chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il costo del dissenso: le donne e l'attivismo politico in Vietnam

Da sinistra a destra: l'attivista e giornalista Pham Doan Trang, l'attivista e ambientalista Dinh Thi Thu Thuy e l'attivista e musicista Mai Khoi.

Questo articolo [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è stato inizialmente pubblicato su The 88 Project, un sito d'informazione indipendente vietnamita, e una sua versione modificata è ripubblicata su Global Voices come parte di un accordo sulla condivisione di contenuti.

Il 20 gennaio, Dinh Thi Thu Thuy è diventata la più recente attivista donna a ricevere una pena detentiva in Vietnam. Thuy, un ingegnere in acquacultura e ambientalista proveniente dal Delta del Mekong, aveva criticato una serie di politiche del governo su Facebook ed è stata arrestata ad Aprile dello scorso anno. Per soli 5 post che avevano ricevuto semplicemente 130 like e 80 condivisioni, Thuy è stata condannata a sette anni di prigione. Prima del suo processo, durato solo quattro ore, Thuy aveva passato otto mesi in custodia cautelare, periodo in cui non poteva contattare la sua famiglia, incluso suo figlio di 10 anni. La vita in prigione era dura; per effetto delle pessime condizioni delle strutture detentive, Thuy ha sviluppato problemi al cuore ed è stata ricoverata in ospedale.  Thuy è una delle tante coraggiose donne vietnamiti che ha pagato un caro prezzo per non aver fatto altro che esprimere la propria opinione.

Sono 241 i vietnamiti, uomini e donne, attualmente in prigione. Thuy è una delle 21 donne attiviste che sta scontando una pena detentiva, mentre sei di loro stanno aspettando il processo; tre donne sono state esiliate dal paese in cambio del rilascio anticipato. The 88 Project stima che almeno altre 55 donne sono a rischio di persecuzione. Nonostante siano di più gli attivisti uomini che donne, è interessante notare che la maggior parte degli oppositori meglio conosciuti del paese siano donne. La blogger Nguyen Ngoc Nhu Quynh, conosciuta a Occidente come “Mother Mushroom” (Mamma Fungo), ha attirato l'attenzione del pubblico internazionale nel 2017 dopo che il ministero degli esteri americano le ha conferito il premio di International Woman Courage dopo il suo arresto avvenuto l'anno precedente. Quynh era stata arrestata per dei post online che avevano sottolineato la violenza della polizia, la corruzione e il disastro ambienale di Formosa del 2016. Quynh aveva ricevuto una condanna di 10 anni nel 2017 ma è stata rilasciata un anno dopo ed esiliata negli Stati Uniti.

La stella del pop Mai Khoi ha utilizzato la sua notorietà di cantante per promuovere diritti della comunità LGBT, femminismo e libertà di parola attraverso le sue piattaforme digitali. Khoi è diventata famosa nel 2010 dopo la vittoria del Vietnam Television's Song and Album of the Year, ma è rimasta sempre più delusa dalla mancanza di libertà politica e artistica del paese. Nel 2016 ha provato in maniera fallimentare a candidarsi da indipentente all'Assemblea Nazionale. Durante la visita di Barack Obama al paese quello stesso anno, Mai Khoi l'ha incontrato per discutere dei diritti umani in Vietnam. La sua franchezza ha catturato l'attenzione delle autorità e al suo ritorno da un tour europeo nel 2018 è stata trattenuta per otto ore all'aereoporto di Hanoi. Nel 2019, Mai Khoi è stata la protagonista di un documentario internazionale. Adesso vive negli Stati Uniti a causa di contui atti di intimidazione.

In Vietnam, la politica è ancora dominata dagli uomini: solo uno dei 18 membri del Politburo è donna; su 200 donne membri, sono solo 19 quelle che fanno parte della Commissione Centrale (CC). Sono meglio piazzate nell'Assemblea Nazionale, ma il potere politico vero giace nelle mani del Politburo e del CC. L'attivista e giornalista Pham Doan Trang ha affermato al The 88 Project, nel 2019, che l'attivismo politico non è solamente una lotta contro la dittatura, ma anche una battaglia contro i limiti imposti dalla societa patrarcale vietnamita.

