chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Tribunale russo sanziona Google per la ‘lettura di email private’ su Gmail

A Russian court has decided that Google's targeted ads violate user's right to private correspondence. Images: Email by Martha Ormiston and video surveillance by Ji Lee from the Noun Project. Mixed by Tetyana Lokot.

Il tribunale russo ha deliberato che le pubblicità mirate di Google violano il diritto alla privacy degli utenti nelle loro caselle e-mail. Immagini: E-mail realizzata da Martha Ormiston e videosorveglianza di Ji Lee dal Noun Project. Modificati da Tetyana Lokot.

Il tribunale di Mosca ha emanato un decreto secondo cui Google dovrà pagare una sanzione di 50 mila rubli ($765) per aver violato la riservatezza della corrispondenza” [ru, come tutti i link seguenti] visto che, secondo il tribunale, le pubblicità online mirate si baserebbero sul contenuto privato delle email sugli account Gmail.

Anton Burkov, residente a Ekaterinburg, ha deciso di fare causa alla multinazionale Google all'inizio del 2015, dopo i primi sospetti che l'azienda leggesse la sua posta privata. Burkov, vicepreside del dipartimento di Legge Europea dell'Università degli Studi Umanitari di Ekaterinburg, aveva scambiato diversi messaggi con gli amici riguardo il suo viaggio alla Corte Europea per i Diritti Umani, ed è lì che ha notato che le pubblicità gli proponevano offerte di hotel a Strasburgo e servizi per la concessione del visto.

Я обнаружил это совершенно случайно, с правой стороны всех моих писем я увидел рекламу и понял, что она содержит данные из моих писем. То есть, их роботы запрограммированы так, чтобы собирать информацию о пользователях и выдавать контекстную рекламу.

L'ho scoperto assolutamente per caso, ho visto che sul lato destro di tutte le e-mail apparivano delle pubblicità e ho realizzato che contenevano i dati delle mie corrispondenze. I loro robot sono programmati per raccogliere informazioni sugli utenti e fornire pubblicità collegate.

Il 21 aprile 2015, un tribunale distrettuale di Mosca ha rifiutato la causa di Burkov, ma l'utente ha fatto appello all'autorità giudiziaria superiore sostenendo che Google ha violato il suo diritto costituzionale alla riservatezza della corrispondenza. Ora, il tribunale di Mosca si è schierato dalla parte di Burkov, anche se il servizio stampa ha soltanto citato la sanzione di 50 mila rubli, senza specificare se il tribunale appoggerà anche la prima richiesta di Burkov: che venga proibito a Google di utilizzare le informazioni provenienti dalla corrispondenza degli utenti.

I termini del servizio Gmail e le regole sulla privacy forniscono una spiegazione dettagliata sul tipo di dati e informazioni che il servizio raccoglie dall'utente: informazioni personali che inserisce l'utente stesso al momento della registrazione per un Account Google, ma anche le informazioni di log come le ricerche, il dispositivo utilizzato (modello, sistema operativo, ecc,) e altri dati come la posizione. Dall'altra parte, in una sezione riguardante le “Pubblicità in Gmail” nella pagina relativa al Supporto, Google dichiara: “Le pubblicità mirate in Gmail sono completamente automatizzate e non c'è nessun essere umano che legge le e-mail o le informazioni dell’ Account Goolge in modo da mostrarti pubblicità o notizie relative ad esse.”

Google non ha ancora commentato su come pensa di reagire al decreto del tribunale Russo o alla sanzione. Ad aprile, un portavoce dell'ufficio russo di Google (ООО “Гугл”) ha dichiarato alla RIA Novosti che l'azienda russa non era responsabile del servizio Gmail, e che qualsiasi lamentela deve essere rivolta a Google Inc. negli Stati Uniti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.