chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le conseguenze della guerra in Ucraina sul clima in Nepal

Image by Amit MachaMasi via Nepali Times. Used with permission.

Foto di Amit MachaMasi dal Nepali Times. Usata con autorizzazione.

Questo articolo di Sonia Awale è stato pubblicato in originale nel Nepali Times [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]. Global Voices ne pubblica una versione revisionata nell'ambito dell'accordo di condivisione dei contenuti. I nomi sono stati cambiati per proteggere l'anonimato.

L’invasione russa dell'Ucraina in febbraio 2022 è stata chiamata “guerra sui combustibili fossili” perché ha messo in evidenza la dipendenza dell'Europa dalle importazioni di tali combustibili. Ma ha anche sottolineato l'urgenza di passare alle energie rinnovabili per mitigare i cambiamenti climatici globali.

La guerra ha spinto l’inflazione globale; i prezzi degli alimenti sono esplosi; il metano costa dieci volte di più in Europa. In Nepal, il costo del diesel e della benzina sono aumentati a livelli record e le importazioni di petrolio sono cresciute così drasticamente che il governo potrebbe ristabilire la circolazione a targhe alterne come durante la pandemia.

La guerra russo-ucraina sta spingendo le nazioni ad abbandonare gli obiettivi di emissioni di CO2 per limitare l'innalzamento delle temperature a 1,5°C nei prossimi 30 anni. In tutto il mondo le emissioni di CO2 dopo la pandemia hanno avuto una ripresa del 6% nel 2021 a 36,3 gigatonnellate, cioè l'incremento annuale più grande della storia, secondo l’Agenzia internazionale dell'energia (IEA).

“La finestra d'opportunità per abbattere le emissioni, passando parzialmente a fonti energetiche a basso carbonio e rinnovabili, si sta chiudendo molto rapidamente”, ha detto recentemente Svitlana Krakovska, climatologa ucraina, alla BBC. “La guerra rende ancora più stretta la finestra d'opportunità perché ora dobbiamo risolvere questo problema per primo”.

Graph by International Energy Agency via Nepali Times.

Grafici dell'Agenzia internazionale dell'energia, presi dal Nepali Times. Grafico di sinistra: “Emissioni di CO2 dai processi industriali e di combustione energetica tra il 1900 e il 2021″. Grafico di destra: “Variazione annuale delle emissioni di CO2 dai processi industriali e di combustione energetica tra il 1900 e il 2021″.

Tuttavia, il conflitto potrebbe anche spingere Paesi come la Germania e l'Italia, che dipendono maggiormente dal gas russo, a velocizzare la transizione a energie più pulite. La Commissione europea questa settimana si è impegnata a ridurre la propria dipendenza di metano dalla Russia per due terzi nell'arco di quest'anno, e di diventarne indipendente entro il 2030. Comunque, dovrà aumentare le importazioni da fornitori alternativi come gli Stati Uniti e il Qatar.

Gli esperti dicono che anche il Nepal dovrebbe cogliere quest'opportunità per dismettere i combustibili fossili, non solo per realizzare l'impegno di net-zero preso alla COP26 di Glasgow dell'anno scorso, ma anche per salvare la propria economia. Il Nepal ha speso 180 milioni di rupie (circa 1,3 milioni di euro) per importazioni di petrolio negli scorsi sei mesi e la spesa aumenterà.

“Dovremmo aver imparato qualcosa dopo l'ostruzionismo indiano del 2015; se avessimo ridotto la dipendenza dal petrolio, adesso la crisi avrebbe inflitto danni minori”, dice Manjeet Dhakal che è il Responsabile del Gruppo di supporto per i Paesi in via di sviluppo presso Climate Analytics. “Ma non è troppo tardi, possiamo ancora cambiare le cose passando velocemente all'energia idroelettrica, abbondante in Nepal”.

Lo si può mettere in pratica dando priorità all'elettrificazione dei trasporti e delle cucine. Il rimborso fiscale per i veicoli elettrici privati dovrebbe includere gli autobus alimentati a batterie. Attualmente un autobus elettrico è cinque volte più costoso di uno a diesel delle stesse dimensioni. In Nepal circolano un milione e mezzo di veicoli a due ruote a benzina, anche se quelli elettrici sono disponibili.

Image source: Nepal Oil Corporation. Via Nepali Times.

Il grafico mostra le importazioni in Nepal del petrolio (linea gialla), diesel (linea grigia), cherosene (linea celeste), misurati in chilolitro, e di GPL (linea rossa), misurato in megatone. Fonte dell'immagine: Nepal Oil Corporation tramite Nepali Times.

Il Centro di promozione delle energie alternative (APEC) in Nepal prevede di donare fornelli a induzione, ma questo va ampliato con una campagna nazionale per ridurre l'utilizzo di GPL.

“La crisi in Ucraina probabilmente metterà da parte i nostri obiettivi sul clima per i prossimi anni”, dice Dhakal. “L'Europa dovrebbe cogliere quest'opportunità e fungere da esempio per il resto del mondo, mettendo in atto una transizione rapida ai combustibili rinnovabili e più puliti”.

Per pura coincidenza, l’ultimo report del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) dell'ONU, datato 28 febbraio 2022, ha avvertito che le misure di adattamento climatico sono troppo lente e insufficienti per riuscire a raggiungere gli obiettivi nel 2050.

“La pace è un prerequisito per qualunque collaborazione globale e specialmente per una cosa così urgente come la crisi climatica”, dice Shilshila Acharya, attivista per il clima nepalese che fa parte dell'Avni Center for Sustainability.

I prezzi dei combustibili fossili sono instabili; al contrario, quelli delle batterie d'accumulo e delle pale eoliche stanno scendendo. Mentre i prezzi internazionali del petrolio greggio sono arrivati al record di 127 dollari a barile questa settimana a causa della crisi in Ucraina, il costo delle energie rinnovabili è rimasto costante.

Le politiche di reazione e le normative ad-hoc non saranno sostenibili nel lungo termine affinché il Nepal raggiunga i propri obiettivi climatici. Misure come le targhe alterne mettono solo delle pezze al problema.

Shilshila Acharya dice: “Il governo dovrebbe mettere i cittadini al centro delle politiche; la salute e il benessere vengono prima dei guadagni o dell'industria. Solo così possiamo superare la crisi attuale e fare progressi sulla questione del clima”.


Per maggiori informazioni su questo argomento, segui il nostro speciale: La Russia invade l'Ucraina.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.