chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vertiginoso aumento degli abusi sulle lavoratrici domestiche di Hong Kong durante il lockdown

Alcune lavoratrici domestiche vittime di abusi fisici e sessuali insieme alle attiviste di Mission for Migrant workers e AMCB. Photo: Selina Cheng/HKFP.

Il post che segue è stato scritto da Selina Cheng e pubblicato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] su Hong Kong Free Press il 29 giugno 2021. Lo ripubblichiamo su Global Voices nell'ambito di un accordo di partenariato sui diritti dei contenuti.

Le lavoratrici domestiche di Hong Kong sono state vittime di un aumento di abusi fisici e sessuali – ivi compresi gli stupri – a seguito della raccomandazione governativa di restare a casa per prevenire la diffusione del coronavirus.

Secondo i gruppi di difesa dei diritti umani, il numero di casi di gravi abusi fisici – percosse, palpeggiamenti, stupri, lunghi orari di lavoro e privazione del sonno – a opera di datori di lavoro di Hong Kong è cresciuto in maniera significativa a seguito delle restrizioni imposte ai lavoratori domestici per contrastare la pandemia della COVID-19.

La difficile situazione di coloro che stavano subendo abusi mentre osservavano la raccomandazione del governo di rimanere a casa era aggravata dal fatto che alcuni datori di lavoro proibivano loro persino di uscire di casa nei giorni di riposo, di fatto impedendo loro di cercare aiuto.

Putri, indonesiana di 29 anni, ha iniziato il suo primo lavoro all'estero, ad Hong Kong, nel 2019. Pochi giorni dopo aver cominciato il nuovo lavoro presso una famiglia di Yuen Long  nel febbraio 2019, la padrona di casa le ha chiesto di fare un massaggio al marito, durante il quale questi le ha palpeggiato il seno. Nei giorni successivi, l'uomo ha cercato di violentarla  sul divano del soggiorno, sul quale lei dormiva di notte.

Il 2 luglio, nel corso di una conferenza stampa, Putri ha affermato di aver resistito alle avances del padrone di casa.

“In quel momento ero terrorizzata e tremavo” ha dichiarato in indonesiano bahasa, la sua lingua madre, nel corso di una videoconferenza con identità protetta. “Volevo andarmene ma non avevo idea di dove cercare aiuto” ha detto.

Putri ha affermato che lo stesso uomo un giorno l'ha stuprata due volte, la prima volta verso le 3 del mattino e di nuovo il mattino seguente. “Cercavo di fermarlo, ma era molto forte”.  In seguito la ragazza ha chiesto il permesso di poter dormire sul tetto, richiesta inizialmente respinta dalla moglie dell'aggressore. Tuttavia in seguito le è stato dato un materasso e delle coperte per potersi organizzare come richiesto.

Putri era anche obbligata a lavorare dalle 5:30 del mattino fino alla mezzanotte perché il divano, che inizialmente costituiva il suo letto, di sera era occupato dai padroni di casa, per cui lei era costretta aspettare che finissero di guardare la televisione prima di potersi addormentare.

A marzo Putri ha scoperto di aspettare un bambino, e la padrona di casa l'ha portata da un medico. I suoi datori di lavoro, ha dichiarato, le imposero di scegliere fra abortire oppure perdere il lavoro. Putri ha rifiutato l'interruzione di gravidanza e alla fine di aprile, durante il suo primo giorno di riposo in tre mesi, ha cercato aiuto presso un gruppo indonesiano di difesa dei diritti umani.

Il quarantaquattrenne datore di lavoro è stato arrestato a seguito di una denuncia, secondo quanto affermato dalla polizia. Messo in custodia cautelare, l'uomo  stato portato in tribunale due giorni dopo, con l'accusa di  triplice molestia sessuale e di stupro.

Le misure governative hanno peggiorato la situazione

Durante la pandemia della COVID-19 i lavoratori e le lavoratrici domestic* di Hong Kong hanno sopportato lunghissimi orari di lavoro [en, come i link seguenti] ed è stato loro negato il godimento dei giorni di riposo settimanali. Sono stati anche sottopost* a tamponi obbligatori, una richiesta che gli attivisti per i diritti considerano discriminatoria.

