chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

All'interno dello scandalo delle tessere di partito che scuote l'opposizione in Azerbaigian

Illustrazione (c) di Tom Venner per Global Voices. Usata su autorizzazione.

Questa storia è stata finanziata dall'Unione Europea e sostenuta da OPEN Media Hub. L'autrice non è e non è mai stata membro di alcun partito politico azerbaigiano.

Quando i dissidenti politici fuggono dall'Azerbaigian, non attraversano il Mediterraneo a bordo di barchette di plastica per approdare poi su una spiaggia greca in pieno inverno, né sono costretti a raggiungere la Germania, i Paesi Bassi, o la Svizzera a piedi o in autostop: più semplicemente, viaggiano in aereo, presentando documenti che confermano l'appartenenza a un partito di opposizione.

L'Azerbaigian è governato da Ilham Aliyev [it], subentrato al padre Heydar nel 2003. Nell'Assemblea Nazionale, il parlamento azerbaigiano, siedono tre partiti e diversi membri indipendenti. Ma dietro questa facciata di pluralismo si nasconde un sostegno unanime al regime di Aliyev e al Partito del Nuovo Azerbaigian (YAP) [it], che detiene la maggioranza. Nel frattempo, l'opposizione extra parlamentare del paese viene marginalizzata e repressa, sempre più duramente negli ultimi anni. Attivisti per i diritti umani, giornalisti e oppositori del regime sono stati imprigionati e sottoposti a una serie di violazioni dei diritti fondamentali. Sebbene il governo non accetti che vengano mosse critiche ai suoi precedenti in materia di diritti umani, Freedom House definisce l'Azerbaigian [en] un “regime totalitario radicato”.

Così, essere oggi membro titolare di una tessera di adesione a un partito di opposizione extra parlamentare in Azerbaigian presuppone abusi, molestie e, talvolta, accuse penali. Ciò significa che tali attivisti e politici hanno buone ragioni per chiedere asilo all'estero, ma rende allo stesso tempo l'appartenenza al partito altrettanto allettante per coloro che vogliono avere garanzia di successo in Europa. Da anni si è diffusa infatti la voce che alti funzionari dei partiti di opposizione dell'Azerbaigian forniscano tessere di partito a persone prive di legami con i loro movimenti politici  presumibilmente in cambio di denaro.

Dopo l'arresto di alcuni cittadini azerbaigiani in Germania, ci sono ora motivi per sospettare che queste voci siano più di semplici voci.

Questa storia ruota attorno a un partito in particolare, il Musavat o Partito Uguaglianza.

Un “biglietto d'oro”

“La gente si avvicina al Musavat per ottenere le tessere associative; dopo due o tre mesi, ricevono anche delle lettere di referenze, in cui si parla di questi cittadini apolitici come di ‘eroi che hanno incessantemente combattuto contro il regime di repressione azerbaigiano,’ insieme ad alcune foto con il presidente del partito ai raduni politici. Questo facilita l'ottenimento di asilo politico all'estero”, ha dichiarato Yafaz Hasanov a Global Voices. Hasanov fa parte della dirigenza del partito ed è l'ex presidente della Commissione di Vigilanza del Musavat AKM in Germania, un'organizzazione istituita dal partito stesso nel 2016 per i suoi emigrati politici nell'UE.

“Tutto ciò era possibile fino a un anno fa, ma ora le autorità tedesche sono più diffidenti”, ha commentato.

Per il quarantenne Bashirov, scoprirlo è stata una doccia fredda. Bashirov era membro del Musavat dal 1998 ed è stato vicepresidente della sezione giovanile del partito a Zengilan. Nel 2014, Bashirov, pur essendo ancora membro del Musavat, ha iniziato a prendere le distanze dal partito, attratto dal movimento civico N!DA [en]. Dopo che, nel 2015, il governo azerbaigiano ha iniziato a esercitare crescenti pressioni sui membri dell'opposizione, Bashirov e sua moglie sono stati licenziati dal Road Institute di Shusha e dalla Banca di Rabita in cui lavoravano. Nel 2017, la famiglia si è rifugiata in Europa. 

