chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Tunisini abbandonati a se stessi nel combattere la COVID-19

Una donna in metropolitana in Tunisia durante la COVID-19. Foto di Brahim Guedich CC BY-SA 4.0 

Da aprile, la Tunisia ha fronteggiato un notevole incremento dei casi di COVID-19 e morti. Il ministro della salute ha descritto la situazione sanitaria come “davvero pericolosa” [fr, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] con ospedali quasi al limite della loro capienza. Per appiattire la curva, le autorità-ancora-hanno annunciato nuove misure di contenimento che includono un coprifuoco nazionale, scuole chiuse, restrizioni per viaggiare. Ma pochi credono che questo basterà. 

Diversamente dai paesi benestanti, non ci sono regimi di esenzione per supportare operai e far rimanere a galla le attività. Con un tasso di disoccupazione già elevato e un tenore di vita alle stelle, i più vulnerabili hanno a malapena ricevuto un piccolo aiuto statale ad-hoc., e le persone sono abbandonate a se stesse per sopravvivere.  Dunque, contrarre il virus ha meno importanza della necessità di andare avanti e guadagnarsi da vivere.

Nonostante la Tunisia abbia imposto un rigido lockdown all'inizio della pandemia e ha, per un po’, mantenuto bassa la diffusione del virus sacrificando l'economia, adesso c'è una vasta sensazione di impotenza e stanchezza. “Se non esco e non vado a lavorare, chi mi darà dei soldi?” Ha domandato Salah, un costruttore Tunisino che, come la maggioranza degli operai, si appoggia al guadagno giornaliero.

Incapace di risponde alle richieste della popolazione, e affondata nei propri disaccordi politici-la Tunisia ha avuto nove governi in 10 anni dalla rivoluzione [it] c'è del compiacimento nei piani alti. Le autorità non impongono le misure anti COVID: manifestazioni politiche hanno continuato [en] ad accogliere le folle, violando i protocolli sanitari; distanziamento sociale e mascherine sono ignorati; bar e mercati sono affollati, e con la digitalizzazione rallentata, molto lavoro amministrativo e d'ufficio viene eseguito in loco e con copie cartacee.

Dalla sua indipendenza nel 1956, la Tunisia ha investito tantissimo nelle sue infrastrutture. Il sistema sanitario pubblico è cresciuto rapidamente per coprire la sanità universale, che era stata l'orgoglio dei Tunisini. Tuttavia, negli anni '90 [en], corruzione e deregolazione a favore dei settori privati, sono hanno portato a una spirale di distruzione dei servizi sanitari pubblici. Con gli anni la situazione è solo peggiorata.

Wakkas Mejdi, un medico interno ha detto all’agenzia di Anadolu [en] che “il sistema sanitario è ora in crisi, e non solo a causa della pandemia ma anche per i tanti problemi infrastrutturali rimasti irrisolti in questi anni”.

Primo Ministro Tunisino Hichem Mechichi in visita ad un ospedale a Susa, dicembre 2020. Foto dalla pagina ufficiale della presidenza di Governo della Tunisia, dominio publico.

Nel 2014 e nel 2018, medici professionisti hanno lanciato due scioperi generali dopo gli scandali avvenuti agli ospedali che hanno tolto la vita di 15 neonati [en] e un giovane dottore in un incidente in ascensore [en]. Il Primo Ministro Hichem Mechichi ha promesso, alla fine di dicembre 2020, la creazione di un corpo nazionale per la riforma sanitaria pubblica. Ma è un problema che necessita di molto tempo prima di essere aggiustato.

Nel frattempo, coloro che se lo possono permettere, si stanno rivolgendo a settori privati non regolati e in proliferazione per i trattamenti.   

Assistenza sanitaria privata per coloro che se lo possono permettere

La COVID-19 ha aggravato il funzionamento dell'assistenza sanitaria. Inizia dall'essere capace di accedere ad un tampone per la COVID-19. Mentre il direttore dell’ OMS ha suggerito di condurre dei test all'inizio della pandemia, la Tunisia non ha mai avuto abbastanza tamponi da fare.

