chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Un nuovo studio rileva che la salute mentale degli atleti post Olimpiadi è trascurata

Con la fine dei Giochi Olimpici e delle Paralimpiadi, alcuni esperti stanno sollevando preoccupazioni su come se la cavano gli atleti una volta chiusa la competizione. Un nuovo studio dei nigeriani Clifford C. Uroh e Celina M. Adewunmi dell'Università di Lagos intitolato Psychological Impact of the COVID-19 Pandemic on Athletes [en, come nei link seguenti, salvo diversa comunicazione] ha scoperto che gli atleti professionisti hanno sperimentato un elevato disagio psicologico a causa della pandemia da COVID-19 e dei conseguenti lockdown. Inoltre, recenti studi sulla salute mentale nello sport tra gli atleti d'élite rivelano che rispetto alla popolazione generale, gli atleti sono spesso sottodiagnosticati, a causa della cultura della “forza mentale” in molti circoli atletici.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli atleti sono colpiti in modo sproporzionato da ansia e depressione, stimando che circa il 33% degli atleti d'élite manifesta sintomi di depressione o ansia a livello globale, rispetto a solo circa il 4-5 percento della popolazione complessiva.

L'ex olimpionica di hockey su prato della Nuova Zelanda Brooke Neal ha evidenziato questo fenomeno in un post su Instagram in cui ha scritto una lettera aperta agli atleti sull'isolamento e le tribolazioni inespresse che molti affrontano una volta terminati i Giochi.

I just wanted to pop in and check on you. So you might be a little confused right about now. You've just competed in the world's biggest sporting event and yet, this is one of the lowest times you've ever felt.”

You have been in this bubble, your own little world, with 10,000 athletes who are at the top of their game. You have poured blood, sweat, and tears to get there, but you weren't really prepared for the day after. For the week after. For the months after this huge spectacle. You weren't prepared for life to continue as if nothing happened.

Volevo solo fare un salto e controllarti. Quindi potresti essere un po’ confuso in questo momento. Hai appena gareggiato nel più grande evento sportivo del mondo, eppure questo è uno dei momenti più bassi che tu abbia mai provato.

Sei stato in questa bolla, il tuo piccolo mondo, con 10.000 atleti che sono al top del loro gioco. Hai versato sangue, sudore e lacrime per arrivarci, ma non eri davvero preparato per il giorno dopo. Per la settimana dopo. Per i mesi successivi a questo enorme spettacolo. Non eri preparato a che la vita continuasse come se niente fosse.

In un articolo per i ricercatori di The Conversation, Courtney Walton e Andrew Bennie, hanno posto la domanda cruciale ma scoraggiante per gli atleti: “cosa c'è dopo?” Walton e Bennie hanno pubblicato un altro documento di ricerca nel maggio 2021 esplorando la salute mentale degli atleti intervistando 18 atleti australiani che avevano partecipato ai Giochi di Rio 2016. Lo studio ha anche scoperto che gli atleti e il loro benessere ricevono meno attenzione nella fase post-olimpica (POP).

Lo studio nota che al termine del loro evento di gara, gli atleti nelle varie fasi della carriera hanno descritto come un senso di euforia fosse spesso accompagnato dalla fatica. Ci sono state anche sfide associate alla caduta dai Giochi che corrispondono alla descrizione di Howell e Lucassen di “blues post-olimpico”.

Gli atleti intervistati hanno affermato che avere un piano per ciò che avrebbero fatto dopo è fondamentale per il loro benessere mentale e fisico. I piani che hanno suggerito includevano l'inizio o la ripresa degli studi, la domanda per un nuovo lavoro, il matrimonio o le vacanze o persino l'allenamento per una nuova stagione atletica.

Lo studio ha anche notato che alcuni atleti spesso non hanno piani chiari o sono spesso incerti se ritirarsi o continuare a gareggiare; secondo lo studio, è allora che emergono le difficoltà. Un atleta afferma:

When you get home it’s really lonely […] It’s quite depressing, and it is a little bit overwhelming, starting from square one again.

Quando torni a casa è davvero triste […] È piuttosto deprimente, ed è un po’ opprimente, ricominciare dal punto di partenza.

Forward Together

“Forward Together” di IAPB/VISION 2020 è concesso in licenza con CC BY-NC-SA 2.0

Un altro ha osservato:

[Athletes] come back from the Olympics and they haven’t had anything to do. So, they haven’t had university, they haven’t had work, they haven’t had a family, they haven’t had community engagement, they haven’t had a plan.

[Gli atleti] tornano dalle Olimpiadi senza avere nulla da fare. Quindi, non hanno l'università, non hanno un lavoro, non hanno una famiglia, non hanno un impegno comunitario, non hanno un piano.