“Nel 2017, la situazione è diventata più difficile. Ho regolarmente espresso critiche sui social media; stavamo cercando di organizzarci al di fuori delle strutture di partito perché non eravamo soddisfatti delle politiche del Musavat”, ha detto Bashirov a Global Voices in una conversazione telefonica. Ha continuato a resistere all'oppressione delle autorità fino a quando non gli è stata diagnosticata una malattia infiammatoria cronica intestinale. “Ora sono in Germania; potrei essere arrestato se rientrassi [in Azerbaigian], il che potrebbe mettere a rischio la mia vita; stare in prigione anche solo per un mese comporterebbe un peggioramento della malattia”, ha spiegato Bashirov.

Al suo arrivo in Germania, Bashirov ha chiesto asilo politico, ma la richiesta è stata rifiutata. Quando ha presentato ricorso in appello presso un tribunale della città tedesca di Münster, il giudice ha respinto il caso.

La lettera di rifiuto che Bashirov ha ricevuto dalle autorità tedesche conteneva la seguente ammissione rivelatrice [de]:

…Auch die vorgelegten Parteiausweise, sowie Stellungnahmen anderer Parteimitglieder sind nicht geeignet, den klägerischen Vortrag zu stützen. So ist schon zu beachten, dass Gefälligkeitsbescheinigungen von Parteifunktionären in Aserbaidschan unschwer zu beschaffen sind.

…Né le tessere del partito presentate, né le dichiarazioni degli altri membri del partito, sono sufficienti a sostenere le rivendicazioni del ricorrente. È stato riscontrato che tali certificati possono essere ottenuti senza difficoltà dai funzionari del partito in Azerbaigian.

Ci sono altri indizi del fatto che la Germania abbia iniziato a trattare le domande di asilo azerbaigiane con maggiore cautela. Secondo l'Ufficio federale per la Migrazione e i Rifugiati (BAMF), nel 2018, 1.783 cittadini azerbaigiani hanno presentato domanda di asilo. Solo 57 di queste domande sono state approvate. Nel frattempo, delle 630 domande d'asilo presentate da cittadini azerbaigiani nei primi cinque mesi del 2019, ne sono state approvate solo 6. Si tratta di un tasso di approvazione quasi tre volte inferiore rispetto all'anno precedente.

Ilgar Isayev, che aiuta a valutare le richieste di asilo dall'Azerbaigian per il BAMF, ha dichiarato a Global Voices che la maggior parte dei cittadini azerbaigiani che richiedono asilo in Germania lo fanno in qualità di dissidenti politici. “Adducono per lo più motivazioni politiche, che sono stati perseguitati dal governo, ma se si guarda più da vicino le loro storie emerge che sono per la maggior parte ignari di politica… o che le loro dichiarazioni non corrispondono a ciò che sta realmente accadendo in Azerbaigian”, ha detto Isayev. “Si ha l'impressione che non si tratti di persone con un passato politico. Coloro che sono realmente esposti a persecuzioni politiche sono per lo più personaggi pubblici e piuttosto noti”.

Il BAMF verifica le storie dei richiedenti asilo secondo un iter rigoroso. Innanzitutto, i funzionari tedeschi devono considerare a cosa il soggetto in questione potrebbe andare incontro qualora venisse rispedito in Azerbaigian. Se i responsabili del BAMF, come Isayev, ritengono che sussista un valido motivo per chiedere asilo, l'istituzione si rivolge all'ambasciata tedesca a Baku, la capitale azerbaigiana, la quale dispone di fonti indipendenti in grado di stabilire l'identità del richiedente e fare un controllo incrociato della sua storia. Durante questa procedura, ha spiegato Isayev, il BAMF non è necessariamente interessato all'appartenenza al partito, quanto piuttosto al fatto che l'individuo sia realmente soggetto a persecuzioni in Azerbaigian. Isayev ha aggiunto che, in base alla sua esperienza, la maggior parte delle richieste di asilo politico sospette includevano documenti rilasciati dal Musavat.

Isayev ha aggiunto che, anche in questi casi, i documenti di partito forniti dai richiedenti asilo erano spesso autentici. “Erano utilizzati soprattutto dal 2015 al 2018, ma ora sono [visti come] insufficienti […] Si raccomanda di non prendere decisioni sulla base di tali documenti”, ha spiegato.

Questo coincide con le affermazioni di Bashirov, secondo cui molte persone che hanno ricevuto asilo politico in Germania sulla base della loro appartenenza al Musavat non sono affatto membri dell'opposizione. “Nessuno [di loro] può venirmi a dire che hanno avuto una regolare attività politica come la mia, né sono stati sottoposti alle pressioni della polizia mentre erano in Azerbaigian”.

