chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In ricordo del primo Pride in Asia a Manila

Partecipanti al Pride di Manila nel 1994. Fonte: Facebook

Il primo Pride in Asia si svolse il 26 giugno 1994, quando oltre trenta membri dell'associazione LGBT ProGay e della Metropolitan Community Church di Manila organizzarono una manifestazione a Quezon City (QC), nella Regione Capitale Nazionale delle Filippine, per commemorare il venticinquesimo anniversario dei moti di Stonewall [it, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Soprannominata “Stonewall Manila”, l'ispirazione fu la rivolta di Stonewall (New York) del 1969, diventata uno degli elementi chiave nel dare forma al movimento di liberazione omosessuale globale.

Due degli organizzatori di “Stonewall Manila” hanno condiviso le loro riflessioni sulla manifestazione.

Nel 2019, Murphy Red ha scritto [tl] un post su Facebook in cui parla delle questioni politiche sollevate durante la protesta:

Dalawampu't limang taon na ang nakalilipas ngayong araw, bilang pag-alala sa ika-25 anibersaryo ng pag-aalsang Stonewall sa New York, USA, nagpasya kami, mga lesbyana, bakla, bisekswal, transgenders at mga kaibigang heterosekswal, na isigaw sa lansangan ang dindaranas na sistematikong diskriminasyon, karahasan, pang-aapi at pagsasamantala.

Sa naturang kilos-protesta noong Hunyo 26, 1994 na tinawag naming “Stonewall Manila,” sa dahilang hindi hiwalay ang pakikibaka ng LGBTQ sa pakikibaka ng mamamayan, isinigaw din namin ang iba pang pabor sa kapitalista at kontra-mamamayang mga patakaran ng Estado na nagpapahirap sa aming hanay at sa buong sambayanan.

Sono passati venticinque anni da quando noi – lesbiche, gay, bisessuali, transgender e amici eterosessuali – abbiamo deciso di commemorare il venticinquesimo anniversario della rivolta di Stonewall, a New York, USA, scendendo in strada e combattendo contro la discriminazione, la violenza e l'oppressione sistematica di cui ancora oggi facciamo esperienza.

Durante la manifestazione del 26 giugno 1994, da noi soprannominata “Stonewall Manila”, abbiamo anche protestato contro quelle politiche filocapitaliste e antipopolari dello Stato che hanno reso più infelice la nostra vita e quella di altri filippini. Le lotte LGBTQ non vanno distinte da quelle del popolo.

Un anno dopo, il gruppo di attivisti LGBT+ Bahaghari ha scritto su Twitter:

Nel 1994, Pro-Gay, organizzazione nazionale democratica di persone queer delle Filippine, e MCCP hanno organizzato il primo vero Pride nelle Filippine e nell'intera Asia Pacifica.

È stata soprannominata Stonewall Manila in onore dei moti di Stonewall avvenuti esattamente venticinque anni prima.

Nel 2020 anche Edgardo Tolosa, un altro organizzatore di “Stonewall Manila”, ha ricordato [tl] su Facebook quanto la protesta del Pride abbia sbalordito la gente, soprattutto la polizia.

Sa kabila ng banta at pananakot ng PNP na huhulihin ang mga lalahok sa kilos Protesta, magiting na nagmartsa Mula Quezon Avenue patungong Quezon Memorial Circle ang mga LGBT upang ipaglaban ang Karapatan bilang Bakla at Tomboy.

Malgrado le minacce e gli avvisi della [polizia] PNP di arrestare chiunque partecipasse alla manifestazione, le persone LGBT hanno marciato con coraggio da Quezon Avenue a Quezon Memorial Circle per lottare in favore dei diritti di gay e lesbiche.

In un messaggio Facebook mandato nel giugno 2020 all'autore dell'articolo, Tolosa ha aggiunto che il primo Pride del 1994 esprimeva le preoccupazioni quotidiane della gente comune:

Ang inspirasyon namin sa paglulungsad ng 1st gay Political Pride March ay Ang Pakikibaka ng Mamamayang Pilipino na baguhin Ang Bulok na sistema ng lipunan, tumindig at lumaban sa mga batayang isyu Ng mga LGBT na diskriminasyon, dahas at pagkakakilanlan. At Hindi hiwalay Ang LGBT sa isyu ng Mamamayan dahil apektado rin ang mga LGBT Lalo na Ang mga mahihirap na LGBT sa mga isyu tulad Ng VAT, oil price increase, demolition, natl ID system, tuition fee increase, poor health system, job opportunity atbp.

L'ispirazione che ci ha spinti a lanciare il primo Gay Pride sono state le lotte dei filippini finalizzate a cambiare il sistema corrotto della società, combattere per la nostra identità e per i diritti fondamentali delle persone LGBT contro la discriminazione e la violenza. Le questioni LGBT non vanno distinte da quelle del popolo: le persone LGBT, specialmente quelle che vivono in condizioni di povertà, sono gravate anche [dall'aumento] dell'IVA e del costo del petrolio, dalla demolizione [edilizia], dal sistema di identificazione, dall'aumento delle tasse scolastiche, dal sistema sanitario poco funzionante e dalle opportunità di lavoro svantaggiose.

Su Youtube è disponibile un servizio realizzato da un'emittente locale in cui viene mostrata la manifestazione organizzata dalle associazioni e dai leader LGBT+ nel 1994; un evento senza precedenti allora, soprattutto in un Paese a maggioranza cattolica:

STONEWALL MANILA: primo Gay Pride nelle Filippine e nell'Asia-Pacifica.

Il 26 giugno 1994, trenta gay e lesbiche hanno marciato con coraggio nelle strade di Quezon City, in Metro Manila, Filippine, per commemorare il 25° anniversario di…

In seguito all’arresto di giovani manifestanti del Pride nel giugno 2020, Red e Tolosa hanno rilasciato [en] una dichiarazione a sostegno degli attivisti LGBT+.

Twenty-six years after Stonewall Manila, nothing substantially changed for the LGBTQ+; the same old systemic discrimination and homophobia remain, the same unjust structures persist. Things turned to worse however when [President] Duterte took power and foul-mouthed things into nothing better than jokes.

Ventisei anni dopo Stonewall Manila, non è cambiato sostanzialmente nulla per le persone LGBTQ+: rimane la stessa vecchia discriminazione sistematica, la stessa omofobia e le stesse strutture ingiuste. La situazione è addirittura peggiorata quando [il Presidente] Duterte ha preso il potere e ha trasformato le cose in nient'altro che battute.

Tolosa ha concluso [tl] il suo post su Facebook con un messaggio indirizzato alla nuova generazione di partecipanti del Pride:

Ipagpatuloy ninyo ang sinimulan ng unang pampulitikang pagkilos noong June 26, 1994

Hindi pa tapos ang pakikibaka ng mga LGBT laban sa Diskriminasyon, pagka-alipin, kahirapan ng buhay at iba pang batayang karapatan.

Ang paglaya ng LGBT ay kasabay ng ganap na paglaya ng mamamayang Pilipino.

Continuate ciò che l'azione politica del 26 giugno 1994 ha cominciato.

La lotta LGBT contro la discriminazione, l'oppressione, la povertà e la violazione dei diritti umani non è ancora finita.

La liberazione LGBT coinciderà con quella del popolo filippino.

Dal 1994, il Pride è diventato un raduno annuale [en] per promuovere i diritti LGBT+. Nel 2019, 70.000 persone hanno partecipato [en] al Pride di Manila.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.