chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'improvvisa scomparsa di un giudice potrebbe compromettere i rapporti tra Ucraina e Moldavia

mykola chaus

Mykola Chaus, un giudice ucraino residente a Chisinau, sarebbe stato rapito nell'aprile 2021. Immagine per la cortesia di RISE Moldova.

All'inizio di aprile, Mykola Chaus, un giudice ucraino, sarebbe stato rapito da ignoti a Chisinau, la capitale della Moldavia. Chaus era fuggito in Moldavia dall'Ucraina nel 2016, dove è indagato con l'accusa di aver accettato una grossa tangente.

Cinque giorni prima della sua scomparsa, Chaus fu il protagonista di un'indagine [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] congiunta condotta da giornalisti del RISE Moldova [md] (sito web investigativo dove lavoro anche io) e di Slidstvo.info [uk] (organo di giornalismo investigativo ucraino) che ripercorreva gli eventi del 2016 riguardanti l'arrivo segreto del giudice in Moldavia. Cinque giorni dopo il presunto rapimento di Chaus, è stata pubblicata un’altra relazione d’inchiesta riguardante la sua scomparsa a Chisinau. Questo articolo per Global Voices riassume le nostre indagini sulla storia di Chaus, sul presunto coinvolgimento dei servizi segreti ucraini nel suo trasferimento e sugli scandali di corruzione che attualmente complicano le relazioni tra Ucraina e Moldavia.

Perché la Moldavia?

Mykola Chaus, giudice presso il tribunale del distretto di Dnipro a Kiev, capitale dell'Ucraina, fece notizia per la prima volta il 9 agosto 2016, quando gli investigatori dell'Ufficio Nazionale Anticorruzione dell’Ucraina (NABU) colsero [uk] il funzionario in flagrante mentre nascondeva in due barattoli di vetro una tangente di 150.000 dollari, che aveva estorto e ricevuto all'inizio di quell'anno. Siccome godeva dell'immunità, il giudice riuscì ad evitare l'arresto immediato e si dileguò. Nonostante i numerosi mandati di comparizione da parte dei pubblici ministeri e una caccia all'uomo internazionale lanciata dalle forze dell'ordine ucraine, diverse settimane dopo Chaus riuscì a fuggire e a lasciare l'Ucraina.

Una volta arrivato in Moldavia e stabilitosi a Chisinau, il fuggitivo chiese asilo per motivi di persecuzione politica. Il ricorso giudiziario in atto consentì al magistrato di rinviare di altri quattro anni la sua estradizione, richiesta dall'Ucraina nel 2017 in relazione alle accuse di corruzione mosse contro Chaus.

Paradossalmente, di recente il Parlamento moldavo ha riconosciuto la corruzione come un “flagello nazionale” e “la principale minaccia alla libertà, alla sicurezza e al benessere” in una dichiarazione [md] adottata nel giugno 2019, dopo che uno degli oligarchi più ricchi del paese, Vladimir Plahotniuc, fuggì dalla Moldavia quando il suo partito venne spodestato da una coalizione di opposizione.

Plahotniuc, un ex legislatore e presidente del Partito Democratico della Moldavia (PDM) al governo, era ampiamente considerato il governatore informale della repubblica, nonostante non ricoprisse alcuna carica pubblica da diversi anni. La sua influenza venne rafforzata da un clan di funzionari pubblici a lui vicino che governò la Moldavia su sue disposizioni.

Tra le altre cose, Plahotniuc fu anche socio in affari dell'ex presidente ucraino Petro Poroshenko. Pertanto, la scelta della Moldavia come rifugio per Chaus è stata una soluzione ovvia, secondo l’ opinione condivisa tra le forze dell'ordine di Kiev e Chisinau, che hanno parlato in maniera confidenziale.

Un “giudice tascabile” che sa troppo?

A Kiev, il fuggiasco è stato spesso definito il ” giudice tascabile[uk] di Poroshenko, poiché presumibilmente era al corrente dei vari casi giudiziari in cui era coinvolta la squadra dell'ex presidente e della normale influenza sui procedimenti giudiziari della “giustizia al telefono” esercitata dai politici. Ciò lo rendeva anche un potenziale testimone in eventuali indagini future di abuso di potere o persecuzione di avversari politici da parte dell'ex capo di stato.