Bashirov afferma che la vendita di queste tessere di adesione al partito è iniziata nel 2005, quando l'ex presidente del parlamento Isa Gambar era ancora alla guida del Musavat. “Sotto la leadership di Arif Hajili [dal 2014], è diventata più sistematica grazie all'istituzione del Centro di Coordinamento Europeo del partito (AKM)”, ha continuato.

I misteriosi 197

Nell'agosto 2019, il presidente del Musavat Arif Hajili ha ammesso [az, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] di aver inviato lettere di referenze ufficiali a 197 persone negli ultimi cinque anni. Hajili, che il 13 ottobre è stato rieletto presidente del partito per altri cinque anni, ha sottolineato che “questi documenti possono essere ottenuti contattando le strutture del partito competenti. Tali questioni sono disciplinate dal regolamento interno del Musavat.”

Diversi membri del Musavat hanno dichiarato a Global Voices che i vertici del partito non sono mai stati informati dell'identità delle 197 persone, e che la presunta segretezza della leadership riguardo ai nuovi certificati aveva dei secondi fini.

Yadigar Sadigli è un ex vicepresidente del Musavat. Ha iniziato a indagare sulla presunta facilitazione dell'emigrazione dall'Azerbaigian da parte del partito già nel 2016, quando ha lavorato come coordinatore con gli attivisti del partito in Europa. Sadigli afferma che, durante quell'anno, 60 persone avevano ricevuto lettere di referenze a supporto delle richieste di asilo in Germania. Dichiara di aver verificato che nessuna di queste 60 persone era mai stata membro del Musavat, anche se si è rifiutato di rivelarne le identità a Global Voices.

“Anche se le repressioni contro il partito non erano così dure come lo erano state in passato, il numero di aderenti al Musavat che si recavano all'estero per chiedere asilo era aumentato in maniera sospetta. Lo scollamento era così evidente che non potevo tacere”, ha detto Sadigli a Global Voices.

“Abbiamo ripetutamente suggerito che [il Musavat] dovrebbe smettere di rilasciare questi certificati, e che il partito dovrebbe tenersi lontano dalla questione perché lo scandalo ha già danneggiato la sua immagine. Abbiamo anche suggerito una moratoria sui certificati per un certo periodo”, dice Sadigli. “Abbiamo ribadito che i diritti di nessun membro del partito sono più importanti dell'immagine di quest'ultimo, ma le nostre proposte non sono state accettate”, sospira.

Sadigli alla fine si è dimesso dal Musavat nel maggio 2018, a causa, dice, della frustrazione derivata dall'impossibilità di indagare, come vicepresidente, sulla politica di asilo del partito.

Yafaz Hasanov condivide i dubbi di Sadigli. “In qualità di Musavatista attivo e di giornalista, conosco tutti i membri del partito che sono stati perseguitati dal governo. Finora ne ho visti solo 19 o 20 in Europa. Com'è possibile che la cifra ufficiale sia di 197 persone?” chiede Hasanov.

Sia Hasanov che Sadigli sostengono che alcuni funzionari del partito hanno addirittura fornito retroattivamente la documentazione agli azerbaigiani che si erano già stabiliti in Europa.

“Alcuni azerbaigiani pensano che non appena saranno in Germania, si apriranno loro le porte del paradiso. Ma poi si rendono conto che hanno bisogno di un permesso di soggiorno, così si rivolgono al Musavat AKM per ottenere le tessere associative e le lettere di referenze”, ha spiegato Hasanov. “L'AKM invia poi questa lista di nomi alla sede centrale del Musavat a Baku e chiede che questi nuovi nomi diventino membri incondizionati del partito”. Questi nomi vengono poi registrati con una data antecedente e diventano membri dell'AKM del Musavat”. Hasanov sostiene che il Musavat AKM abbia fornito lettere di referenze di questo genere ad almeno 200 persone, anche se sospetta che la cifra reale sia molto più alta.

Nelle interviste a Global Voices, Hajili o Ilham Hasan, capo dell'AKM del Musavat, non hanno né negato né confermato il rilascio di lettere di referenze retroattive. Hajili si è rifiutato di aggiungere commenti, ritenendo che “non c'è bisogno che la stampa discuta di questi argomenti”.

