chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il sostegno cinese al cotone dello Xinjiang scatena feroce patriottismo e mette in discussione la posizione morale dei marchi occidentali

Illustrazione che illustra il boicottaggio del cotone dello Xinjiang del fumettista politico Badiucao, usata con il permesso.

Negli ultimi anni, la Cina ha assistito a ondate di patriottismo che si sono estese all'economia. Oggi, diversi marchi stranieri sono stati presi di mira in una feroce campagna di boicottaggio per la loro decisione di sospendere l'uso del cotone dello Xinjiang nei loro prodotti, poiché le prove delle organizzazioni per i diritti umani e dei media hanno dimostrato l'uso del lavoro forzato uiguro nella catena di produzione.

In risposta, Pechino ha mobilitato i suoi patrioti online per sostenere l'uso del cotone prodotto in questa provincia occidentale della Cina che è la patria del popolo uiguro. Infatti le autorità cinesi continuano a liquidare le accuse di lavoro forzato e altre violazioni dei diritti umani come informazioni false.

Da quando il presidente cinese Xi Jinping ha stabilito la lotta ideologica come la chiave per mantenere un sistema a partito unico nel 2014, non è raro vedere i patrioti cinesi online chiedere il boicottaggio di celebrità e marchi stranieri quando li percepiscono come una minaccia che mina l'immagine positiva della Cina.

Ecco alcuni esempi – nel 2018, un video rilasciato dal marchio di moda italiano D&G che mostrava una modella cinese che mangiava la pizza con le bacchette [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è stato percepito come razzista e ha scatenato un forte contraccolpo in Cina. Nel 2016, il gigante cosmetico Lancôme ha cancellato il concerto della cantante-attivista di Hong Kong Denise Ho a seguito di un appello online al boicottaggio. Nel 2019, marchi di lusso come Versace, Coach e Givenchy sono stati costretti a scusarsi per i design dei prodotti che raffiguravano Hong Kong, Macao o Taiwan come regioni separate dalla Repubblica popolare cinese.

La maggior parte dei boicottaggi precedenti erano motivati da un sentimento populista intorno alla nozione di “orgoglio nazionale” cinese che è spesso costruito attraverso un'immagine immaginaria dell'Occidente come un nemico, e accompagnato da espressioni come “ferire i sentimenti del popolo cinese”.

L'ultima campagna di boicottaggio, tuttavia, è diversa dai precedenti tumulti online in quanto ha posto la politica repressiva cinese dello Xinjiang, che è considerata un tabù politico per la deliberazione pubblica, al centro della performance patriottica cinese. Come notato dalla corrispondente di Reuter's Cate Cadell su Twitter,

Alla China Fashion Week di Pechino, abbiamo sentito un sostegno febbrile per il cotone dello Xinjiang, per lo più riecheggiando un dettame chiave della recente propaganda: se non ami la politica etnica della Cina, non ami la Cina.

Il boicottaggio online dei marchi occidentali che si rifiutano di utilizzare il cotone dello Xinjiang è stato avviato dalla Lega della gioventù comunista cinese il 24 marzo, quando l'organismo ha puntato il dito contro il marchio di moda europeo H&M, accusando la dichiarazione dell'azienda, pubblicata nel settembre 2020, di diffondere informazioni false sul lavoro forzato nello Xinjiang.

La dichiarazione di H&M era infatti in linea con la sospensione della licenza rilasciata da Better Cotton Initiative al cotone dello Xinjiang nel marzo 2020. Questo gruppo no-profit, che promuove l'ambiente e gli standard lavorativi nella coltivazione del cotone, conta più di 2.000 membri della vendita al dettaglio e dell'industria manifatturiera in 27 paesi. La sua decisione era “basata sul riconoscimento che l'ambiente operativo impedisce l'esecuzione di garanzie e licenze credibili”.

I boicottaggi cinesi sono stati infine estesi da H&M ad altri membri della BCI tra cui Nike, Adidas, GAP, Hugo Boss, Uniqlo e altri.

