chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

FOTO: un drone che consegna i vaccini in una remota isola di Vanuatu

La comunità si raccoglie per le vaccinazioni, dopo l'arrivo del drone con i vaccini presso la Baia di Cook. Foto fornita da Swoop Aero a UNICEF, usata con autorizzazione.

“Il breve volo odierno del drone è un enorme balzo per la salute globale”, dice [en, come i link seguenti] il direttore esecutivo di UNICEF Henrietta H. Fore, dopo che il drone ha consegnato con successo una scatola di vaccini in una remota isola di Vanuatu il 18 dicembre 2018.

Vanuatu, una nazione arcipelago di 83 isole nel Pacifico, sparse lungo 12.189 chilometri quadrati, è diventato il primo Paese al mondo a usare i droni per trasportare i vaccini alle sue remote comunità.

Oltre alla sfida geografica, solo circa un terzo delle sue isole abitate hanno piste d'atterraggio o strade asfaltate.

Un bambino su cinque in Vanuatu non è completamente immunizzato.

Il drone, gestito dall'australiana Swoop Aero, ha impiegato circa mezz'ora per attraversare la distanza di 40 chilometri dalla Baia di Dillon sul lato occidentale dell'Isola Erromango alla costa orientale sulla Baia di Cook. I collaudi dei droni si sono svolti il 5 e il 7 dicembre 2018.

Le remote comunità lungo la Baia di Cook non hanno né un centro sanitario né elettricità, e sono raggiungibili solo a piedi o con piccole barche.

Collaudo del drone il 5 dicembre 2018. Foto di UNICEF, usata con autorizzazione.

Su, su e via!!! Swoop Aero dimostra come i loro droni collauderanno le consegne di vaccini con i loro droni questa settimana a #Vanuatu #dronipervaccini

Poiché i vaccini devono essere conservati a temperature fresche, sono stati messi in scatole di polistirolo con pacchi di ghiaccio, prima di montarle su un drone.

Una vista aerea di una remota comunità presso la Baia di Cook, dove un drone ha consegnato con successo i vaccini. Foto di Jason Chute/UNICEF, usata con autorizzazione.

L'infermiera Miriam Nampil ha ricevuto i vaccini consegnati dal drone e li ha somministrati a 13 bambini e cinque donne gravide. Joy Nowai, un mese di età, ha ricevuto iniezioni contro l'epatite e la tubercolosi ed è diventato il primo bambino al mondo vaccinato con un'iniezione di vaccino trasportato commercialmente da un drone.

Operatori sanitari locali diretti dall'infermiera Miriam Nampil (a destra) ricevono il primo vaccino consegnato dal drone Swoop Aero presso la Baia di Cook. Foto di Jason Chute/UNICEF, usata con autorizzazione.

Nampil ha festeggiato l'evento:

As the journey is often long and difficult, I can only go there once a month to vaccinate children. But now, with these drones, we can hope to reach many more children in the remotest areas of the island.

Il viaggio è lungo e difficile, posso quindi andarci una volta al mese per vaccinare i bambini. Adesso con questi droni, invece, possiamo sperare di raggiungere più bambini nelle remote aree dell'isola.

La comunità si raccoglie per le vaccinazioni dopo l'arrivo del drone presso la Baia di Cook con i vaccini. Foto di Jason Chute/UNICEF, usata con autorizzazione.

Vanuatu e UNICEF hanno all'inizio proposto l'uso dei droni per migliorare la copertura di vaccinazioni nel Paese nel 2017. Almeno 13 società hanno presentato il loro intento per partecipare nei collaudi dei droni auto finanziato, ma le sfide logistiche e finanziarie hanno spinto molte a ritirarsi. Alla fine, Vanuatu ha conferito tre contratti a due operatori che hanno gestito i collaudi il 5 dicembre 2018.

Andrew Parker, capo di UNICEF Vanuatu, ha dissipato i timori che l'utilizzo di droni sostituisca gli operatori sanitari:

We are not seeking to replace jobs, we are seeking to complement instead. Think of the nurse at the aid post level, who doesn’t have the medicines and therefore cannot treat a sick child. She or he will be frustrated, knowing what’s needed but can’t do anything about it.

Non stiamo cercando di rimpiazzare i posti di lavoro, stiamo invece tentando di completarli. Pensate all'infermiere/a al primo soccorso, che non ha le medicine e perciò non può trattare un bambino malato. Sarà frustrato/a, sapendo che cosa serve, ma non potendo fare nulla senza.

Il governo di Vanuatu sta studiando la possibilità di integrare ufficialmente l'uso dei droni nel sistema sanitario.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.