Tofig Yagublu, un altro ex vicepresidente del Musavat, mette in discussione l'etica di fornire lettere di referenze retroattive: “Ogni membro del partito ha il diritto di ricevere una lettera di referenze. Chiedo solo che la referenza sia scritta correttamente”, dice. “Se una persona è stata membro del Musavat solo per un mese e non ha subito alcuna pressione, non dovrebbero esserci esagerazioni… La firma e il timbro non sono falsi, ma le referenze sono piene di menzogne”. 

Yagublu si spinge oltre nell'accusa, dicendo che l'AKM potrebbe fornire lettere di referenze e certificati di adesione al partito in cambio di denaro.  “Non vengono date gratuitamente referenze false”, dice, aggiungendo che, in diverse occasioni, è stato contattato da cittadini azerbaigiani in Europa, che sono rimasti insoddisfatti dei documenti ricevuti dall'AKM. “Mi hanno detto che l'AKM li aveva imbrogliati… Naturalmente non avrebbero pagato 100-200 euro per tale assistenza”. Un uomo che mi ha contattato in Europa mi ha detto di aver pagato 2000 euro per una lettera di referenze dell'AKM. Ma poi il suo avvocato gli ha comunicato che il documento non era sufficiente”.

Anche Zakir Agayev, ex coordinatore dell'AKM in Bavaria, sostiene che il Musavat rilasci tessere associative “per guadagnare soldi” e che alcuni funzionari trattino il Musavat “come una compagnia turistica piuttosto che come un partito politico”.

Agayev afferma che tra il 2005 e il 2016, come piccolo imprenditore in Azerbaigian, ha fornito assistenza finanziaria al Musavat, e successivamente è stato nominato presidente di una succursale nella provincia di Jalilabad. Quando la sua attività è stata confiscata dal governo, Agayev è stato nominato membro della direzione dell'AKM. Ma quando ha cercato di contattare i membri del Musavat residenti in Europa, ha continuato, il partito non ha divulgato il loro contatti.

“Quelli che sono riuscito a contattare hanno espresso disinteresse verso la politica in Azerbaigian, il che mi ha reso sospettoso”, ha ricordato Agayev, che ha aggiunto di non conoscere nessuno di questi nuovi membri del partito, ed era quindi interessato a scoprire perché si fossero stabiliti in Germania. Tuttavia, Agayev afferma che la direzione del partito non ha apprezzato la sua indiscrezione, e sospetta che la sua espulsione nel 2017 possa essere collegata alle sue indagini e alla sua appartenenza all'etnia talysh.

“Sono membro del Musavat da 19 anni e sono stato vicepresidente, ma non conosco queste persone”, ha esclamato Sadigli. Secondo lui, gli attivisti azerbaigiani che sono soggetti alle pressioni del governo non hanno di solito bisogno di consegnare la documentazione del partito presso gli uffici europei per le migrazioni, in quanto sono già noti agli organismi internazionali che vigilano sui diritti umani, come Human Rights Watch e Amnesty International.

“Più interessante è il fatto che, mentre si tiene un raduno a Baku, i leader del partito non riescono a raccogliere 200 persone per protestare”, si chiedeva ad alta voce Sadigli nell'intervista. “Allora come possono mandare in Europa 197 persone in qualità di membri perseguitati?”

Il fumo e gli specchi

I leader del Musavat respingono fermamente le accuse. In uno scambio di mail con la reporter, l'ex leader del Musavat, Isa Gambar, le ha definite come “una campagna diffamatoria contro il partito”, iniziata molto tempo fa.

“Ci siamo sentiti rivolgere queste accuse dalle autorità, dalle forze politiche avversarie e da coloro che, per qualche motivo, hanno avuto dissidi con il partito. Tuttavia, nessuno degli organismi e degli individui che hanno mosso tali accuse ha fornito delle prove […] non sono riusciti a procurarsi un solo documento contraffatto rilasciato dal Musavat”, ha dichiarato Gambar. “Com'è possibile, come si sostiene, che il Musavat abbia regalato documenti falsi per anni e in numero così elevato, ma che non siano stati esibiti almeno alcuni di questi documenti falsi?”

“Sono tutti originali, come la mia tessera di partito. Hanno tutte il timbro del Musavat. La falsificazione sta nelle persone a cui tali tessere vengono consegnate”, ha spiegato Yafaz Hasanov.