Se, in teoria, i tamponi PCR sono gratuiti agli ospedali pubblici, non ce ne sono abbastanza disponibili nella realtà. La maggioranza delle persone non potranno essere diagnosticati. Il settore privato è chiamato in causa per riempire questa lacuna, ma ad un prezzo elevato che non è accessibile a molti Tunisini. All'inizio della pandemia, alcuni laboratori chiedevano 145 dollari per un tampone PCR, che equivale a quasi un normale stipendio mensile in Tunisia. Il Governo è intervenuto, per finire il tutto, con 209 dinari (76 dollari) per poi far scendere il prezzo a 170 dinari (62 dollari). 

Ministero della Salute Tunisino, annuncio su Facebook con foto del Ministro della Salute Dott. Faouzi Mehdi e una citazione, “Ci siamo accordati con i laboratori per ridurre i costi dei tamponi PCR”. Dominio pubblico.

A questo prezzo, è molto improbabile che molte persone vengano testate. Principalmente i viaggiatori faranno il tampone dal momento in cui sempre più paesi richiederanno un esito negativo del PCR per entrare. Ci sono state numerose storie sul traffico di esiti- persone che comprano certificati falsificati a basso prezzo sul mercato nero. Il Governo è riuscito a reprimere questo traffico, e adesso richiedono che i laboratori abbiano un codice QR sugli esiti dei tamponi.

La mancanza di interesse da parte della Tunisia è in netto contrasto con molti paesi benestanti, dove i tamponi sono gratis e sono la chiave delle loro strategie di ripresa. Per esempio, Regno Unito [en] e Francia offriranno tamponi rapidi gratuiti quando allenteranno la presa sul lockdown.

Trattamenti proibitivi

I tunisini vacillano tra un sistema sanitario di bassa qualità e su cui si investe poco, e un settore privato proibitivo. C'è stata urgenza nella richiesta-come in tempi di guerra-della requisizione di cliniche private se gli ospedali privati sono in un punto di saturazione. Lo scorso 18 ottobre, il Primo Ministro Hichem Mechichi [en] hanno annunciato che “i pazienti COVID-19 che non trovano posto in ospedale, saranno curati in una clinica privata a spese del Governo”. Ma questo è ancora da realizzarsi. I pazienti devono ancora pagare il conto. Secondo il segretario generale dell'Union of Liberal Specialists Physicians (UMSL), il costo dell'ospedalizzazione per COVID-19 in cliniche private è di circa 16.375 dollari a paziente. Alcune famiglie hanno dovuto vendere proprietà e averi per salvare i propri cari. I più poveri stanno cercando di curarsi da soli a casa medicandosi e usando medicine tradizionali. Conseguenzialmente, molti arrivano troppo tardi in ospedale, spesso affollato e non igienico. Da quando la COVID-19 colpisce il funzionamento dei polmoni, l'ossigeno è una cura fondamentale [en] per molti pazienti, ma all'aumentare di casi, molti pazienti si stanno rivolgendo al mercato nero per prendere un respiro, e i social media sono diventati punto di riferimento per forniture mediche, nell'interesse dei malati.

Vaccini e mancanza di fiducia verso le autorità

Trattamenti proibitivi, pazienti lasciati fuori dal sistema, e un settore privato che lavora da solo in parallelo, significa che i dati ufficiali sono sottovalutati e sono solo una frazione della realtà. Inondati da aneddoti personali ma sprovvisti di dati affidabili, combattere la COVID-19 alla cieca con rigorose informazioni, complicherà soltanto la risposta pubblica.

La campagna per la vaccinazione è cominciata con un mese di ritardo, a marzo.  La Tunisia ha ricevuto vaccinazioni mediante lo schema COVAX dell'OMS, la Russia, gli USA e la Cina, e punta a vaccinare oltre metà popolazione entro la fine dell'anno. Una piattaforma  online, evax.tn, è stata creata per accedere al jab. Ma il pessimismo generale e la mancanza di fiducia verso le autorità hanno rallentato le vaccinazioni.

Per avere successo in quella che  l'UNICEF ha descritto [en] come “una delle più grandi imprese di massa nella storia dell'umanità” richiederà una mobilitazione generale locale e solidarietà approcciandosi con la società civile, il settore privato, leader religiosi. Al livello globale, la condivisione di vaccini, attrezzatura medica e antinfortuni, così come la distribuzione di tamponi low-cost, dovrebbe essere una priorità per governi agiati. Poichè, infine, ci siamo tutti dentro, e solo per unire i nostri sforzi, possiamo noi superare questa crisi senza precedenti. 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.