In un'intervista a Global Voices, Yevgenia Motorevska [uk], giornalista investigativa ucraina per Slidstvo.info e collaboratrice nelle inchieste su Chaus, ha affermato che in Ucraina ci sono diverse fazioni desiderose di sapere dove si trova Chaus:

His speedy return to Ukraine is of interest to the current government of President Volodymyr Zelenskyy. Mykola Chaus is a valuable witness in one of the criminal cases also featuring Ukraine’s former President Petro Poroshenko. The latter is currently Zelenskyy’s main opponent. The current government has repeatedly indicated their intention to prosecute Poroshenko on criminal charges.

L'attuale governo del presidente Volodymyr Zelenskyy è interessato al suo ritorno tempestivo in Ucraina. Mykola Chaus è un testimone prezioso in uno dei casi penali in cui compare anche l'ex presidente ucraino Petro Poroshenko, attualmente il principale avversario di Zelenskyy. L'attuale governo ha più volte indicato la propria intenzione di perseguire Poroshenko con l’imputazione di reati penali.

Yevgenia Motorevska afferma che la scomparsa del giudice “potrebbe essere conveniente anche per l'ex presidente Poroshenko” in quanto distoglierebbe l’attenzione dalle indagini in corso su di lui.

Silenzio da Kiev

Il ritorno di Chaus in Ucraina è stato considerato da molti un vantaggio per la squadra di Zelenskyy. Questo fino a quando non è stato rapito il 3 aprile 2021. Il presunto sequestro potrebbe sollevare domande scomode sia per Zelenskyy che per la sua controparte moldava, la presidente Maia Sandu.

I media di entrambi i paesi stanno ora ipotizzando [ru] che il rapimento del giudice potrebbe essere stato organizzato congiuntamente dai servizi segreti ucraini e moldavi, con la tacita benedizione di Sandu e Zelenskyy. Tuttavia, non sono ancora emerse prove a sostegno di queste affermazioni.

Fonti del Ministero degli Affari Esteri della Moldavia hanno affermato che, nelle due settimane successive alla scomparsa di Chaus, la presidente Sandu ha tentato almeno tre volte di contattare telefonicamente il suo collega ucraino per discutere dell'incidente, senza mai riuscirci.

Allo stesso tempo, i funzionari di Kiev hanno negato qualsiasi collegamento con la scomparsa di Chaus. Andrey Chernyak, portavoce della Direzione principale dell'Intelligence ucraina, ha definito [uk] il rapimento “una provocazione dei servizi segreti russi”.

Sospettati

Mentre le autorità ucraine sviano le accuse, la Moldavia sta raccogliendo attivamente prove sulle persone coinvolte nel rapimento all’interno di un'indagine penale. Questo giornalista ha potuto esaminare alcuni dettagli del caso. Sulla base di questo materiale e delle altre fonti pubbliche utilizzate dai giornalisti di RISE Moldova e Slidstvo.info, è possibile trarre diverse conclusioni.

In primo luogo, a quanto pare gli inquirenti moldavi sono stati in grado di tracciare i movimenti della maggior parte dei possibili sospettati nel caso, dal loro arrivo in Moldavia dall'Ucraina fino alla loro uscita dal territorio.

Sia i fatti raccolti dagli inquirenti ufficiali che le informazioni ottenute dal nostro team internazionale di giornalisti investigativi suggeriscono che il rapimento sia stato un'operazione speciale, pianificata con almeno qualche mese di anticipo. A partire dal 20 aprile, il nostro team è stato in grado di individuare e identificare cinque passaporti ucraini falsi, i cui proprietari hanno lasciato la Moldavia il 3 aprile, giorno in cui Chaus è stato rapito.

In realtà l'operazione potrebbe aver coinvolto persone arrivate dall'Ucraina nel febbraio-marzo 2021 ma anche individui residenti a Chisinau da diversi anni. Tra di loro c'è Serhiy Smetanyuk, un addetto militare dell'Ambasciata d’Ucraina in Moldavia. Poche ore dopo la scomparsa di Chaus, Serhiy ha lasciato con poco preavviso la Moldavia alla volta dell'Ucraina a bordo di un veicolo con targhe diplomatiche. Gli inquirenti credono che la persona rapita possa essere stata in quel veicolo. Fino ad ora, l'Ucraina non ha accolto la richiesta di Chisinau [ru] di revocare l’immunità del diplomatico per far sì che venga interrogato dagli inquirenti.

