chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Vincere un premio letterario non rende liberi: Intervista con lo scrittore e richiedente asilo Behrooz Boochani

Screenshot del film che documenta la vita di Behrooz Boochani nel campo dell'isola di Manus.

Nonostante l'Australia sia un paese di migranti [it], l'attuale trattamento di rifugiati e richiedenti asilo è motivo di indignazione sia interna che internazionale [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]. Lo scrittore, regista e giornalista e rifugiato iraniano-curdo, Behrooz Boochani, ne è forse la migliore rappresentazione vivente. Boochani ha trascorso sei anni nel centro di detenzione di Manus. Mentre il campo, che si trova in Papua-Nuova Guinea, è stato chiuso nel 2017, Boochani è stato trasferito a Port Moresby, e il suo futuro resta incerto.

La determinazione di Boochani a sopravvivere e testimoniare delle condizioni nel campo lo ha spinto a realizzare un'impresa incredibile: ha tenuto un diario e scritto uno straordinario memoir attraverso migliaia di messaggi Whatsapp, Nessun amico se non le montagne: Prigioniero nell'isola di Manus [it], che ha vinto in Australia il Victorian Prize for Literature e il Victorian Premier's Prize per la saggistica a gennaio 2019.

Secondo i rapporti, e secondo il racconto di Boochani nel suo libro [it], almeno 16 persone hanno perso la vita nei campi di detenzione. Esistono numerosi altri esempi documentati di suicidio, autolesionismo ed estrema violenza. I rapporti indicano che i detenuti, tra cui donne e bambini, dormivano in tende ammuffite con topi e scarafaggi e ricevevano cure sanitarie inadeguate. Questa violenza è una conseguenza della politica di smistamento offshore dell'Australia, progettata per dissuadere le persone dal venire in Australia punendo coloro che sono venuti in barca in cerca di rifugio.

Ecco il trailer di un film documentario prodotto su telefono cellulare da Boochani che mostra il campo di Manus:

Recentemente sono stato in grado di parlare con Boochani in persiano usando WhatsApp. Ecco una versione tradotta e adattata della mia intervista:

Fred Petrossian: Molti ritengono che i rifugiati e i richiedenti asilo siano stati trattati come criminali in questi campi di detenzione senza che avessero commesso alcun reato. Tu sostieni che sia molto peggio di così. Puoi spiegare?

Behrooz Boochani: It is very important to emphasize that people in these camps had no rights. While criminals in prison enjoy certain basic rights, even in the worst systems, such as the right to make phone call, refugees and asylum seekers in these camps were deprived of those basic rights.

Time is the most important thing to describe this system. People who are sent to prison know how long their sentence is, but we did not, and we do not know when can we leave this place. This creates real mental torture. Besides, there is only one season on this island. This is really disturbing, because you do not feel time passing.”

Behrooz Boochani: È molto importante sottolineare che le persone in questi campi non avevano diritti. Mentre i criminali in carcere godono di alcuni diritti fondamentali, anche nei peggiori sistemi [carcerari], come il diritto di fare telefonate, i rifugiati e i richiedenti asilo in questi campi sono stati privati di tali diritti fondamentali.

Il tempo è la cosa più importante per descrivere questo sistema. Le persone che vengono mandate in prigione sanno quanto dura la loro pena, ma noi no e non sappiamo quando potremo lasciare questo posto. Questo crea una vera tortura mentale. Inoltre, c'è solo una stagione su quest'isola. Questo è davvero inquietante, perché non senti passare il tempo. “

FP: In tali condizioni, come è stato possibile resistere? 

BB: There are two categories of resistance. One is individual, such as the hunger strike. People have different personal forms of resistance: I started to write, another person cultivated a one square-meter garden, one sang. Self-harm is also a form of resistance: using your body as your only weapon because a body is a political subject. I can count over 100 times when people did that to themselves. And it has been reported as a practice common among refugees in several reports.

Another category of resistance was collective, group action against the system. The most significant rebellion in this prison was in February 2014. Both sides, camp guards and detainees, used violence, leading to the death of one refugee, Reza Barati. For two weeks, detainees conducted peaceful demonstrations. The second action took place in January 2015, when 800 people went on hunger strike for two weeks. The camp authorities started to use violence, moving some leaders to prison, attacking two camps and beating many people. The third action happened in 2017 when detainees did not want to move to new locations. This lasted 23 days and was peaceful, but in the end we were attacked and many were injured. The fact that we are attacked as refugees by locals is motivated by Australian propaganda that describes us as a danger to society.

BB: Esistono due tipi di resistenza. Uno è individuale, come lo sciopero della fame. Le persone hanno diverse forme personali di resistenza: ho iniziato a scrivere, qualcun altro ha coltivato un giardino di un metro quadrato, un altro canta. Anche l'autolesionismo è una forma di resistenza: usare il proprio corpo come unica arma perché un corpo è un soggetto politico. Posso contare oltre 100 occasioni in cui qualcuno è ricorso a tale metodo su se stesso. Ed è stato segnalato come una pratica comune tra i rifugiati in diversi rapporti.

