chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La lunga battaglia di un'avversaria dei media col nuovo PM giapponese Suga Yoshihide

suga vs mochizuki

Il nuovo Primo Ministro giapponese Suga Yoshihide (S) e la giornalista del Tokyo Shimbun Mochizuki Isoko (D). Immagini tratte dai canali YouTube ufficiali di ANN e Sakata Mokoto. Immagine composta da Nevin Thompson.

Shinzo Abe ha annunciato le sue dimissioni alla fine di agosto, dopo otto anni in carica e un giorno dopo essere diventato il primo ministro giapponese più longevo [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] del dopoguerra. Il 16 settembre Suga Yoshihide è stato scelto come successore di Abe alla guida del partito di governo, il Partito Liberal-Democratico (LDP) e come nuovo primo ministro giapponese.

Suga, ritenuto a lungo il “braccio destro” di Abe al governo, ha promesso di continuare le politiche di Abe, inclusa la rivitalizzazione economica. Tuttavia, si teme che Suga manterrà la sua abitudine di non prestare ascolto o addirittura comportarsi con prepotenza con i giornalisti che fanno domande troppo delicate.

Nei giorni precedenti all'ascesa di Suga come capo del LDP e primo ministro del Giappone, una sua avversaria mediatica di lunga data si è chiesta cosa potrà significare la sua leadership per il giornalismo giapponese. In un pezzo per il settimanale d'affari Toyo Keizai [ja] pubblicato giorni prima che Suga diventasse primo ministro, la veterana del giornalismo Mochizuki Isoko chiedeva:

Il mio ultimo pezzo per ToyoKeizai: Quale futuro per i media sotto l'amministrazione Suga?

Fino a questo momento Suga non ha dato alcuna risposta alle domande dei media. Usando come scusa la pandemia da COVID-19, la disponibilità ai media (le conferenze stampa) è stata ridotta a dieci minuti totali e Suga sostiene che sia “abbastanza”. Molti giornalisti sono rimasti delusi.

Suga ha una lunga storia con Mochizuki Isoko, che scrive di politica nazionale per il Tokyo Shimbun. A partire almeno dal 2017, Mochizuki si è guadagnata la reputazione di giornalista particolarmente aggressiva, mettendo spesso sotto pressione Suga, all'epoca Capo di Gabinetto, perché rispondesse alle domande.

Nel 2017, mentre il Primo Ministro Abe Shinzo cercava con difficoltà di arginare due scandali di clientelismo politico, Mochizuki metteva pressione ogni giorno ponendo con determinazione 23 domande [ja] a cui né Suga né altri portavoce del governo hanno dato alcuna risposta.

Il una conferenza stampa del 2019, Mochizuki chiese la divulgazione [ja] della ripartizione del bilancio e particolari su un controverso evento esclusivo organizzato da Abe Shinzo. Tuttavia, Suga interruppe Mochizuki [ja], chiedendole di “semplificare e abbreviare” le domande e poi la ignorò.

Lo scambio più famigerato tra Suga e Mochizuki è stato a dicembre 2018 [ja], in un momento di grande attenzione su un progetto di costruzione di una nuova base militare USA nella prefettura di Okinawa. Mochizuki torchiava regolarmente gli ufficiali governativi sull'impatto ambientale della nuova base, rivelando influenze politiche potenzialmente illegali.

Per tutta risposta Suga, nelle vesti di portavoce governativo, si rifiutò di rispondere alle domande di Mochizuki, dicendo che le sue affermazioni sul progetto della base erano inesatte [ja].

Dopodiché, lo staff di Suga mandò note ai principali organi di stampa giapponesi in cui si dava indirettamente a Mochizuki della bugiarda, affermando che avesse fatto “domande inappropriate” che avrebbero “diffuso disinformazione” sia tra membri della stampa che si occupavano della questione della base sia tra il pubblico generale.

Da allora gli ufficiali governativi rifiutano di riconoscere la sua presenza o di rispondere alle sue domande, escludendola di fatto dalle conferenze stampa del governo.

Una battaglia affinché il governo si assuma le sue responsabilità

La determinazione giornalistica di Mochizuki e gli sforzi del governo per farla tacere non sono passati sotto silenzio. Il film-documentario di novembre 2019 i ―新聞記者ドキュメント [ja] (“Una testimonianza diretta di una giornalista in Giappone”), basato sull'esperienza di Mochizuki in qualità di giornalista donna ha scatenato un dibattito nazionale sulla libertà di stampa in Giappone.

A maggio “The Journalist“, un altro film su Mochizuki Isoko, ha travolto la 43esima edizione dei Japan Academy Awards ricevendo sei premi, incluso quello di “Miglior Film”.

Oltre ad ispirare film popolari, le battaglie di Mochizuki con Suga e la precedente amministrazione Abe hanno scatenato un dibattito pubblico sulla libertà di stampa in Giappone e David Kaye, ex-corrispondente speciale delle Nazioni Unite per la promozione e protezione della libertà di opinione ed espressione, ha riferito che questa è minacciata:

[…] A significant number of journalists I met feel intense pressure from the government, abetted by management, to conform their reporting to official policy preferences.

[…] Un numero significativo dei giornalisti che ho incontrato percepisce forti pressioni da parte del governo, agevolate dai loro superiori, perché la loro copertura si adegui alle preferenze politiche ufficiali.

La giornalista del Tokyo Shimbun Mochizuki, pur criticata [ja] a volte da alcuni commentatori per aver “bloccato” le conferenze stampa con le sue domande, si è anche guadagnata un ampio sostegno. Il politico dell'opposizione Okuno Soichiro ha parlato apertamente in difesa di Mochizuki, dicendo [ja]:

国民の知る権利を封じることに繋がらないでしょうか

[Il governo giapponese] sta violando la libertà di stampa, la libertà di parola e il diritto di sapere dei cittadini.

I giornalisti hanno notato da molto tempo l'apparente ostilità del neo-Primo Ministro Suga nei confronti della stampa. A febbraio del 2019, il giornalista dell'Asahi Shimbun e ex-capo della Federazione Giapponese dei Sindacati dei Lavoratori della Stampa Minami Akira ha dichiarato [ja]:

Per quanto riguarda il modo in cui (Suga, come capo di gabinetto) gestisce le conferenze stampa, è un problema serio quando Suga dice (ai giornalisti) “Domande brevi” durante le sedute, interrompendo il flusso di domande più volte al minuto. Nonostante i media abbiano chiesto più volte (che Suga smetta di farlo), le cose non cambiano mai. È una sfida seria alla “libertà di stampa” che garantisce ai cittadini giapponesi il “diritto di sapere.”

All'inizio di settembre, durante la corsa di Suga per diventare il successore di Abe Shinzo alla carica di Primo ministro giapponese, Mochizuki gli ha chiesto direttamente del suo atteggiamento nei confronti della stampa. Suga, in qualità di moderatore, ha interrotto le sue domande piuttosto bruscamente, dicendo [ja]:

限られた時間の中でルールに基づいて記者会見は行なっておりますですから早く結論を質問していただければお答えできると思います

Le conferenze stampa hanno un tempo limitato e seguono certe regole. Perciò, vorrei che facesse domande sintetiche.

Suga non ha risposto alle domande di Mochizuki su come lavorerà con la stampa come primo ministro.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.