Il team di giornalisti ha verificato le informazioni su circa 20 potenziali sospettati fornite da fonti vicine agli inquirenti moldavi provenienti dai registri aperti e ufficiali dell'Ucraina. Alcune delle persone in questione hanno precedentemente lavorato nelle forze dell'ordine ucraine.

Il procedimento penale ufficiale include anche fatti portati alla luce dal team di RISE Moldova e Slidstvo.info, pubblicati nella nostra seconda inchiesta diffusa dopo la scomparsa di Chaus. Tra questi c'è la doppia identità di un sospettato ucraino, che è noto per avere collegamenti con l'Intelligence ucraina.

Nel complesso, il fascicolo del procedimento penale è pieno zeppo di informazioni scoperte dai giornalisti investigativi. Ad esempio, ci sono immagini di dozzine di telecamere a circuito chiuso i cui flussi video dal giorno della scomparsa di Chaus sono stati analizzati dal nostro team.

Un caso con ripercussioni politiche

Oltre alle indagini ufficiali, il Parlamento moldavo sta anche esaminando i fatti principali riguardanti l'arrivo di Chaus a Chisinau e la sua successiva scomparsa. I legislatori moldavi hanno persino formato una speciale commissione investigativa sulla questione.

Recentemente, in una riunione a porte chiuse straordinaria, la commissione ha ascoltato le prove dei funzionari delle forze dell'ordine moldave; anche questo giornalista è stato invitato [uk] a parlare dell'inchiesta collaborativa. I legislatori erano particolarmente interessati all’ “Intelligence su fonti aperte” (OSINT) che il team di giornalisti ha utilizzato per raccogliere prove per la relazione investigativa sul caso di sequestro, intitolata “Un giudice per il contrabbando“.

I membri del Parlamento si sono sorpresi di come, in pochi giorni, una manciata di giornalisti dalla Moldavia e dall'Ucraina fossero riusciti a raccogliere prove video dalle telecamere a circuito chiuso, verificare i registri degli spostamenti dei dieci sospettati chiave, studiare le loro biografie ed esperienze lavorative passate e persino scoprire un passaporto falso usato da uno dei sospettati. Alcuni dei sospettati hanno addirittura commentato l'indagine (video in ucraino).

Fonti vicine all'inchiesta moldava ufficiale hanno detto a questo giornalista che è un peccato che “invece di rafforzare la cooperazione tra Kiev e Chisinau, i servizi di sicurezza ucraini agiscano incautamente per conto proprio, senza informare la controparte moldava e mettendo in cattiva luce tutto il loro sistema di sicurezza” .

Uno dei membri della commissione parlamentare speciale ha sottolineato in un commento a GV che “nell'attuale clima politico questo incidente va a vantaggio del Cremlino e “dei kremlinovici [it]” (un termine usato per descrivere i politici moldavi che sostengono le autorità russe)”.

Secondo il legislatore, che ha chiesto di rimanere anonimo a causa delle indagini in corso sul caso Chaus,

…to rebuild trust, the Ukrainian side should either acknowledge their participation in this controversy or assist in identifying the real culprits and their handlers who may be connected to the abduction. The acknowledgement could be public or private, but must provide notice of substantial detail through the law enforcement channels.

… per ripristinare la fiducia, l’Ucraina dovrebbe riconoscere la propria partecipazione a questa controversia o aiutare a identificare i veri colpevoli e i loro responsabili che potrebbero essere collegati al rapimento. L’ammissione può essere pubblica o privata, ma deve essere comunicata attraverso i canali delle forze dell'ordine.

Gli esperti che hanno parlato con questo giornalista ritengono che il sequestro del giudice potrebbe portare a un temporaneo raffreddamento delle relazioni bilaterali tra Moldavia e Ucraina.

Qualunque sia l'esito, sia la storia della fuga di Chaus in Moldavia che la sua scomparsa mostrano i rischi che il continuo uso a fini personali delle forze dell'ordine e dei poteri giudiziari da parte delle élite politiche rappresenta per la sicurezza regionale in questi due paesi.

Aleksey Tulbure, direttore dell'Istituto di storia orale della Moldavia, ritiene che i due paesi “abbiano l'opportunità di cercare soluzioni congiunte a problemi simili (come il separatismo) e stabilire priorità comuni nella politica interna ed estera, così come di promuovere la comprensione reciproca tra capi di Stato. Sprecare un'opportunità del genere sarebbe inaccettabile ”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.