Un'altra categoria di resistenza era l'azione collettiva di gruppo contro il sistema. La ribellione più significativa in questa prigione è stata nel febbraio 2014. Entrambe le parti, guardie del campo e detenuti, hanno usato la violenza, portando alla morte di un rifugiato, Reza Barati. Per due settimane, i detenuti hanno condotto manifestazioni pacifiche. La seconda azione si è svolta a gennaio 2015, quando 800 persone hanno fatto lo sciopero della fame per due settimane. Le autorità del campo hanno iniziato a usare la violenza, spostando alcuni dei leader in prigione, attaccando due campi e picchiando molte persone. La terza azione è avvenuta nel 2017 quando i detenuti si sono rifiutati di venir trasferiti. Durò 23 giorni e fu pacifica, ma alla fine fummo attaccati e molti vennero feriti. Il fatto che veniamo attaccati come rifugiati dalla gente del posto è motivato dalla propaganda australiana che ci descrive come un pericolo per la società.

FP: Hai scritto che l'Australia ha usato il “fattore paura” per dividere rifugiati e gente del posto. I rifugiati sono stati presentati come criminali e i locali come barbari. Questo discorso ha mai smesso di influenzare le persone?

BB: This system is based on fear, and from the early days, it created distrust and hostility among locals and refugees. Both groups became victims of this system. But when the refugees started going outside and got in touch with locals, this discourse faded, while suspicion remained.

BB: Questo sistema si basa sulla paura e fin dall'inizio ha creato sfiducia e ostilità tra i locali e i rifugiati. Entrambi i gruppi sono diventati vittime di questo sistema. Ma quando i rifugiati hanno iniziato ad uscire e sono entrati in contatto con la gente del posto, questo discorso è svanito, mentre la diffidenza è rimasta.

FP: Perché l'Australia ha rifiutato l'offerta della Nuova Zelanda di trasferire 150 rifugiati e l'ha definita “un'opportunità di marketing per i trafficanti”?

BB: This is because Australia's Liberal party never wants to end the detention camps, for several reasons: first, the Liberal party uses this detention policy to scare people in its competition with the Labour Party, basically saying ‘if we are not around, boat people will come back’. This argument is false. Boats are not coming because they are forcefully turned away. The Manus and Nauru camps have had no deterrence impact. There are also large sums of money involved in this detention policy, with billion of dollars spent in corruption schemes. Finally, one of the reasons why people suffer is racism and sadism.

BB: Questo perché il partito liberale australiano non vorrebbe mai porre fine ai campi di detenzione, per diversi motivi: in primo luogo, il partito liberale usa questa politica di detenzione per spaventare le persone nella sua competizione con il partito laburista, dicendo sostanzialmente “se non ci siamo noi, le barche torneranno ad arrivare’. Questo argomento è falso. Le barche non arrivano perché vengono allontanate con forza. I campi di Manus e Nauru non hanno avuto alcun impatto deterrente. Ci sono anche ingenti somme di denaro coinvolte in questa politica di detenzione, con miliardi di dollari spesi in piani di corruzione. Infine, uno dei motivi per cui le persone soffrono è il razzismo e il sadismo.

FP: Di recente, un rifugiato di Manus ha dichiarato, durante il conferimento di un premio per i diritti umani in Svizzera, di essere rimasto sorpreso dal fatto che l'opinione pubblica non sia a conoscenza dei campi di detenzione australiani. Com'è possibile? Cosa possiamo fare per aumentare la consapevolezza?

BB: I kept writing for six years, day and night. The most important challenge is that we are facing a liberal Western government and this creates a kind of positive image in public opinion. There are some art and literature creations in Manus that will find their way out and can raise awareness. For example my book will be published in 25 countries, and my film will be screened in several international festivals. Through the language of art, people can understand the system better than through the media.

BB: Ho continuato a scrivere per sei anni, giorno e notte. La sfida più importante che stiamo affrontando è un governo occidentale liberale e questo crea una sorta di immagine positiva nell'opinione pubblica. Ci sono alcune creazioni artistiche e letterarie a Manus che troveranno la loro via d'uscita e possono aumentare la consapevolezza. Ad esempio, il mio libro sarà pubblicato in 25 paesi e il mio film sarà proiettato in numerosi festival internazionali. Attraverso il linguaggio dell'arte, le persone possono capire il sistema meglio che attraverso i media.

Nella stessa Australia, il dibattito attorno ai campi sta imperversando. Il partito laburista afferma che Peter Dutton, ministro degli affari interni dell'Australia, ha perso il controllo dei confini australiani, dicendo che 80.000 persone sono arrivate in aereo per chiedere asilo dal 2014. Ci sono anche accuse di corruzione, poiché questa politica richiede miliardi di dollari in spese e crea posti di lavoro.

Mentre un certo numero di star e organizzazioni internazionali, tra cui la star di Hollywood Russel Crowe e Amnesty International, hanno denunciato gli abusi in atto, alcuni politici hanno anche accolto con entusiasmo il modello australiano. Matteo Salvini, ex vice primo ministro italiano, ha fatto spesso riferimento al sistema migratorio australiano come a un ideale mondiale. Alcuni sostengono che l'attacco di Trump ai richiedenti asilo sia stato concepito in Australia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.