chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cile: una Ong per le vittime della criminalità unisce i cittadini

L’ Ong Víctimas de la Delincuencia [sp] è nata nel 2006 a Santiago per proteggere, assistere e informare chi rimane vittima di episodi di violenza nella capitale. Sul sito di questa Ong, i cittadini possono contrassegnare gli episodi di violenza (scippi, aggressioni, rapine, strupri e altri abusi) su una mappa, caricare video e fornire testimonianze su quanto loro accaduto. Lo scopo dell'organizzazione è la riforma del sistema legale cileno che, secondo Víctimas de la Delincuencia, tende a favorire i delinquenti piuttosto che le vittime.

Come si legge nel sito [sp], la campagna ha avuto inizio nel 2006, quando la famiglia Fuenzalida Urzúa fu assalita da una banda di rapinatori che fecero irruzione in casa, rubando gli effetti personali e strappando dalle braccia della madre anche il figlioletto di 8 mesi, minacciando di ucciderlo. All'arrivo dei media per avere uno ‘scoop’ dell'aggressione, la coppia decise di avere due possibilità: nascondersi dalla stampa o esporvisi in pieno e raccontare la propria storia. Qualche giorno dopo nasceva il sito, e un mese più tardi si svolgeva in città una manifestazione di 3000 persone, che rivendicava maggior sicurezza per i cittadini maggior protezione per le vittime della delinquenza.

Il video seguente [sp/in] racconta la storia dell'organizzazione:

Il video successivo [sp], inviato da luchitosnachitos, aderente alla stessa organizzazione, mostra gli effetti della paura sulle vite dei comuni cittadini. Mentre una donna cerca le chiavi della macchina, si vedono armi in ogni angolo della stanza. Il messaggio che compare alla fine, sullo schermo nero, recita: “Non siamo violenti. Abbiamo paura. Vogliamo leggi più severe”.

Di quali leggi stanno parlando? Il video [sp/in] esprime l'opinione di watamerigonzu sulle pene attualmente previste per simili reati:

Quest'ultimo video [sp/in], sempre realizzato da un semplice cittadino, ci mostra come i delinquenti considerino i propri crimini e la legge: soltanto un altro gioco.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.