chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

L'Uzbekistan e i suoi migranti: la storia di due presidenti

Mappa dell'Asia Centrale. Il 18 gennaio, oltre cinquanta migranti dell'Uzbekistan (evidenziato in rosso) sono morti in un incendio di un autobus in Kazakistan (evidenziato in verde), mentre erano diretti in Russia. Autore: Cacahuate. Opera originale basata su una mappa in bianco del mondo. CC 2.0.

I cittadini dell'Uzbekistan rappresentano una delle più grandi comunità di migranti in Russia, ed hanno un ruolo fondamentale nell'alleviare le condizioni di povertà delle famiglie che lasciano a casa. Tuttavia, fino a non molto tempo fa, il governo di questo paese dell'Asia Centrale non ne riconosceva l'importanza, tanto che l'ex Presidente Islam Karimov era perfino arrivato al punto di definirli “pigri” durante un discorso particolarmente provocatorio del 2013.

Shavkat Mirziyoyev, il suo successore, ha assunto un approccio diverso. Nel commentare la terribile morte di 52 migranti uzbeki [en] in un incendio di un autobus diretto in Russia all'inizio di gennaio, ha criticato il proprio governo e i suoi funzionari per aver creato una condizione economica che obbliga quasi due milioni di persone a cercare posti di lavoro mal pagati all'estero.

Durante una visita a un mausoleo locale, ha pregato per le vittime dell'incendio dell'autobus ed espresso le sue condoglianze [uz, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] alle famiglie:

Кечаги бўлган палакатлар кўп нарсадан далолат беради. Халқимизни олдида ҳали қарзимиз кўп. Одамларизга шароит яратмаганимиз учун, улар бегона юртларга бориб иш қидириб юришибди. Бу албатта давлатчилик, давлат раҳбарияти, ҳамма тизимдаги раҳбарларнинг хато ва камчиликлари ўз вақтида бартараф этилмаганидан далолат беради.

Улар бегона юртларда сарсон-саргардон бўлиб юрибди деган гап, бу бекор гап эмас. Бечора уларнинг ҳам умидлари, орзулари бўлган албатта. Худодан не ниятлар қилиб, боламни боқаман, отамга бир сўм олиб келаман, деб йўлга чиққан. Қандай ёш-ёш йигитлар, мўмин мусулмонлар, ҳаммаси ўзбекистонликлар”

La tragedia che è avvenuta dimostra molte cose, tra cui il fatto che dobbiamo al nostro popolo ancora molto. Le persone migrano in altri paesi alla ricerca di lavoro perché non siamo stati in grado di creare le condizioni perché rimanessero nel nostro. Ciò dimostra che lo stato, il governo e tutti i leader del sistema sono incapaci di far fronte prontamente alle deficienze.

Vagano in altri paesi alla ricerca di lavoro, poveretti. Naturalmente, hanno anche dei sogni. Migrano in altri paesi per guadagnarsi un pezzo di pane da dare ai propri figli e qualche soldo da dare ai propri padri. Sono tutti molto giovani, musulmani e tutti uzbeki.

Mirziyoev è diventato Presidente dell'Uzbekistan nel settembre del 2017, dopo essere stato per 13 anni Primo Ministro sotto il governo di Karimov, il quale è deceduto per un infarto. Il regno di Karimov, durato per trent'anno, ha avuto inizio durante il periodo di indipendenza pre-sovietico ed era rinomato per il suo brutale autoritarismo [en].

Benché Mirziyoyev abbiamo dimostrato un limitato assenso nei confronti della democrazia e dei diritti umani, ha abbracciato il populismo come strategia di governo. Il Presidente sessantenne ha guadagnato dei punti agli occhi della popolazione oppressa rinunciando ad alcune delle peggiori politiche del suo predecessore e dicendo le cose giuste al momento opportuno.

A differenza sua, a Karimov importava poco dell'opinione degli altri. Il suo trolling nei confronti dei migranti cinque anni fa, era sintomatico di un uomo che aveva perso ogni contatto con la realtà quotidiana che il suo popolo doveva affrontare:

Дангасалар деб кимни ҳисоблайман? Ҳўв Москвани бориб кўчаларини, майдонларини супурадиганларни. Ўтта нима йўқ… Одам жирканади, ки ўзбек миллатидан шунақа бориб, ўзига бир бурда нон топиш учун шу ёққа бориши керак экан. Ҳа, Ўзбекистоннинг ўзида ҳеч ким очликдан ўлаётгани йўқ

Chi considero pigri? Quelli che se vanno a Mosca a spazzare le strade e le piazze. Cosa si aspettano di trovare? È disgustoso. La nazione uzbeka si vergogna di loro, si vergogna del fatto che debbano trasferirsi così lontano per guadagnarsi un pezzo di pane. Grazie al cielo, in Uzbekistan nessuno muore di fame!

Il governatore regionale non segue le istruzioni

Subito dopo il tragico incendio dell'autobus, verificatosi nel vicino Kazakistan il 18 gennaio, Mirziyoyev ha anche emesso un decreto che limitava le restrizioni che impedivano di fatto a molti migranti interni di cercare lavoro nella capitale uzbeka di Tashkent.

Le misure in vigore prima del 22 gennaio avevano ridotto la pressione demografica sulla capitale, ma al tempo stesso favorito ulteriormente l'emigrazione degli uzbeki verso la Russia.

Il rigido sistema di registrazione, o ‘propiska’, è ancora in vigore, ma i documenti di registrazione non servono più come pre-requisito per cercare lavoro nella capitale che conta 2,5 milioni di abitanti.

Ciò nonostante, pare che i funzionari di stato non siano disposti a seguire la linea morbida con i migranti.

Il governatore regionale di una delle regioni più densamente popolate del paese è stato recentemente registrato di nascosto mentre malediceva 16 dei 52 migranti morti durante l'incendio del 18 gennaio, definendoli “bastardi”.

Il governatore Shukrat Ganiev li ha accusati di aver “svergognato” la regione permettendo a dei giovani uomini di andare a lavorare all'estero. I suoi commenti sono stati riportati dai media il 24 gennaio.

Pubblicamente, si è rammaricato del risarcimento dato dallo stato alle famiglie delle vittime, minacciando di ridurre la quota dei pellegrinaggi haji riservata alla regione.

In uno dei tanti furiosi commenti su un rapporto di RFE/RL relativo all'intercettazione, un lettore ha scritto:

Обвиняя всех людей района и называя их ублюдками Шухрат Ганиев позорит честь Узбекистана, честь правительства страны. Таких крыс, как этот хоким, нужно гнать пинками. Президент признал проблемы, выразил соболезнование, а какой то каримовский манкурт говорит обратное. Да кто он такой, чтобы перечить нашему президен.

Accusando tutti gli abitanti del distretto e definendoli dei bastardi, Shukhrat Ganiev disonora l'Uzbekistan e il suo governo. Vermi come questo governatore devono essere buttati fuori. Il Presidente ha riconosciuto l'esistenza dei problemi [economici], ha espresso le sue condoglianze e questo traditore stile Karimov viene beccato mentre dice il contrario. Chi è lui per contraddire il nostro Presidente?

Al momento della pubblicazione di questo articolo, Ganiev rimane ancora in carica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.