Women are not only victims of the regime in terms of politics, but they are also victims of gender inequality, or self-constraint,” she explained. “Women restrain themselves in thinking that they are not suitable for a political career, that politics is for men … Thus, we should think that our fight is not only against dictatorship, or to free Vietnam from dictatorship. It is also a fight to free ourselves from our own ideological constraints, from the prejudice that we impose on ourselves.

“Le donne non sono vittime del regime solo in termini di politica, ma anche per quanto riguarda l'uguaglianza di genere, o le autoimposizione,” ha spiegato. “Le donne si limitano pensando di non essere adatte a una carriera politica, che la politica è roba da uomini… Pertanto dovremmo pensare che la nostra non sia una lotta rivolta solamente alla dittatura, o rivolta a liberare il Vietnam da essa, ma che sia una battaglia per liberarci dai nostri vincoli ideologici, dai pregiudizi che ci autoimponiamo”.

Pham Doan Trang è stata arrestata lo scorso ottobre dopo anni di molestie e sta attualmente aspettando la condanna. È accusata di “condurre propaganda contro lo staso ai sensi dell'Articolo 117 del Codice Penale del 2015. L'Articolo 117 è quotidianamente utilizzato come modo per rinchiudere gli attivisti contro il regime.

La mancanza di una rappresentanza femminile al vertice della politica vietnamita rende la partecipazione delle attiviste ancora più sbalorditiva. Ovviamente la maggior parte degli attivisti del paese sono uomini, ma ciò enfatizza ulteriormente l'impatto che le donne hanno avuto. Sono donne come Nguyen Ngoc Nhu Quynh, Pham Doan Trang, e Mai Khoi che hanno attirato l'attenzione del pubblico internazionale verso i diritti umani del Vietnam.

Naturalmente, non tutte le donne hanno raggiunto lo stesso livello di fama internazionale per il loro contributo e al Partito Comunista (VCP) questo fa comodo. Nonostante la libertà di espressione sia protetta dalla Costituzione, le critiche verso il regime non sono tollerate. Solo cinque paesi in tutto il mondo hanno una libertà di stampa ancor minore del Vietnam, secondo Reporters without Borders; perfino Iran e Arabia Saudita hanno una stampa più indipendente, anche dopo il 13esimo congresso del partito dello scorso mese che probabilmente non cambierà nell'immediato futuro.

La CC ha compiuto l'insolito passo di rieleggere l'attuale presidente, Nguyen Phu Trong, un conservatore intransigente che ha controllato un aumento della repressione, soprattutto a partire dalla sua prima rielezione nel 2016. Solo qualche settimana prima dell'inizio del congresso, 3 membri (uomini) dell'Indipendent Journalists of Vietnam hanno ricevuto sentenze detentive che vanno dagli 11 ai 15 anni di prigione a causa del loro lavoro. Così come Pham Doan Trang, anche loro sono stati accusati di “condurre propaganda contro lo stato”.

Ad Aprile 2020, il Vietnam ha ha fatto pressione a Facebook per censurare e rimuovere i contenuti non approvati dal VCP, il che potrebbe essere stata una risposta alle azioni di attivisti come Dinh Thi Thu Thuy che hanno utilizzato la piattaforma per criticare le politiche del governo. Il VCP è molto attento all'influenza che hanno i social media.

Gli eventi in corso in Birmania sono la testimonianza del potere dei social media nel galvanizzare e organizzare proteste politiche. Tuttavia, le proteste in Birmania probabilmente non saranno replicate in Vietnam, quanto meno a breve termine, dato che il futuro del paese sembra essere abbastanza scontato: il regime continuerà a censurare la libertà di parola e a rinchiudere gli oppositori; le attiviste vietnamiti continueranno a resistergli.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.