chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Rafael Braga Viera e la giustizia brasiliana, simbolo di razzismo delle istituzioni e criminalizzazione della povertà

Uno striscione esibito durante una delle manifestazioni a sostegno di Rafael Braga Viera nel 2014. Foto: Mídia Ninja/Flickr, CC-BY-NC-SA 2.0.

Rafael Braga Viera è stato inizialmente condannato a cinque anni di carcere dopo essere stato arrestato [en] durante una protesta di massa [en] organizzata a Rio de Janeiro il 20 giugno 2013. All'epoca aveva appena 23 anni, non aveva una dimora fissa e raccoglieva materiale riciclabile per sopravvivere. Afferma di non essersi accorto di quanto stava accadendo. Quando la polizia lo ha perquisito e gli ha trovato addosso bottiglie di disinfettante e candeggina, lo ha accusato di detenzione di esplosivi e condannato prima della fine dell'anno.

Braga non è stato l'unico ad essere arrestato durante le proteste del giugno 2013, ma il suo caso ha segnato l'inizio di una saga molto più truce che, secondo gli attivisti e gli esperti legali, riflette [pt, come i link seguenti salva diversa indicazione] l'istituzionalizzazione del razzismo nel sistema giudiziario brasiliano e la criminalizzazione della povertà nel paese.

Braga è rimasto in carcere fino al dicembre 2015, quando un tribunale gli ha concesso di scontare il resto della condanna presso la casa della madre a Rio imponendogli di indossare un braccialetto elettronico. Un mese dopo la polizia lo ha però nuovamente arrestato perché aveva addosso 0,6 grammi di marijuana e un fuoco d'artificio (simile a quelli usati dai trafficanti di droga per avvisare le gang dell'arrivo della polizia).

Il 20 aprile 2017, Braga è stato condannato per traffico di droga, ma questa volta la condanna è stata di 11 anni e 3 mesi di carcere, nonostante la massiccia campagna a suo favore (giunta al terzo anno), organizzata dagli attivisti, che hanno ripetutamente puntualizzato le contraddizioni e le irregolarità di entrambi i processi di Braga.

Durante il primo processo del 2013, il giudice sembra aver ignorato un rapporto tecnico della squadra degli artificieri dello stato di Rio de Janeiro, in cui si affermava che i prodotti detergenti trovati addosso a Braga “avevano una capacità esplosiva minima”, in parte perché le bottiglie erano di plastica e non di vetro, come quelle utilizzate per le bombe Molotov.

Braga ha negato le accuse che hanno portato al suo secondo arresto nel 2016, accusando a sua volta gli agenti di averlo picchiato e di avere dichiarato il falso. Tutto ciò è prassi comune per la polizia brasiliana [en] , che spesso ricorre alla forza per ottenere dai sospettati i nomi dei trafficanti di droga.

Durante il secondo processo, il tribunale ha espulso uno dei testimoni a difesa di Braga (un vicino che confermava la sua versione dei fatti) poichè il vicino aveva “rapporti di parentela” con Braga. I cinque testimoni dell'accusa erano tutti agenti di polizia che hanno fornito testimonianze contraddittorie. Uno dei poliziotti ha affermato ad esempio che Braga era stato portato alla stazione di polizia con un furgone o una macchina di servizio, mentre un altro ha detto che era stato fatto sedere sul sedile posteriore.

Sorprendentemente, il giudice si è rifiutato di visionare le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate nell'area dove era stato arrestato Braga, dichiarando che non erano “necessarie per la conclusione del caso”.

Molti esperti legali hanno anche criticato la sentenza, sottolineando che oltre 11 anni di carcere sono una condanna troppo severa per il possesso di una piccola quantità di marijuana. Ponte Jornalismo, un giornale locale, che ha seguito da vicino entrambi i processi, ha fatto riferimento a casi simili in cui le condanne sono state molto più lievi ed in particolare al caso di diciottenne arrestato nel 2007 per il possesso di 26 grammi di marijuana. In quel caso, il sospetto è stato liberato dopo qualche giorno di carcere, dopo essere stato scagionato dal giudice. Secondo quanto pubblicato sul sito web G1, l'imputato ha poi ammesso di essere stato aiutato dal padre, che aveva molte conoscenze ed era amico di un altro giudice.