“Il partito non può essere ritenuto responsabile delle decisioni prese dai paesi europei e non ha assicurato a nessuno dei suoi membri che questi documenti siano sufficienti per ottenere un permesso [di soggiorno] in Europa”, ha spiegato Gambar, che ha ipotizzato che gruppi criminali possano falsificare le tessere e i documenti del partito e ha sottolineato che un maggiore controllo di tali documenti da parte dell'Europa non riflette un aumentato sospetto nei confronti del Musavat di per sé.

Quando gli è stato chiesto della tessera di partito di Bashirov, Gambar ha confermato a Global Voices che la tessera era autentica, diversamente da quelli che lui chiama “documenti falsi”. Gambar ha detto di non essere sorpreso dalla risposta negativa della corte d'appello tedesca, in quanto Bashirov “ha presentato nel 2019 una tessera ottenuta nel 2007, quindi 12 anni fa”. Tecnicamente, questo non dovrebbe avere alcuna rilevanza; i funzionari del partito affermano infatti che nessuna delle tessere ufficiali rilasciate dal Musavat ha una scadenza. 

Non è la prima volta che la politica di adesione del Musavat viene messa in discussione. Il 27 febbraio 2017, Gambar e Hajili sono stati convocati presso l'Ufficio del procuratore generale e interrogati a proposito degli azerbaigiani che richiedono lo status di rifugiati in Europa attraverso documenti falsi. Gambar ha parlato di mossa politicamente motivata.

“Evidentemente le autorità erano preoccupate per la partecipazione attiva del Musavat nel paese e nel mondo”, ha detto Gambar al sito di notizie Novator dopo l'interrogatorio. Arif Hajili ha fatto osservazioni simili in quell'occasione.

Il 25 febbraio 2017 è stato interrogato anche il vicecapo del Musavat, Gulaga Aslanli. L'11 dicembre di quest'anno, Aslanli ha intentato una causa contro Yafaz Hasanov, con l'accusa di calunnia in merito alle affermazioni di Hasanov che vedono il Musavat coinvolto nella falsificazione dei documenti. 

Bashirov, è convinto che il Musavat si sia rifiutato di sostenerlo perché non ha accettato di pagare tangenti. “Ma non solo: anche se avessi detto ‘lunga vita ad Arif [Hajili]!’, mi avrebbero aiutato”, ha aggiunto. “Ma siccome sono sincero e non potevano guadagnare soldi da me, hanno deciso di rimanere in silenzio. Non volevano andare oltre, dato che questo commercio ora è pubblico e che il loro mercato si sta estinguendo”, ha concluso Bashirov.

Un arresto in Germania

Sadigli ha detto a Global Voices di “non voler credere” che si potesse barattare l'adesione al partito con del denaro.

A dire il vero, è difficile provare che siano state fornite tessere di adesione e lettere di raccomandazione in cambio di denaro. I richiedenti asilo azerbaigiani che avevano ricevuto i documenti erano riluttanti a rilasciare dichiarazioni, per paura di mettere a repentaglio il loro status di residenti. Ma un recente arresto in Germania suggerisce un possibile collegamento.

Il 13 novembre, Der Spiegel ha riferito [de] che la polizia federale tedesca ha compiuto un blitz mattutino in appartamenti di Colonia, Francoforte, Wiesbaden e Düsseldorf nell'ambito di un'operazione contro il contrabbando, la falsificazione di documenti e il riciclaggio di denaro sporco da parte di bande di cittadini azerbaigiani. I 180 agenti di polizia coinvolti sono riusciti a procurarsi numerose prove, tra cui computer portatili, smartphone, documenti d'identità e circa 21.000 euro in contanti.

Secondo un comunicato stampa della polizia della città di Coblenza, sono stati arrestati un cittadino azerbaigiano di 49 anni e uno di 58. Uno di loro è Mehdi Khalilbayli, il secondo in comando del Musavat AKM. “Queste persone sono accusate di aver favorito l'ingresso clandestino in Germania di almeno 20 cittadini azerbaigiani, in cambio di una somma di denaro compresa tra 3000 e 10.000 euro. I responsabili avevano fornito documenti falsi per consentire loro di rimanere a lungo in Germania”, si legge nel comunicato stampa. 

In uno scambio di e-mail con l'autrice, il 3 dicembre, il procuratore federale di Coblenza, Thorsten Kahl, ha confermato che i due uomini sono stati arrestati sulla base di un mandato di cattura per immigrazione illegale organizzata e falsificazione di documenti, e ha aggiunto che l'indagine coinvolge otto sospettati.

