chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cina: tra il milione di uiguri mandati nei campi di ‘rieducazione’ cinesi c'è anche una stella nascente del calcio

Selfie del calciatore Erfan Hezim con Lionel Messi, scattato qualche mese prima che fosse mandato in un centro di rieducazione. Immagine divulgata da FifPro.

Mentre la Coppa del Mondo 2018 era in corso, tutti gli occhi del mondo erano inevitabilmente puntati sulle partite e a molte persone è sfuggito cosa, o meglio, qualcuno.

Il 13 giugno 2018, la FIFPro, l'associazione mondiale dei calciatori professionisti, ha rilasciato una dichiarazione [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] chiedendo il rilascio di Erfan Hezim, un calciatore uiguro [it] di 19 anni che è presumibilmente tenuto in custodia dal febbraio 2018 in un “campo di rieducazione politica”, nella provincia cinese occidentale dello Xinjiang.

Hezim è stato arrestato subito dopo il suo rientro da una trasferta in Spagna e a Dubai.

Pur essendo considerato una stella nascente del calcio a livello locale, la sua fama non lo ha risparmiato dai campi di rieducazione. Secondo le fonti locali di  Radio Free Asia , Hezim è stato arrestato “perché colpevole di aver visitato paesi stranieri”.

Hezim è uno del milione di uiguri della provincia dello Xinjiang che sono stati trasferiti in centri di rieducazione, perché far sì che si dimentichino delle loro credenze religiose e opinioni politiche e le correggano.

Non si sa bene cosa accada nei campi di rieducazione dello Xinjiang, ma ex internati hanno raccontato di campi – gestiti a livello di città, villaggi e regioni – protetti da recinzioni in filo spinato, sistemi di sorveglianza e forze di polizia armate. Hanno anche affermato di essere stati trasferiti in questi campi senza alcun processo e che, una volta lì, sono stati obbligati a cambiare il loro credo religioso e giurare fedeltà al Partito Comunista Cinese (CCP).

Shawn Zhang, uno studente di giurisprudenza, ha usato le immagini satellitari per visualizzare le dimensioni dei campi e fornire qualche informazione aggiuntiva sugli stessi.

Campo di rieducazione nella contea di Shufu (Kashgar Konasheher), Xinjiang. Immagine scattata da Shawn Zhang e divulgata tramite Medium.

C'è chi sostiene che i musulmani siano stati obbligati a mangiare carne di maiale e bere alcolici per dimostrare che non erano più “estremisti”.

Gli uiguri con contatti all'estero sembrano essere gli obiettivi principali di questo tipo di detenzione politica. Nel marzo 2018, appena un mese dopo l'arresto di Hezim, è scomparso anche Ablajan Awut Ayup, un famoso musicista uiguro apprezzato dal pubblico uiguro e cinese per le sue canzoni bilingui, Anche nel suo caso, a nulla sono valsi la sua fama e la sua immagine di icona culturale.

Guligeina Tashimaimaiti, una dottoranda cino-uigura della University of Technology in Malesia (UTM) risulta scomparsa dal gennaio 2018. Secondo la rete Scholars at Risk, Tashimaimaiti era tornata a Ghulja, la sua città natale, nel dicembre del 2017 per cercare i suoi genitori scomparsi. La sorella, che studia anche lei in Malesia, ha confermato che Tashimaimaiti è stata mandata in un campo di rieducazione.

Gli uiguri che risiedono all'estero usano Twitter per richiedere il rilascio dei loro parenti in madrepatria.

Halmurat Harri, un medico uiguro-finlandese, che è nato nella città di Turpan nella regione dello Xinjiang, ha chiesto a gran voce il rilascio dei propri genitori:

I miei genitori mi hanno insegnato ad amare gli altri. Attualmente, sono detenuti in uno dei campi di rieducazione cinesi. Spero che il bene prevalga sul male. Spero che la loro sofferenza abbia fine. Non chiedo vendetta, ma giustizia. Amate il bene e odiate il male. Pregate per noi.

L'utente @Uyghurspeaker, che sta tenendo tenendo traccia degli uiguri detenuti, ha recentemente tradotto un post in uiguro e canadese relativo alla morte di sua madre in uno di questi campi di rieducazione:

Abdulaziz, un uiguro residente in Canada, ha appreso oggi che sua madre Adalet (di Pichan) è deceduta in un campo di concentramento/prigione lo scorso marzo. La sua salma non è stata restituita alla famiglia, e si ritiene sia stata cremata. Era stata arrestata nell'agosto del 2016 al suo ritorno da un viaggio in Turchia.

Alcuni uiguri che risiedono in paesi occidentali hanno intrapreso varie iniziative per richiamare l'attenzione del pubblico su questi campi di concentramento cinesi:

Circa 100 uiguri hanno protestato davanti all'Ambasciata americana nei Paesi Bassi, per chiedere agli Stati Uniti di fare pressioni sulla Cina perché chiuda i campi di concentramento in cui sono detenuti un milione di uiguri.

Pechino ha per lo più evitato di fare commenti a livello internazionale sull'esistenza di questi campi di rieducazione. Internamente però lo stato e gli organi di stampa del Partito affermano che i campi sono parte del programma di lotta contro l'estremismo islamico.

Durante l'anno lunare che ha avuto inizio nel febbraio 2018, Zhang Chunlin, il Vicepresidente del Partito della regione uigura autonoma dello Xinjiang ha organizzato un incontro con alcuni studenti della contea di Yarkant. Quando Zhang ha chiesto a uno degli studenti universitari quale fosse la sua opinione sul fatto che la sua famiglia fosse stata mandata in un campo di rieducazione, lo studente ha risposto [zh]:

这是党和政府治病救人的举措,是为了挽救我的家人免于处罚法律,我完全理解,也希望他们早日改正,做一个有益于社会的人

Questa è la politica adottata dal Partito e dal governo per curare i malati, ed evitare che i miei familiari venissero puniti dalla legge. Concordo perfettamente con la misura intrapresa, e mi auguro che si convertano in persone che facciano del bene alla società.

Al di fuori di questi discorsi ufficiali, capita raramente di vedere sui social media cinesi commenti o articoli su questo problema.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.