chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La storia della ragazzina etiope che si è battuta contro il rapimento, e dell'avvocato che le ha salvato la vita

Tizita Hagere (a destra) nella parte della quattordicenne Hirut Assefa in 'Difret'. Credit: Truth Aid Media.

Tizita Hagere (a destra) nella parte della quattordicenne Hirut Assefa in ‘Difret’. Credit: Truth Aid Media.

Questo articolo e report radiofonico di Joyce Hackel [en, come i link successivi] e Julia Barton per The World originariamente è apparso sul sito PRI.org il 22 Ottobre 2015, e la sua ripubblicazione qui è parte di un accordo di content-sharing.

La parola “difret” ha molte sfumature con significati diversi nella lingua Amharic dell'Etiopia: può significare sia “osare” che “avere coraggio”, ma anche “essere violati”.

Listen to this story on PRI.org »

Come il suo titolo, il film “Difret” rappresenta molte cose: è un lavoro di narrativa basato su una storia vera di coraggio e cambiamento; è uno dei pochi film dell'Etiopia a essere girato in 35mm; e ha ottenuto grande notorietà grazie al produttore esecutivo Angelina Jolie Pitt. Ma soprattutto, il film racconta la storia di una pratica tradizionale attraverso l'esperienza di una ragazza spaventata e catturata in un vortice fuori dal suo controllo.

“Difret” è basato sulla storia di Aberash Bekele – chiamata Hirut nel film – una ragazza che è stata rapita da degli uomini a cavallo nei pressi del suo villaggio rurale Etiope. È il giorno in cui è promossa alla classe quinta a scuola. L'uomo che l'ha catturata – che ha fallito nell'ottenere il permesso di suo padre nel prenderla in sposa – insiste nel dire che ora ha il diritto di sposarla secondo una tradizione conosciuta con il nome di telefa. Ma lei combatte, e accidentalmente lo uccide. È costretta ad affrontare una condanna a morte finché l'avvocato Meaza Ashenafi interviene a combattere per lei. Il risultante dramma giudiziario blocca la nazione nel 1996, quando tutto ciò ha avuto luogo.

“Le persone hanno iniziato a parlare della questione del sequestro di persona di nuovo daccapo,” Meaza Ashenafi ricorda ora, “era un dato di fatto, specialmente nel sud del Paese, che le donne fossero rapite da anni. Non c'era da discutere a riguardo. Ma il caso ha aperto a una discussione e a un dialogo su questa pratica tradizionale.”

Ashenafi aveva appena fondato l'Associazione delle Donne Avvocato due anni prima per combattere per i diritti delle donne secondo l'allora nuova Costituzione dell'Etiopia.

Una scena da

Una scena da “Difret” che raffigura il rapimento a cavallo del personaggio principale. Credit: Truth Aid Media.

“Difret” ha registrato il tutto esaurito ad Addis Abeba per sei settimane. Quando i realizzatori hanno pensato di portare il film all'estero, lo hanno inviato a Jolie, nota sostenitrice dei diritti delle donne in Africa.

“Un film in lingua straniera che viene dall'Africa ha una strada difficile di fronte a sé nel riuscire a raggiungere un pubblico,” dice la regista Mehret Mandefro, “quindi avere il suo supporto ci è stato di grande aiuto… abbiamo raggiunto persone che non credo saremmo mai riusciti a raggiungere.”

Nonostante il nome importante ad aver fatto da supporto e il successo di “Difret”, Ashenafi e Mandrefo dicono che il loro lavoro non è ancora terminato: si stima che almeno il 20 per cento dei matrimoni nel sud dell'Etiopia è costretto attraverso qualche forma di telefa.

“Questo deve finire,” afferma Ashenafi, “questo non dovrebbe più essere tollerato.”

Come per il soggetto del film stesso, Mandrefo dice di aver avuto una vita difficile – dopo il caso, non le è stato permesso di ritornare al suo villaggio o dalla sua famiglia. Ha frequentato il convitto scolastico, e dopo ha deciso di cambiare il suo nome e lasciare l'Etiopia. Ma recentemente è tornata per lavorare sul tema della telefa, nella speranza che le ragazze non debbano affrontare una tale prova come è successo a lei.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.