chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La fuoriuscita di petrolio nel mare Adriatico è un segnale che anticipa imminenti catastrofi naturali

Kostrena, Rijeka, Croatia. Photo by Goran Kovačić, used with permission.

Kostrena, Rijeka, Croazia. Foto di Goran Kovačić, usata con consenso.

Un malfunzionamento delle apparecchiature in una raffineria di petrolio ha causato una fuoriuscita di petrolio nel mare Adriatico al largo della costa croata la scorsa settimana, scatenando il caos nell'ambiente locale e creando panico tra la gente del posto.

Nel pomeriggio del 12 maggio, a Kostrena, [it, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] vicino alla città costiera croata di Rijeka [en] in una zona conosciuta come Urinj, parti del mare Adriatico e la sua costa sono diventate di colore nero dopo che un oleodotto dalla raffineria di petrolio locale, INA, ha iniziato a perdere petrolio [hr], provocando un disastro di natura ecologica.

I locali hanno scattato foto [Hr] e segnalato l'incidente alle autorità, che hanno riunito squadre per cercare di riparare i danni. Tuttavia, a causa delle condizioni meteorologiche e delle dimensioni della fuoriuscita, si prevede che anche le operazioni di pulizia iniziale continueranno anche nella prossima settimana.

Nel frattempo, la raffineria di petrolio [hr] ha rilasciato un comunicato ufficiale [hr] in cui si scusa per la fuoriuscita di petrolio e promette di riparare il danno entro 24 ore (un lasso di tempo che è passato molto tempo fa).

Secondo Eko Kvarner, un gruppo di ambientalisti locali, l'attrezzatura della raffineria di petrolio è ormai vecchia e non tenuta in ottime condizioni [hr], motivo per cui, dicono, funziona spesso male, mettendo in pericolo la salute e la sicurezza dell'ambiente e delle persone che vivono nella zona.

 Kostrena, Rijeka, Croatia. Photo by Goran Kovačić, used with permission.

Kostrena, Rijeka, Croazia. Foto di Goran Kovačić, usata con consenso.

La fuoriuscita è avvenuta in una zona in cui gli ambientalisti stavano già portando avanti campagne contro i piani di sviluppo di ulteriori esplorazioni petrolifere nel mare Adriatico.

Alla COP21 di Parigi, tenutasi lo scorso dicembre, appena tre giorni dopo che i leader mondiali hanno firmato l'Accordo di Parigi e si sono impegnati a ridurre le emissioni di gas serra del 30% entro il 2025, il Montenegro ha annunciato piani per l'esplorazione petrolifera al largo della costa di Ulcinj, nel mare Adriatico. L'ex governo croato ha abbandonato i piani per l'esplorazione di petrolio e gas sull'intero mare Adriatico, compresa anche la costa al largo di Dubrovnik, i parchi marini nazionali e naturali, dopo aver subito gravi pressioni da parte dell'opinione pubblica e delle ONG croate e italiane. Ma la questione di consentire la perforazione petrolifera nel paese rimane ancora aperta, dato che i piani includevano 29 blocchi esplorativi nell'Adriatico per 30 anni di esplorazione offshore e produzione di idrocarburi (sia per il petrolio che per il gas).

Global Voices ha chiesto a Vladimir Bajzec, parte dell'iniziativa civica no-profit NAŠ Jadran [hr], che si oppone ai piani di nuova esplorazione e sfruttamento del petrolio e del gas nell'Adriatico, se pensa che i Balcani abbiano le capacità e i mezzi per affrontare da soli la fuoriuscita di petrolio [en]:

Of course our local governments neither have the capability to deal with the big incident, nor are they really interested to deal it for real. They only care for their own (part of the corporate) profit interests. The way of promotion any new oil projects is the same as everywhere in the rest of the world, especially in crisis hit economies – so-called ‘the highest environment and nature protection standards’, according to ‘the world’s best praxis’, promising the economic growth and welfare to incompletely or falsely informed citizens.

Ovviamente, i nostri governi locali non hanno la capacità di affrontare questo grande incidente, né sono realmente interessati ad affrontarlo. Si preoccupano solo dei propri interessi in termini di profitto (parte dell'azienda). Il modo di promuovere qualsiasi nuovo progetto petrolifero è lo stesso che in tutto il resto del mondo, specialmente nelle economie colpite da crisi – i cosiddetti “i più alti standard di protezione dell'ambiente e della natura”, secondo “la migliore prassi del mondo”, promettendo la crescita economica e del benessere a cittadini scarsamente o falsamente informati.

Il mare Adriatico è identificato come un hotspot di grande importanza ecologica [en], con le sue alte concentrazioni di specie in via di estinzione, minacciate e vulnerabili, ha spiegato Bajzec:

Just the Croatian part of the Adriatic Sea is home to more than 7,000 wildlife species, many of which are protected by Croatian and international laws of nature protection, while some are even on the edge of extinction. The Adriatic Sea is comparatively small, shallow, and also semi-enclosed, which makes the risk of permanent pollution by oil and gas drilling activities disaster and wildlife extinction even more serious.

Solo la parte croata del mar Adriatico ospita più di 7.000 specie di fauna selvatica, molte delle quali sono protette dalle leggi croate e internazionali di protezione della natura, mentre alcune sono addirittura sull'orlo dell'estinzione. Il mare Adriatico è relativamente piccolo, poco profondo e anche semichiuso, e ciò rende ancora più grave il rischio di inquinamento permanente dovuto alle attività di perforazione di petrolio e gas e all'estinzione della fauna selvatica.

Il turismo è anche la principale fonte di reddito per la popolazione locale in queste città balcaniche sul mare Adriatico e la gente del posto teme di perdere i propri mezzi di sussistenza se il mare e la costa dovessero essere inquinati dal petrolio.

Paure come queste non sono per niente infondate. Dall'altra parte del mondo, la piattaforma Brutus offshore di Shell ha fatto trapelare solo di recente 2.100 barili di petrolio nel Golfo del Messico, mettendo in pericolo un ecosistema già fragile.

Con il mondo che deve affrontare temperature da record questa primavera e condizioni meteorologiche estreme che stanno lasciando migliaia di persone senza casa né acqua, l'importanza del cambiamento climatico è solo in aumento. Nel tentativo di promuovere una minore dipendenza dai combustibili fossili, migliaia di persone in tutto il mondo hanno aderito alla campagna Break Free [en], esortando le nazioni ad abbandonare i combustibili fossili a favore delle energie rinnovabili.

Sia il Montenegro che la Croazia sono paesi con un'abbondanza di giornate di sole e un alto potenziale per l'energia solare ed eolica. Con queste risorse naturali, la regione deve affrontare alcuni svantaggi, se rimane dipendente dai combustibili fossili. Nel dicembre del 2015, ad esempio, Germanwatch ha fornito agli stati balcanici un indice climatico ad alto rischio [en] (principalmente a causa delle inondazioni e del maltempo che hanno investito l'area negli ultimi due anni). I dimostranti temono che il rischio maggiore per la regione sia l'inazione, quando si tratta di questi importanti problemi di natura ambientale.

Storie recenti Europa centrale & orientale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.