La tempistica della tempesta ha sollevato le sopracciglia degli osservatori cinesi. Come evidenziato da Ola Wong, è emerso subito dopo che l'Unione Europea, lo Stato Unito, il Regno Unito e il Canada hanno coordinato le sanzioni contro una lista di funzionari dello Xinjiang che sono considerati responsabili della massiccia detenzione arbitraria e della grave violazione dei diritti umani degli uiguri nella regione:

La tempistica di questa improvvisa reazione “popolare”, guidata da celebrità che sono state felici di prendere i soldi di H&M in cambio di approvazione, è dovuta a un'ondata di sanzioni imposte da Regno Unito, Stati Uniti e UE Nike, H&M affrontare la furia della Cina su Xinjiang cotone “preoccupazioni

L'escalation di tensione che circonda la politica cinese dello Xinjiang ha ora maggiori probabilità di compromettere l'accordo di investimento firmato a dicembre tra la Commissione europea e la Cina, un documento che sta ancora aspettando l'approvazione finale di Bruxelles. Nel frattempo, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che esprime preoccupazione per il lavoro forzato nello Xinjiang nel dicembre 2020, e un'altra risoluzione che critica l'accordo di investimento UE-Cina per la rinuncia al valore dei diritti umani nel gennaio di quest'anno.

In modo significativo, quando la campagna di boicottaggio contro i marchi stranieri ha preso il via, Hu Xijin, il capo redattore del Global Times cinese affiliato al Partito comunista, ha dichiarato che:

Alcuni membri del Parlamento europeo volevano che la Cina ponesse fine alle sanzioni come condizione preliminare per far avanzare l'accordo di investimento Cina-UE. Ridicolo. Il CAI [Accordo globale sugli investimenti UE-Cina] è un accordo reciprocamente vantaggioso, non un regalo che l'UE fa alla Cina. La stabilità dello Xinjiang è molto più importante di quell'accordo.

Poiché “la stabilità dello Xinjiang è molto più importante di quell'accordo”, Pechino ha apparentemente agito per respingere il suo stile diplomatico altamente assertivo da guerriero. Il 26 marzo, la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying ha mostrato un'immagine del 1968 di prigionieri che lavorano in un campo di cotone del Texas, e si è riferita ad essa come una prova della schiavitù nera negli Stati Uniti.

Come risultato della narrazione orchestrata da Pechino, una dozzina di star popolari hanno da allora terminato il loro contratto con marchi stranieri, e anche le piattaforme di e-commerce sono state trasformate in armi: la maggior parte delle piattaforme cinesi di shopping online hanno eliminato alcuni marchi occidentali, e i negozi H&M sono scomparsi dalle mappe online.

Nel complesso, il messaggio è molto chiaro, come descritto dal reporter del China Daily Chen Weihua su Twitter:

Frasi errate. Dovrebbe essere letto: H&M e Nike dovrebbero imparare la lezione sul cercare di immischiarsi nella politica cinese e mancare di rispetto ai consumatori cinesi.

Anche i media vengono attivati nella campagna contro i marchi occidentali, con la televisione CGTN, finanziata dallo stato, che descrive le accuse di violazione dei diritti umani nello Xinjiang come bugie. Recentemente, ha sostenuto la sua tesi con un'indagine condotta da un reporter indipendente francese la cui identità rimane poco chiara, e con i commenti di un video blogger britannico con sede in Cina.

L'emittente televisiva ha anche pubblicato un documentario sul terrorismo nello Xinjiang, accusando un certo numero di ex funzionari ed educatori di essere agenti “double-face” che incitavano l'estremismo religioso e i pensieri separatisti attraverso i libri di testo.

Queste narrazioni ufficiali sono riecheggiate e amplificate sui social media cinesi. Un gran numero di video che mostrano volti felici di uiguri hanno inondato le piattaforme di social media cinesi, tra cui Douyin e Weibo. Ecco un video virale postato su Twitter:

Ciao a tutti. Siamo sorelle uigure dallo Xinjiang. Benvenuti in Xinjiang.

Regina Ip Lau Suk Yee, un politico pro-Pechino con sede a Hong Kong descrive le accuse di genocidio e lavoro forzato nello Xinjiang come bugie, e ha twittato foto di belle attrici dello Xinjiang come prova contro le accuse di abuso fisico:

Guardate queste povere donne uiguree di altre minoranze dello Xinjiang – così mal trattate dal PCC – sono così magre, niente da mangiare e niente da indossare!

Per i marchi stranieri che contano sul mercato cinese, questa esplosione di patriottismo online è un duro campanello d'allarme: qual è la scelta appropriata tra interessi commerciali e valori morali?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.