Una ricerca condotta dall'Asian Migrants’ Coordinating Body (AMCB) ha rivelato che circa 40.000 lavoratori e lavoratrici domestic* stranier* non hanno beneficiato di alcun giorno di riposo durante la pandemia, e che 20.000 hanno invece usufruito di un giorni di riposo ogni mese. Secondo le leggi di Hong Kong, i collaboratori e le collaboratrici domestic* hanno diritto a un giorno di riposo alla settimana, nonché alle feste nazionali e religiose.

Un'altra ricerca condotta  dalla Mission for Migrant Workers ha messo in luce come le denunce di abusi e molestie sessuali subite dalle collaboratrici domestiche sono triplicate nel 2020, mentre quelle di violenze fisiche sono aumentate del 2%. Circa 7 persone su 10 hanno dichiarato di aver lavorato più di 11 ore al giorno, mentre 3 su 10 hanno detto di aver superato le 16 ore di lavoro giornaliere.

All'inizio di quest'anno, il Ministro del lavoro e del Welfare, Law Chi-kwong, ha invitato le lavoratrici e i lavoratori domestic*  a restare a casa dei propri datori di lavoro anche durante i loro giorni di riposo. La deputata filo-governativa Elizabeth Quat si è spinta fino  al punto di  proporre il lockdown [zh] per le lavoratrici e i lavoratori domestic* anche durante le ferie.

“Il governo di Hong Kong dicendoci di restare a casa  ha peggiorato la nostra situazione: i datori di lavoro si sono serviti dei tali raccomandazioni per imprigionare e ridurre in schiavitù le lavoratrici e i lavoratori stranier*” ha affermato Sringatin, attivista indonesiano di AMCB.

In un altro caso di abusi, due donne indonesiane, Herlina e Uun, erano impiegate in una famiglia Tuen Mun, che aveva un totale di quattro collaboratrici domestiche. Ciascuna di loro era assegnata a un diverso piano della casa, un edificio a quattro piani, ed avevano l'ordine di non parlare fra loro. Le quattro donne erano incaricate di occuparsi di due adulti, sei bambini, 75 cani, otto tartarughe e otto fra acquari e voliere.

Herlina è stata ripetutamente picchiata dal suo datore di lavoro con una canna da pesca. Per punizione è stata talvolta sottoposta alla privazione del sonno. “A partire da febbraio 2020 e durante tutta la pandemia, non ci era permesso uscire e ci era richiesto di trascorrere i giorni di riposo a casa. Avevamo il permesso di uscire solo per comprare da mangiare e per mandare i soldi a casa” ha dichiarato Herlina.

L'agenzia di lavoro domestico, inoltre, ha confiscato loro i passaporti e i contratti di lavoro.

La polizia riferisce di aver ricevuto una denuncia per aggressione con canna da pesca avvenuta a Tuen Mun circa alle 17 del 24 giugno. Il 29 dello stesso mese un uomo dell'età di 47 anni è stato arrestato perché sospettato di aggressione e poi rilasciato su cauzione.

In aprile, a Herlina è stato chiesto di spostare tre grandi acquari ma le è stato proibito di farsi aiutare dalle sue colleghe. Durante lo spostamento uno degli acquari le è caduto sul piede sinistro, procurandole una profonda ferita. Le sono stati somministrati antibiotici ma è stata finalmente portata in ospedale solo il giorno seguente, dove ha ricevuto nove punti di sutura, secondo quanto da lei dichiarato.

Altre due donne, Selly (nome di fantasia) e  Eden hanno subito altre forme di abuso fisico e molestie sessuali prima di trovare aiuto e supporto presso un'associazione per i diritti.

Tutte e cinque le donne di cui abbiamo raccontato la storia hanno lasciato la casa dei loro datori di lavoro e sono al momento ospitate in rifugi messi a loro disposizione da Mission for Migrant Workers e AMCB, hanno dichiarato i legali che le rappresentano. Secondo quanto affermato dalle due ONG, il datore di lavoro di Herlina e Uun è stato arrestato il 27 giugno per aggressione.

“Tutti gli altri lavoratori e le altre lavoratrici di Hong Kong  non sono costretti a vivere nella paura” si legge in una dichiarazione del Coordinamento di Asian Migrants. “Al contrario: se il loro lavoro non offre adeguate condizioni di sicurezza possono dare il preavviso, licenziarsi e trovare un lavoro che offra condizioni adeguate. [Le lavoratrici e i lavoratori domestic* migranti] meritano di godere degli stessi diritti.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.