Le controverse leggi brasiliane sul traffico di stupefacenti consentono ai tribunali di trattare gli imputati in modo sorprendentemente diverso tra loro. Sebbene l'uso di droga sia stato depenalizzato, la legge non fa una netta distinzione tra “l'uso” e “il traffico”. Di conseguenza lascia agli agenti di polizia e ai giudici la discrezionalità di decidere caso per caso. Alcuni esperti legali ritengono che l'indeterminatezza di questa legge rafforzi i pregiudizi razziali nel sistema giudiziario brasiliano, dove i più poveri e le persone di colore hanno molta più probabilità di essere condannati per traffico di stupefacenti.

David Miranda, il consigliere municipale della città di Rio de Janeiro del partito di sinistra Socialismo e Libertà, ha paragonato il processo di Braga ad un altro caso tristemente famoso avvenuto in Brasile nel 2013, quando la polizia ha trovato 450 chilogrammi di pasta di cocaina su un elicottero di proprietà del viceprocuratore e imprenditore Gerais Gustavo Perrella (il figlio del senatore Zezé Perella). In quell'occasione, la polizia ha arrestato il pilota dell'elicottero accusandolo di traffico di droga e la procura ha però ignorato i Perrella.

- pinho sol (prodotto detergente) = 11 anni di carcere

– 450 kg di cocaina su un elicottero = Causa archiviata

Rafael Braga V. in piedi vicino a dei graffiti su cui si legge “Voi guardate solo da sinistra a destra, mentre lo stato vi schiaccia dall'alto verso il basso”. [Questa foto è stata ampiamente condivisa sui social media ed è stata scattata il 20 novembre 2014, quando Braga era in regime di semi libertà [en] e stava tornando in carcere dopo un giorno di lavoro. Per questa bravata, Braga è stato punito con 10 giorni di isolamento.]

Nelle ultime settimane, molti utenti di internet hanno reagito rabbiosamente alla nuova condanna di Braga, tra cui anche l’avvocato e professore Antônio Pedro Melchior [en]:

In a country whose history of human rights violations by the police institution is immense, where the overwhelming majority of the population says they do not trust the police, condemnations based solely on the police officer's word cannot be admitted.

In un paese in cui la storia delle violazioni dei diritti civili da parte delle forze della polizia è infinitamente lunga, dove la stragrande maggioranza della popolazione dice di non fidarsi della polizia, non è possibile condannare una persona solo sulla base della testimonianza di un agente di polizia.

Jean Wyllys, deputato federale e attivista dei diritti umani, ha scritto questo commento su Facebook [en]:

A script was fulfilled. The judge merely acted as expected.

He gave Rafael a verdict. And so did all of us. In summing up all the disgrace of such typical extreme Brazilian poverty in the condemnation of one more black man, the judge wrote to whom the laws in Brazil serve.

Il copione era già pronto e il giudice non ha fatto altro che seguirlo, come da previsioni.

Ha emesso una condanna nei confronti di Rafael. Anzi, lo abbiamo fatto tutti. Nel riassumere tutta la sfortuna tipica dell'estrema povertà brasiliana per condannare ancora una volta una persona di colore, il giudice ha chiaramente indicato a chi appartengono le leggi in Brasile.

Su Twitter, Amnesty International ha condannato la sentenza:

“Nessuno di noi può rimanere in silenzio davanti alla prospettiva che debba pagare per dei reati che non ha commesso”.

Sono state organizzate molte manifestazioni a sostegno di Braga a Rio de Janeiro, San Paolo e perfino in Uruguay. Il 24 aprile, centinaia di persone hanno partecipato ad una fiaccolata a San Paolo per protestare contro questa nuova condanna.

Manifestazioni a San Paolo per chiedere il rilascio di Rafael Braga. Foto di Daniel Arroyo e Ponte Jornalismo, utilizzata dietro loro autorizzazione.

Per vedere altre foto delle manifestazioni di San Paolo, visitare il sito web di Ponte Jornalismo e la pagina Facebook Mães de Maio. Un paio di video della protesta sono stati pubblicati sulla pagina Facebook di Alma Preta. Su Facebook, la pagina Pela Liberdade de Rafael Braga Vieira's (Per la libertà di Rafael Braga Vieira) ha pubblicato una cronologia completa (in portoghese) della saga di Rafael, dal suo primo arresto nel 2013 alla sua condanna alla fine di aprile.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.