chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Dal nostro archivio sulla Coppa del Mondo – Il Brasile ha preso in giro il mondo con il meme “Cala Boca Galvão”

The most widespread image of the joke. Unknown author

L'immagine più famosa dello scherzo. Autore ignoto.

Vi ricordate “Cala Boca Galvão”, lo slogan di internet diventato uno scherzo mondiale, dove milioni di utenti Twitter hanno iniziato a dire a un famoso narratore sportivo e telecronista brasiliano, Galvão Bueno [it] di tapparsi la bocca, durante la cerimonia di apertura della Coppa del Mondo 2010?

È diventato quasi immediatamente un tema di tendenza mondiale su Twitter. E la gente in tutto il mondo ha cercato di capire di che cosa si trattasse.

Alcune persone armate di umorismo brasiliano hanno avuto l'idea di elaborare un falso appello urgente per contribuire alla salvaguardia di una specie di uccello apparentemente in via di estinzione (il “galvão”) e hanno chiesto alla gente di rilanciare su Twitter il tema “Cala Boca Galvão” con il maggiore frastuono possibile. Questo video, creato nel giugno 2010, sull'uccello immaginario che deve essere salvaguardato dalla Coppa del Mondo, è stato visto più di 2,2 milioni di volte.

I principali organi di informazione hanno contribuito a diffondere la bufala, che il New York Times ha poi descritto [en] come “una delle migliori cyber burle della storia” e ha chiarito il concetto nel suo blog The Lede.

Leggete la storia di Raphael Tsavkko Garcia nel nostro archivio: Brasile: il fenomeno ‘Cala Boca Galvão’ [en].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.