autorità bielorusse, tra cui Seagate Technology, Kingston Technology, il software Red Hat sussidiario di IBM, SAP SE, VMware Inc, Oracle Corporation, Broadcom Inc, Supermicro, Intel, NVIDIA e molti altri . Cenni ad alcuni dei prodotti di queste società (come VMWare, Seagate e Oracle) si possono infatti trovare sul portale statale per le gare d'appalto.

Sebbene hardware e software occidentali siano utilizzati per alimentare i sistemi digitali della maggior parte delle istituzioni statali bielorusse, è importante notare che alcuni sono maggiormente coinvolti nella repressione rispetto ad altri.

“Supermicro, una società di tecnologia dell'informazione con sede a San José, California, ha recentemente vinto una gara con il KGB bielorusso per la fornitura delle proprie apparecchiature per 100 mila dollari. Prima della gara, la comunità bielorussa della zona della baia di San Francisco ha inviato loro una lettera sulla situazione in Bielorussia e ha chiesto loro di interrompere la gara ”, si legge nella descrizione dell'evento del 24 novembre.

Supermicro non ha ancora rilasciato una risposta pubblica. È plausibile che i server di Supermicro possano aiutare il servizio di sicurezza nazionale del paese a memorizzare i dati, anche se non si può sapere con certezza.

Ma fermare l'esportazione della tecnologia di un regime repressivo non sarebbe così facile. In realtà, secondo il sito dedicato alle gare d'appalto della Bielorussia, i server di Supermicro sarebbero stati forniti al KGB tramite la società privata bielorussa MAP INFO. Sulla carta, la compagnia americana non sarebbe coinvolta nel sostenere il KGB bielorusso. Per evitare ciò, Supermicro dovrebbe smettere di vendere le sue attrezzature a qualsiasi società privata bielorussa. Lo stesso si può dire del software Vmware utilizzato dal Centro Informativo e Analitico dell'amministrazione presidenziale: la gara d'appalto di settembre 2020 è stata vinta dalla società privata bielorussa Kvadrosoft.

Anche se le società statunitensi cessassero la cooperazione con le loro controparti private bielorusse, potrebbe non essere sufficiente. Date le ridotte dimensioni del mercato bielorusso, i fornitori privati e statali russi potrebbero quindi entrare in gioco.

“Data la scarsità di risorse interne e l'elevata dipendenza dai finanziamenti esterni per sostenere il deficit commerciale e per aiutare il debito estero, qualsiasi restrizione imposta ai flussi di capitale può deteriorare significativamente la situazione economica e rendere la Bielorussia maggiormente dipendente dal finanziamento russo”, ha concluso Julia Korosteleva in uno studio sull’ efficienza delle sanzioni contro la Bielorussia, pubblicato dal Servizio europeo per l'azione esterna nel 2012.

Otto anni dopo, la situazione rimane invariata. E ciò riguarda anche le catene di approvvigionamento. Stretti legami economici con la Russia o il Kazakistan, così come relazioni crescenti con (e la dipendenza da) la Cina fornirebbero un'altra opportunità a Minsk di acquistare qualsiasi attrezzatura o bene gli sia negata dall'Occidente.

È importante sottolineare che le tecnologie open source possono essere utilizzate per molti scopi e non costano nulla. Sono già utilizzati non solo per aggirare la censura, ma anche per consentirla, come dimostra il caso dell'operatore austriaco A1.

Quando le autorità bielorusse hanno tentato di chiudere l'accesso a Internet a Minsk durante le accese proteste, A1 sembrava assecondare le loro richieste. L'azienda è stata poi esaminata dalla stampa austriaca. Secondo la Quirum Media Foundation, la sussidiaria bielorussa di A1 ha utilizzato il software per filtrare l'accesso ai media indipendenti e ad altri siti web non graditi al governo.

“Squid è solo un software gratuito che può essere installato su un computer potente”, ha spiegato Vadzim Loseu, analista e consulente della sicurezza digitale bielorusso con una vasta esperienza in Bielorussia, Russia e Kazakistan. “La licenza non include alcuna limitazione sull'utilizzo del prodotto software per il filtraggio Internet”.

Da parte sua, A1 sembra aver suggerito che il prezzo per fare affari in Bielorussia è imporre la chiusura di Internet. Nella sua risposta alla lettera aperta della coalizione KeepItOn, una ONG che si batte contro la chiusura di internet, il provider ha dichiarato: “È ovvio che la limitazione dell'accesso ai servizi Internet va contro l'interesse dell'azienda e dei suoi clienti. Tuttavia, A1 Telekom Austria Group è obbligato a seguire le norme legislative e normative locali in ogni paese in cui opera”.

Inoltre, è bene ricordare che, sebbene la Bielorussia sia un mercato piccolo, ha un settore tecnologico interno vivace e rinomato. Alcune aziende bielorusse lamentano già di aver affrontato campagne digitali aggressive che le accusavano di legami con il regime bielorusso. Per esempio, questo autunno, diversi canali di social gestiti dall'opposizione hanno accusato Synesis di fornire alla polizia tecnologie per il riconoscimento facciale tramite il suo software Kipod. In sua difesa, la società ha spiegato a Onliner.by che le sue telecamere sono presenti solo nelle stazioni della metropolitana e dei treni di Minsk e possono riconoscere solo volti registrati nel suo database e non dai filmati caricati in occasione delle proteste come ipotizzato dagli utenti dei social media.

Autocrazia senza confini?

Alla fine, una cosa è certa: la Bielorussia è diventata abbastanza globalizzata da essere danneggiata se le tecnologie e le forniture diventano meno accessibili, ma anche abbastanza globalizzate da essere in grado di riorientarsi verso mercati orientali più grandi. Alcuni prodotti open source e il potenziale del proprio settore tecnologico complicherebbero anche l'efficacia di eventuali sanzioni unilaterali. Cosa fare dunque?

Un approccio più efficiente da parte dei governi e delle aziende occidentali potrebbe essere quello di espandere le tecnologie in Bielorussia e renderle più accessibili. Esistono già esempi efficaci da tenere in considerazione nel settore tecnologico: nell'agosto 2020, la piattaforma di messaggistica di Telegram e il provider VPN hanno salvato i bielorussi dal blackout totale implementando strumenti anti-censura e fornendo traffico gratuito. L'emittente Euroradio, con sedi in Polonia e Bielorussia, ha anche utilizzato la tecnologia mobile per lanciare una linea cellulare di accesso gratuito ai suoi notiziari durante la chiusura di Internet.

“Imporre limitazioni alla distribuzione della tecnologia nel 2020 sarebbe molto probabilmente impossibile a causa dell'interconnessione del mercato software e hardware bielorusso. Molte aziende sono presenti su quel mercato e se Sandvine se ne va, qualcun altro domani potrebbe prendere il loro posto ”, ha concluso Vadzim Loseu, analista della sicurezza digitale. “In generale, la responsabilità della censura e del filtraggio di Internet spetta agli stati o ad altri gruppi che applicano tali strumenti. Se il tuo vicino continua a picchiare il suo gatto con una scarpa, puoi parlare con i produttori e i fornitori di scarpe quanto vuoi, ma è comunque importante ricordare chi sta picchiando il gatto “.

Questo articolo è stato reso possibile grazie a una partnership con Transitions, un'organizzazione di formazione per i media e l'editoria con sede a Praga

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.