chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Il nuovo decreto di Bolsonaro sulle armi metterebbe in pericolo i reporter, afferma un'associazione giornalistica

Bolsonaro firma decreto sulle armi il 7 maggio mentre i membri del Congresso festeggiano facendo con le mani il gesto della pistola. Foto: Marcos Corrêa, stampa del Governo del Brasile, CC-BY 2.0.

Molto prima di candidarsi alla presidenza, il gesto caratteristico di Jair Bolsonaro era fare pistole immaginarie con le dita. Una delle sue principali promesse in campagna elettorale era rendere flessibili le rigide leggi di controllo delle armi del Brasile, e ora sta cercando di mantenerle. A gennaio ha sottoscritto un decreto che facilitava ai civili il possesso di armi e il 7 maggio ne ha sottoscritto un altro [pt, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] che riduceva ulteriormente le restrizioni a 20 categorie di professionisti.

Si tratta di assistenti sociali, vigili urbani, avvocati, camionisti, politici in carica e reporter della polizia, tra gli altri. Durante la cerimonia di sottoscrizione, Bolsonaro ha dichiarato che il decreto si trova “entro i limiti di legge” e ha dichiarato che con “ogni possibilità permessa dalla legge, arriveremo fino a quei limiti”.

L'Associazione Brasiliana di Giornalismo d'Inchiesta (Abraji) ha emesso una dichiarazione nella quale chiede al Governo di derogare la citata sezione agli addetti stampa. Afferma:

Nos 16 anos em que a Abraji  oferece treinamentos de segurança a jornalistas em parceria com organizações internacionais como o International News Safety Institute (INSI), o porte de armas jamais foi apresentado como forma de proteção.
Há ações mais indicadas para aumentar a segurança de quem se arrisca para informar a população, como a estruturação adequada do Programa de Proteção a Defensores de Direitos Humanos, Ambientalistas e Comunicadores.

Nei 16 anni che l'Abraji offre addestramento sulla sicurezza a giornalisti in associazione a organizzazioni internazionali come International News Safety Institute (INSI), possedere armi non è mai stata una forma di protezione. Ci sono azioni più adatte ad aumentare la sicurezza di coloro che rischiano per informare la popolazione, come l'adeguata strutturazione del Programma di Protezione dei Difensori dei Diritti Umani, Ambientalisti e Comunicatori.

La dichiarazione cita Fernando Molica, ex direttore dell'Abraji il quale afferma che “se l'essere armati fosse garanzia di mantenimento dell'integrità fisica, non verrebbero uccisi così tanti poliziotti nel paese”. Secondo Molica, il decreto costituisce un'altra maniera di trasferire le responsabilità dello stato al popolo:

Com uma canetada, Bolsonaro transformou repórteres em alvo dos bandidos – os caras vão passar a achar que todos nós estamos armados e, que portanto, podemos atirar contra eles, é bem mais provável que eles disparem na nossa direção. Assaltantes terão mais um motivo para abordar caminhoneiros: além de carga a ser roubada, eles, em tese, terão armas que poderão ser arrecadadas.

Con un colpo di penna, Bolsonaro ha trasformato i reporter nell'obiettivo dei delinquenti i quali credono che siamo tutti armati e che, quindi, possiamo sparare contro di loro; in questo modo, è più probabile che essi sparino verso di noi. Gli aggressori avranno un motivo in più per attaccare i camionisti: oltre a rubare il loro carico, in teoria, avranno armi da poter accumulare.

Igor Gielow, reporter di Folha de S. Paulo, scrive che le minacce sollevate dal decreto potrebbero avere effetto nel reportage dei conflitti in Brasile:

O argumento da autodefesa fica prejudicado em um tiroteio: ou você estará de um lado, ou de outro. Levando a interpretação ao limite, o decreto quase impõe que repórteres policiais sejam “embedded”, ou seja, acompanhem as tropas do Estado, como acontece em quase todas as guerras.
Isso seria fatal para a diversidade de pontos de vista necessária a uma cobertura de conflito urbano no Brasil.

L'argomento dell'autodifesa rimane danneggiato in una sparatoria: ti troverai da una parte o dall'altra. Portando tale interpretazione al limite, il decreto impone quasi che i reporter della polizia rimangano “inseriti”, cioè che accompagnino le truppe dello stato, come accade in quasi tutte le guerre. Ciò sarebbe fatale per la diversità dei punti di vista necessaria per la copertura del conflitto urbano in Brasile.

Poco dopo che Bolsonaro ha firmato l'ordine, Rodrigo Maia, presidente della Camera dei Deputati del Brasile, ha affermato che il Congresso potrebbe porre il veto ad alcune parti del testo:

A gente precisa discutir a questão das armas, a gente não pode fazer uma interpretação excessiva e ampliar ainda mais a violência que existe no Brasil. Vamos avaliar junto com a nossa assessoria sobre o que pode ter sido usurpado e dar atenção a esse tema que tem mobilizado a sociedade brasileira nas últimas horas

Dobbiamo discutere la questione delle armi, non possiamo realizzare un'eccessiva interpretazione e aumentare ulteriormente la violenza che è già presente in Brasile. Valuteremo, insieme ai nostri consulenti, fino a che punto il decreto ha usurpato [la legge] e porremo attenzione a questo argomento che ha mobilitato la società brasiliana nelle ultime ore.

Secondo la ONG Reporter senza Frontiere, dei 66 giornalisti morti in tutto il mondo nel 2018, quattro erano brasiliani. Un rapporto di Article 19 di novembre 2018 recita: “Stanno uccidendo impunemente giornalisti e comunicatori in Brasile” e che “blogger e presentatori nei paesini affrontano il maggior rischio di morire a causa delle loro ricerche”.

Il rapporto sottolinea che la “maggior parte degli assassini sembra che siano stati realizzata da sicari per ordine di terzi”. Nessuno dei quattro giornalisti brasiliani morti riferiva della delinquenza. Laura Tresca, direttrice regionale di Article 19 per il Sud America afferma nel rapporto [en]:

The death of a communicator has wider implications for Brazilian society. The victims in this report were silenced for speaking out about corruption and crime. Their murders create a climate of fear and self-censorship that prevents others from holding our politicians, authorities and corporations to account.

La morte di un comunicatore ha maggiori conseguenze per la società brasiliana. Le vittime in questo rapporto sono state messe a tacere in quanto hanno denunciato la corruzione e la delinquenza. Le loro morti creano un clima di terrore e di autocensura, che impedisce ad altri di fare in modo che i politici, autorità e associazioni ne rendano conto.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.