Quest'ultima serie di arresti sarebbe stata avviata dopo una confessione di Rashad Mammadov, che, secondo una sentenza del tribunale di Coblenza del 25 ottobre consultata dai giornalisti, aveva favorito, in quanto autista, lo scambio di documenti falsi e grandi somme di denaro tra Khalilbeyli e Ilham Hasan. 

Subito dopo gli arresti, i leader del Musavat hanno cercato di prendere le distanze dai personaggi arrestati. Nelle dichiarazioni del 14 novembre rilasciate all'organo di stampa indipendente MeydanTV, Hajili ha affermato che Khalilbeyli era semplicemente “un membro ordinario del partito e non il vicepresidente dell'AKM”. Il 20 novembre, il presidente dell'AKM Ilham Hasan ha dichiarato che Khalilbeyli non era stato espulso dall'organizzazione, e ha sottolineato che tutte le accuse contro il Musavat in relazione alla vendita delle tessere associative erano una campagna diffamatoria.

La fiducia a rischio

Le voci sembrano aver danneggiato la reputazione del Musavat. Il più antico partito politico dell'Azerbaigian, che ha guidato il Paese durante il suo breve periodo di indipendenza dopo il crollo dell'Impero zarista, si trova ora ad affrontare quello che potrebbe essere un danno irreversibile alla sua credibilità.

“Tutte queste discussioni pubbliche sulla vendita delle tessere di partito hanno aumentato lo scetticismo della popolazione e diminuito la sua fiducia [nel Musavat]. Se saranno confermate dai tribunali [tedeschi], penso che la direzione del partito dovrebbe dimettersi […] Questo scandalo è rimasto nel nome del partito, e metterà fine alla carriera politica dei leader”, ha osservato il professor Altay Goyushov, politologo e capo dell'Istituto di ricerca di Baku, un gruppo di esperti che opera nella capitale azerbaigiana.

Goyushov ritiene che, a meno che, e fino a quando, il sistema giudiziario tedesco non emetterà una sentenza, la direzione del partito si limiterà a respingere le accuse come voci e falsità. Egli ritiene che, anche se è improbabile che il Musavat lasci rapidamente la politica azerbaigiana, la sua influenza è sopravvalutata e il partito dei veterani non è stato in grado di affrontare seriamente le esigenze di una popolazione giovane che chiede uno svecchiamento della politica.

“L'opposizione cerca di rinnovarsi dal 2010, ma le repressioni, le rappresaglie per il N!DA, l'arresto di Ilgar Mammadov sono riusciti a fermare questo processo. Al centro di tutte quelle repressioni, l'opposizione tradizionale, compreso il Musavat, ha iniziato a riemergere, ma sembra che il partito abbia avuto difficoltà a coinvolgere il popolo nelle lotte politiche, il che dimostra che il vuoto non è stato effettivamente colmato. Ma questo spazio non è vuoto invano, questo processo deve essere condotto in una certa direzione. Probabilmente, il processo di formazione di un nuovo partito di opposizione, composto principalmente da giovani in Azerbaigian, è diventato un imperativo e riuscirà a emergere”, dice Goyushov.

Sergey Rumyantsev, sociologo berlinese specializzato sull'Azerbaigian, ritiene che le prospettive siano cupe. “La crisi del Musavat è più legata alle pressioni dello Stato ed è ovvio che il governo si sia servito di questo caso per cercare di distruggere ancora di più i partiti di opposizione del paese. Ma, in linea di principio, ci sono problemi interni: la leadership del Musavat non si rinnova da molto tempo. È un problema enorme quando il partito di opposizione imita il regime e diventa ereditario”, ha spiegato Rumyantsev.

Per ora, l'Europa svolge un ruolo importante per i dissidenti azerbaigiani come spazio che assicura libertà di espressione e di associazione. Ecco perché attivisti come Sadigli ritengono che lo scandalo del Musavat sia una tragedia che potrebbe anche minacciare quell'oasi di libertà.

Nelle due settimane successive agli arresti, le autorità tedesche hanno espulso quasi 300 cittadini azerbaigiani dalla sola Baviera. Nel frattempo, Vusal Huseynov, capo del Servizio di Stato per le migrazioni dell'Azerbaigian, ha identificato 1385 azerbaigiani che, a suo dire, si trovano illegalmente in Germania e devono essere rimpatriati.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.