chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Stiamo assistendo alla morte di “Uh”? Uhm, forse — e non solo in inglese

US President Barack Obama and Dutch Prime Minister Mark Rutte both favor "uh" (or "eh" in Dutch) over "um." Younger people and women are more likely to say "um." Credit: PRI's The World/Reuters. Republished with permission

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il primo ministro olandese Mark Rutte preferiscono entrambi “uh” (o “eh” in olandese) rispetto a “um”. È più probabile che i giovani e le donne dicano “ehm”. Credito: The World/Reuters di PRI.

Questo articolo e un servizio radiofonico di Ari Daniel [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] per The World in Words sono apparsi originariamente su PRI.org il 5 febbraio 2015 e vengono ripubblicati come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

Secondo gli esperti, “uh” e “um” sono bestie in qualche modo diverse. “Sembra essere il caso che ‘um’ in genere segnali una pausa più lunga o più importante di ‘uh'”, dice Mark Liberman, linguista dell'Università della Pennsylvania. Almeno questo è quello che pensava.

Liberman ha studiato queste cosiddette “pause piene” per quasi un decennio e ha fatto una scoperta piuttosto curiosa.

“Man mano che gli americani invecchiano, usano ‘uh’ di più”, dice. “E ad ogni età, gli uomini usano ‘uh’ più delle donne.”

Se guardi “um”, è vero esattamente il contrario. I giovani dicono “um” più spesso degli anziani. E non importa l'età, le donne dicono “um” più degli uomini. Nessuno, nemmeno i linguisti, si aspettava questo risultato; fino a quando non hanno studiato queste esitazioni, hanno pensato che fosse più per la quantità di tempo in cui un oratore esita che per chi è quell'oratore.

Poi, alla fine della scorsa estate, Liberman ha partecipato a una conferenza a Groningen, nei Paesi Bassi. Durante una pausa caffè, Liberman stava chiacchierando con un piccolo gruppo di ricercatori. Ha sollevato la sua scoperta sull'età e le differenze di genere relative a “um” e “uh”, che hanno spinto il gruppo a cercare quel modello al di fuori dell'inglese americano. Hanno scansionato inglese britannico e scozzese, tedesco, danese, olandese e norvegese.

Il risultato, afferma il linguista dell'Università di Groningen Martijn Wieling, è che “in tutti i casi, troviamo la stessa cosa”. Proprio come gli americani analizzati da Mark Liberman, le donne e i giovani e i giovani dicevano “um” più di “uh”.

La conclusione di Wieling è che stiamo assistendo a un cambiamento linguistico in corso, “e che le donne e i giovani stanno guidando il cambiamento”.

Il futuro di “um”

Questo schema di donne e giovani che ci guidano è tipico della maggior parte dei cambiamenti linguistici. Ma perché “um” è il nostro futuro, in almeno due continenti e cinque lingue germaniche? È ancora un puzzle.

Josef Fruehwald's research suggests that the use of 'um' is preferred among females and young people. Credit: Josef Fruehwald/University of Edinburgh. Republished with permission.

La ricerca di Josef Fruehwald suggerisce che l'uso di ‘um’ è preferito tra le donne ei giovani. Credito: Josef Fruehwald/Università di Edimburgo.

Josef Fruehwald, sociolinguista dell'Università di Edimburgo, concorda sul fatto che “um” e “uh” possono essere usati in modo leggermente diverso. Ma per quanto lo riguarda, sono praticamente equivalenti.

“Quando hai due opzioni, puoi iniziare a usarne una più frequentemente e magari sostituire l'altra in modo che non sia più un'opzione”, dice. “Allora perché ‘ehm?’ È solo una di queste cose. C'è sempre un po’ di casualità in tutta la situazione”.

Per caso, significa che non sappiamo perché accadono cambiamenti nell'uso come questo, o quando sarà il prossimo. Fruehwald ammette che i linguisti sono terribili nel predire il futuro, peggio dei meteorologi! La lingua, dice, è ancora più caotica del tempo.

Per quanto riguarda il modo in cui una tale tendenza linguistica potrebbe essere passata da una lingua all'altra, Fruehwald afferma che “ci sono alcuni casi documentati di questo genere di cose, di solito in cui le persone possono parlare entrambe le lingue e prendere in prestito le caratteristiche dell'una nell'altra”.

È più probabile che l'inglese influenzi le altre lingue, ma non sappiamo ancora se questo è effettivamente ciò che sta accadendo con “um”. Sono necessarie più ricerche e più linguisti.

E per quanto riguarda il futuro, “um” e “uh” potrebbero andare avanti e indietro in termini di popolarità. O forse stiamo assistendo all'estinzione di “uh” dal nostro lessico.

Quindi a Fruehwald mancherebbe “uh?”. “Non ho un legame emotivo molto forte con nessuno di questi”, ammette. “Sebbene in base ai dati demografici della mia età, probabilmente sono un utente molto ‘um’. Quindi forse è qui che dovrei gettare la mia lealtà”.

Il podcast di The World in Words è su Facebook iTunes.

Patrick Cox aggiunge: Anche in questo episodio del podcast, una conversazione con Michael Erard, editore di Schwa Fire e autore di “Um…:Slips, Stumbles and Verbal Blunders, and What They Mean”.

Credit: David Conrad. Republished with permission.

Crediti: David Conrad.

Storie recenti Europa occidentale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.