chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Il governo del Kosovo è il primo a cadere durante la crisi mondiale del coronavirus

Persone che sbattono pentole e padelle e un cartello con la scritta  “Siete voi che avete portato il panico nelle nostre case” e l'hashtag #stateacasa in albanese. Foto di Adelina Tërshani, usata con il suo permesso.

Scopri la copertura speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it].

Dopo una sessione di 12 ore, il 26 marzo è stata votata la mozione di sfiducia che ha portato alla caduta del governo del Kosovo, nonostante la forte opposizione dei cittadini che avrebbero voluto vedere le autorità unite nella lotta con la pandemia del COVID-19.

Con 82 voti favorevoli, 32 contrari e un'astensione, i deputati hanno sfiduciato il primo ministro Albin Kurti, leader del partito Vetëvendosje [it] (“autodeterminazione” in italiano) per volere della Lega Democratica del Kosovo [it] (LDK), ex alleata di coalizione.

Le recenti misure di emergenza contro l'epidemia del coronavirus ha creato tensioni all'interno della fragile coalizione [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] tra il Vetëvendosje e la LDK, che hanno formato il governo solo 52 giorni fa.

Il 18 marzo il primo ministro Kurti ha licenziato il ministro dell'interno Agim Veliu della LDK a causa di un disaccordo sulla dichiarazione dello stato di emergenza, che avrebbe aumentato i poteri del presidente Hashim Thaçi, anche lui della LDK.

La coalizione si è deteriorata ulteriormente quando il primo ministro ha annunciato un coprifuoco che Thaçi ha considerato incostituzionale.

Il governo ha deciso di dichiarare il coprifuoco.

Il presidente ha chiesto alla polizia del Kosovo di non rispondere agli ordini, considerando questa misura incostituzionale.

In Kosovo stiamo affrontando la crisi del Covid-19 in un modo molto bizzarro – con cittadini disciplinati e politici caotici.

Per favore, non provateci a casa.

Le tensioni politiche nel Kosovo hanno raggiunto livelli mai visti prima con Thaci che chiede ai cittadini di ignorare le nuove restrizioni del governo che ha imposto un coprifuoco (10:00-16:00 + 20:00), considerandole incostituzionali. Vuole uno stato di emergenza che gli assicura, in modo conveniente, molto più potere.

Confinati a casa, i kosovari hanno organizzato proteste in stile cazerolazo — battendo pentole e padelle da finestre e balconi — in opposizione alla mozione di sfiducia che molti temono possa gettare il paese nel caos costituzionale tra la pandemia e l'incombente recessione economica globale.

Ad oggi il governo ha confermato 86 casi di COVID-19 e un decesso per la malattia, secondo i dati ufficiali [sq] del Ministero della Salute.

Oggi la politica è assurda; mentre il resto del mondo si dà da fare per fermare la diffusione del COVID19, il parlamento del Kosovo si riunisce per sfiduciare il governo di quel fomentatore del primo ministro @albinkurti. Mentre gli altri governi europei estendono il loro mandato, questo parlamento vuole lasciare il nostro paese senza un governo.

In seguito alla convulsa scena politica e all'imminente crisi dell'epidemia del COVID-19, su Facebook il gruppo attivista Replikë ha invitato le persone a protestare in modo pacifico dai balconi e dalle finestre:

Ecco il video degli abitanti di Pristina che con pentole e padelle protestano contro i piani della LDK di rovesciare il governo del Kosovo nel pieno della crisi del covid19.

Le proteste si sono svolte ogni sera alle 20:00, ad eccezione del 25 marzo, quando sono iniziate alle 11:00 di mattina durante la mozione di sfiducia del governo [sq]:

La situazione politica in Kosovo non sta migliorando. La richiesta di migliaia di cittadini è stata ignorata dalla classe politica dopo cinque giorni di proteste. Nel frattempo, i contagi in Kosovo stanno aumentando. Faremo rumore fino a quando i politici non ci sentiranno.

Come riportato dal giornale indipendente Kosovo 2.0:

The marathon session of the Parliament was held despite the government ban on gatherings, deputies wore masks over their mouths and noses throughout, while journalists and other guests were banned in order to allow the deputies more space to retain a 1.5-meter distance between them.

La lunga seduta del Parlamento si è svolta nonostante il divieto di assembramento da parte del governo, i deputati hanno indossato maschere sulla bocca e sul naso, mentre i giornalisti e gli altri ospiti sono stati banditi in modo tale da permettere ai deputati di avere più spazi e garantire la distanza di un metro e mezzo tra di loro.

Dozzine di cittadini di Pristina si sono riuniti per protestare davanti all'edificio dell'assemblea, molti di loro indossando maschere e facendo attenzione nel rispettare la distanza di sicurezza di 2 metri. I protestanti avevano cartelli con la scritta “contro la mozione di sfiducia”.

La decisione di avviare una votazione per la mozione di sfiducia è stata criticata dalle ambasciate tedesca e francese. Anche Vjosa Osmani [sq], il vicepresidente della LDK si è rifiutato di appoggiare la mozione di sfiducia quando è stata annunciata.

Gli ambasciatori di Francia e Germania sono intervenuti con un'azione diplomatica rivolgendosi al primo ministro Hoti affinché riferisca al presidente M. Mustafa le preoccupazioni di entrambe le capitali.
State dalla parte del popolo del Kosovo durante la crisi. Invitate la LDK a riconsiderare il voto di sfiducia e a mantenere un governo stabile e affidabile per affrontare le difficoltà.

D'altra parte, gli Stati Uniti hanno accolto positivamente il cambio di governo, visto che il presidente Thaçi è considerato più favorevole dall’amministrazione Trump a un accordo di pace  con  la Serbia, a cui l'ex primo ministro Kurti si era opposto con veemenza.

Molti hanno notato che le proteste con le pentole e le padelle assomigliano a quelle contro il regime di Milosevic negli anni '90. Una lettera dell'editore di Kosovo 2.0 dice:

(…) But I do remember a night in the 1990s, at age 6, grabbing a pan and spoon and joining my two older sisters on the balcony of our family home, hitting the pan and shaking keys. This was one of the many ways through which protest was expressed at that time. The metallic sound reverberated throughout our neighborhood in Prishtina, and it most probably added to a cacophony of discontent throughout the city; similar snippets are just as much a part of other people’s recollections of how the decade began.

(…) Ricordo una notte negli anni '90, avevo 6 anni, in cui mi sono unito con padella e cucchiaio alle mie due sorelle maggiori sul balcone della nostra casa, sbattendo la padella e scuotendo le chiavi. Questo era uno dei modi in cui si protestava al tempo. Il suono metallico riverberava in tutto il vicinato a Pristina, e molto probabilmente andava ad aggiungersi al discontento cacofonico che attraversava tutta la città; ricordi simili sono sicuramente parte della memoria di altre persone dell'inizio del decennio.

In un articolo [sq] del 21 marzo del quotidiano Koha Ditore, l'ex politico e giornalista Veton Surroi ha espresso sentimenti simili ricordando le proteste anti Milosevic, un modo per aggirare il coprifuoco della polizia all’epoca. E ha aggiunto che gli dispiace vedere che una nuova crisi politica ha costretto i cittadini a fare la stessa cosa 30 anni dopo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.