Lo studio afferma che sarebbe utile avere professionisti della salute mentale a controllare gli atleti olimpici rientrati dai Giochi. Inoltre, gli atleti devono lavorare sulla costruzione di identità al di fuori dello sport su cui possono fare affidamento alla fine del ciclo competitivo e alla fine della loro carriera.

Lo studio chiede inoltre al pubblico in generale e ai media empatia e sostegno nei confronti degli Atleti di rientro dalle Olimpiadi. Il vetriolo dei social media e l'abuso di personalità sportive sono aumentati negli ultimi mesi, come si evince dalla reazione di ritiro di Simeon Biles a seguito degli eventi di ginnastica olimpica.

Nel contesto africano, ci sono state un certo numero di personalità sportive in tutta l'Africa che hanno affrontato problemi di salute mentale al momento del ritiro dai rispettivi sport. Un articolo intitolato “Dopo il fischio: la salute mentale nello sport sudafricano” del 2018 ha discusso delle esperienze degli atleti che si ritirano dai loro sport, che si tratti di rugby, cricket o Olimpiadi.

La vogatrice sudafricana Lee-Ann Persse ha partecipato a diverse Coppe del Mondo e Campionati del mondo di canottaggio, nonché a due Giochi Olimpici. Dopo aver iniziato a remare a 16 anni, è diventata un talento in erba e si è assicurata una borsa di studio sportiva negli Stati Uniti, prima di essere chiamata nella squadra di canottaggio sudafricana. Per quanto riguarda la carriera, il successo è stato gradito anche se, a livello personale, era un posto solitario dove stare. Ha affermato:

Once I stepped away from the sport, I realized how much I missed out on in terms of my family. And I realized they kind of kept things from me to protect me because they didn’t want to get me down. They might think, ‘she’s in a good place, let’s keep her there.’

Una volta che mi sono allontanata dallo sport, mi sono resa conto di quanto mi mancasse in termini di famiglia. E ho capito che in un certo senso mi hanno nascosto le cose per proteggermi perché non volevano abbattermi. Avranno pensato: “si trova bene dove sta, lasciamola stare”.

“Day 10 Hockey (24 Aug 2010)” dei Giochi Olimpici Giovanili di Singapore 2010 è concesso in licenza con CC BY-NC 2.0

L'articolo rileva che per gli atleti che partecipano alle Olimpiadi, il cosiddetto crollo post-evento “colpisce duro”. La vogatrice ha anche indicato che per gestire le aspettative a livello personale e professionale in cui le linee spesso si confondono, la vittoria è sempre più apprezzata sopra ogni altra cosa rendendola una ricetta per il disastro. Perse ha detto:

When things aren’t going well, you question yourself. You wonder if it’s your fault, if it’s acceptable for you to feel this way, like you’re not coping.

Quando le cose non vanno bene, ti interroghi. Ti chiedi se è colpa tua, se è accettabile che tu ti senta in questo modo, come se non ce la facessi.

L'ex giocatrice di hockey su prato Sanani Mangisa denuncia il fatto che non ci sia abbastanza supporto per aiutare gli atleti durante il processo di pensionamento, né in Sudafrica né in altre parti del mondo. Gli atleti cercano di tenersi in contatto con i loro ex allenatori e mentori per facilitare il processo, ma per molti spesso la cosa non viene ricambiata poiché gli allenatori non hanno tempo per mantenere le relazioni.

If you can inspire one person to be able to come out of their shell and be able to say, ‘This is how I’m feeling,’ the dialogue becomes more open and it becomes a natural thing.

Se puoi ispirare una persona a essere in grado di uscire dal suo guscio ed essere in grado di dire: “Così è come mi sento”, il dialogo diventa più aperto e diventa una cosa naturale.

Mangisa spera anche che gli organi di governo siano aperti all'assistenza agli atleti che iniziano il percorso prima del pensionamento. C'è bisogno di apprezzare la partecipazione alle Olimpiadi ma anche il fatto che ci saranno altri momenti ed esperienze gratificanti oltre lo sport.

When we have conferences at World Cups, we need to dedicate a section to mental health. And we all need to listen to each other.

Quando teniamo le conferenze alle Coppe del Mondo, dobbiamo dedicare una sezione alla salute mentale. E tutti abbiamo bisogno di ascoltarci a vicenda.

In un rivoluzionario libro pubblicato in Sud Africa, la dott.ssa Kirsten van Heerden ha intervistato 18 persone provenienti da diverse discipline sportive per fornire alcune risposte in un libro intitolato “Waking from the Dream: il passaggio alla vita normale dopo una carriera nello sport d'élite“. Il libro si è concentrato su come gli atleti professionisti devono considerare una vita al di là della loro competizione e mitigarla mentre sono nel fiore degli anni. Sarebbe più appropriato cercare di affrontare il problema della salute mentale come identificato sia dal punto di vista delle personalità sportive africane che globali.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.