chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Nipote del leader kazako si lamenta di essere senza passaporto dopo un periodo in una “prigione privata russa”

Screenshot dell'account Facebook di Aisultan Nazarbayev. L'uomo che bacia il giovane Aisultan nell'immagine di copertina è il leader a vita kazako, Nursultan Nazarbayev.

Il nipote del potente leader kazako Nursultan Nazarbayev ha lasciato di stucco gli utenti dei social nel paese centro asiatico, lamentandosi di essere “privo di passaporto” dopo aver trascorso un periodo di tempo in una “prigione privata russa”.

Gli utenti kazaki hanno reagito con incredulità al bizzarro post [kk, come link seguenti, salvo diverse indicazioni] comparso sul profilo Facebook di Aisultan Nazarbayev nella tarda serata del 23 gennaio, dove il 28enne sembrava criticare la burocrazia statale e la polizia.

“Grazie a loro adesso sono senza passaporto né documenti” ha scritto, rivolgendosi alle autorità per l'immigrazione.

Nelle sue prime ore il post, che iniziava con una domanda filosofica, ha ottenuto più di cento condivisioni.

Что такое Родина?�Для кого-то это просто место, где ты прописан по паспорту. Для кого-то это место, где тебе хорошо. А для кого-то это страна, с которой ты связан, как дерево корнями связано с землей, и не важно, стоит ли прописка в твоем паспорте и хорошо ли тебе там.

“Cos'è la madrepatria? Per alcuni, è solo il luogo scritto sul passaporto. Per altri, è un luogo dove ti senti bene. E per altri ancora è un paese con il quale sei connesso, come un albero è connesso al terreno tramite le radici, e non importa se c'è un timbro sul tuo passaporto che lo conferma o se ti senti bene lì.

Anche se non era possibile provare che fosse stato proprio Aisultan Nazarbayev a scrivere il post, era molto plausibile dati i suoi strani appelli pubblici passati.

Inoltre, il mese scorso aveva ringraziato le autorità russe per averlo reso “di nuovo libero, nel pieno senso della parola” in un altro criptico post che si è rifiutato di spiegare.

L'inizio del governo autoritario di Nursultan Nazarbayev sul Kazakistan risale al periodo precedente all'indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1991.

Aisultan Nazarbayev è il figlio di Dariga, la sua prima figlia, che ora ha 55 anni.

Nel 2017, quando era vicepresidente della federazione nazionale di calcio, Aisultan Nazarbayev ha ammesso [en] che suo nonno ebbe un ruolo cruciale nello sviluppo della sua dipendenza da sostanze stupefacenti.

Prima di ottenere quel lavoro, Aisultan era stato molto critico nei confronti delle autorità sportive kazake e in particolare con quello che all'epoca era il capo della federazione, un lealista del presidente che era stato anche capo di gabinetto della nazione.

Aisultan ha lasciato l'incarico meno di un anno dopo ed è subito scomparso dalla vita pubblica fino a quando non è riapparso di nuovo col suo messaggio del 23 gennaio, fumante contro gli organi dell'autorità per l'immigrazione dell'ex repubblica sovietica che ha descritto come “semplicemente infernali”.

Ma gli utenti hanno faticato a immaginare Aisultan lottare come un “cittadino qualunque” in uno degli odiati “Centri di Servizio per la Popolazione” del paese.

Questi centri, che si occupano dei problemi relativi ai documenti di cittadini e stranieri, sono noti, per usare un eufemismo, per l'utilizzo di un approccio indifferente nell'assistenza ai clienti.

Почему то мне не верится, что ” автор” сам ходил в ЦОН.

Perché non riesco a credere che l'autore sia stato di persona in un (centro di registrazione)?

Полетят головы клерков

Adesso questi passacarte perderanno la testa.

In silenzio per un anno

Ciò che più ha sorpreso gli utenti è stato il fatto che Aisultan Nazarbayev abbia affermato di aver trascorso del tempo in una “prigione privata russa”.

“Dopo essermi liberato da solo dal confino in una prigione privata russa, sono tornato (in Kazakistan) senza documenti —  tutto quello che possedevo mi stato rubato o è stato distrutto” ha scritto Nazarbayev, senza menzionare la ragione della sua presunta incarcerazione [en]:

È già qualcosa! Aisultan Nazarbayev, nipote del presidente, 12 minuti fa ha scritto sulla sua pagina Facebook che ora è privo di cittadinanza e che è stato rinchiuso in una prigione russa da persone a lui “più vicine” nelle quali confidava.

Già le speculazioni pubbliche sulle posizioni di Aisultan avevano dilagato per qualche tempo a causa del suo silenzio sui social media per più di un anno, dopo che aveva lasciato il lavoro nel settore calcistico.

Anche se Aisultan ha ammesso che avrebbe potuto contattare il suo potente nonno 78enne per aiutarlo a risolvere la sua presunta mancanza di documenti, ha detto di “vergognarsi a disturbare il leader della nazione per un problema che avrebbe dovuto essere risolto automaticamente”.

Il corrente mandato presidenziale di Nursultan Nazarbayev termina nel 2020. Non ha mai indicato un successore ma, in un'intervista rilasciata nel 2016, ha dichiarato [en] che non è nei suoi piani lasciare il governo di un paese di 18 milioni di persone ai suoi figli.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.