chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Un progetto per mappare le comunità più vulnerabili e migliorare i soccorsi d'emergenza

Visualizzazione dei dati inviati al server sul campo. CC-BY David Luswata.

In caso di disastro, poter contare su informazioni accurate può fare una differenza enorme per le squadre d’intervento. Sapere dove vivono le persone, come entrare e uscire, e conoscere i luoghi di accesso all’acqua e ad altri generi di prima necessità è molto importante per chi lavora per salvare vite umane.

Sfortunatamente le persone vulnerabili, in particolare quelle che vivono in comunità rurali, hanno maggiore probabilità di vivere in aree non accuratamente mappate.

Missing Maps [en] è un progetto aperto e collaborativo finalizzato a raccogliere queste informazioni “mancanti”. Il progetto, che unisce il lavoro di volontari che collaborano da remoto, i leader di comunità presenti in loco e le organizzazioni umanitarie, utilizza la piattaforma OpenStreetMaps per raccogliere i dati con un approccio libero e aperto.

Volontari di tutto il mondo partecipano al progetto rivedendo le immagini satellitari per identificare e mappare edifici, strade e altri punti di riferimento fondamentali. Possono farlo nel tempo libero o nell’ambito di una “map-a-thon” (maratona delle mappe) organizzata. Queste informazioni iniziali possono quindi essere verificate da gruppi in loco e in contatto con i capi delle comunità.

Uno dei più vasti progetti di Missing Maps ha interessato Sierra Leone, Liberia e Guinea per riuscire a mappare oltre 7.000 comunità gravemente colpite dalla recente epidemia di Ebola [it]. Grazie al lavoro di mappatura, le organizzazioni umanitarie hanno ora accesso a nomi e località precisi dei villaggi, ossia a informazioni fondamentali per i futuri interventi d’emergenza.

L'area e le comunità oggetto del progetto visitate per una valutazione rapida e una mappatura dettagliata, CC-BY Croce Rossa Americana.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.