chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Una sensazione di disperazione: intervista a un rifugiato uiguro in Turchia

Immagine di Ershat Abdul'ehet, il drago rosso rappresenta il governo cinese e l'uomo che indossa un cappello tradizionale dell'Asia Centrale e una maglia blu, simboleggia il movimento per l’indipendenza del Turkestan orientale [en]. Utilizzo previa autorizzazione.

A partire dal 2017 [en, come tutti i link seguenti salvo diversa indicazione], la comunità Uigura ha iniziato ad essere fortemente presa di mira e a subire incarcerazioni senza criteri da parte delle autorità cinesi. Questa politica dal profilo razziale- religioso, ha portato molti giovani Uiguri, quelli a cui è stato possibile, a lasciare la Cina e a rimanere in esilio principalmente in altri paesi musulmani, come l'Egitto, la Turchia e la Malesia.

Gli 11 milioni di uiguri [it] residenti nella provincia occidentale dello Xinjiang [it] in Cina, sono una nazione turco musulmana entrata nel mirino di Pechino dalla presa di potere del leader cinese Xi Jinping nel 2012. Ampiamente dipinti dalla concezione mainstream cinese, dichiarazioni del governo e media compresi, come “separatisti della madrepatria” o più semplicemente definiti “terroristi”, gli uiguri si sono visti privati dei loro più basici diritti umani, incluse la libertà religiosa, di circolazione e anche di diffusione della propria lingua materna.

La persecuzione degli uiguri si è tradotta in diverse forme: incarcerazione, spesso con pesanti condanne ad oltre 10 anni, e più recentemente, internamento nei campi, dove, in base alle numerose testimonianze e fonti, sarebbero reclusi oltre un milione di uiguri, insieme ad altre minoranze musulmane. Data la segretezza dei campi di concentramento, i quali la Cina insiste a presentare come “centri di addestramento professionale”, è molto difficile ottenere i numeri reali, tuttavia è dato credere che centinaia se non migliaia di persone, stiano morendo al loro interno. Maggiori informazioni sono reperibili nel Database delle vittime dello Xinjiang.

Global Voices ha intervistato Ershat Abdul'ehed, un ventiduenne nativo di Hotan, una città situata nei pressi del deserto Taklamakan nello Xinjiang. Ershat è ora bloccato in Turchia come rifugiato, mentre suo padre e suo fratello maggiore si trovano in Cina, condannati rispettivamente a 18 e 10 anni. A Ershat non è permesso tornare in Cina dal momento che ha studiato in Egitto, un paese che Pechino ha inserito nella lista dei 26 paesi considerati “sensibili”. Ciò significa che qualsiasi uiguro abbastanza fortunato da aver avuto la possibilità di viaggiare, fare affari o studiare all'estero, al suo ritorno in Cina dovrà essere interrogato, molto spesso maltrattato e talvolta imprigionato o spedito nei campi.

L'intervista è stata realizzata per telefono in uiguro e modificata per ragioni di brevità. 

Global Voices (GV): Perché hai deciso di andare in Egitto? 

Ershat Abdul'ehed (EA): I just wanted to learn more about my religion, Islam. My plan was to study and then go back home. When I went to Egypt for studies in 2015, there was absolutely nothing illegal about doing such a thing. My father Abdul’ehed Jume, accompanied me to Egypt to get settled, and then returned home to Hotan, in Xinjiang, where he was running a successful business selling car parts. My older brother, Abubekir Abdul’ehed, was also working in the family business. In February 2016, Abubekir came to Egypt to visit me for two weeks.

Ershat Abdul'ehed (EA): Volevo semplicemente sapere di più riguardo alla mia religione, l'Islam. Il mio piano era studiare e poi tornare a casa. Quando mi sono trasferito in Egitto per studiare nel 2015, non c'era assolutamente niente di illegale nel fare una cosa di questo genere. Mio padre Abdul'ehed Jume, mi ha accompagnato in Egitto per aiutare a sistemarmi, e poi è tornato a casa a Hotan, nello Xinjiang, dove gestiva un'azienda di successo vendendo parti di automobili. Anche mio fratello maggiore, Abubekir Abdul'ehed, lavorava nell'azienda di famiglia. A febbraio 2016, Abubekir è venuto a farmi visita in Egitto per due settimane.

GV: Che cosa gli è successo? 

EA: Both got arrested in early 2017, but we never got any information about the reason for that arrest, so I just have my own theory. The only reason I can think of, is that my father is punished for sending me to study in Egypt. And for my brother – that he went to Egypt to visit me. Plus, the Chinese authorities have targeted many wealthy and successful Uyghurs in recent years, and my father is one of them. All my family knows is that both are held in a prison in Ürümqi [the capital of Xinjiang region]. We have no news about their health status or about their charges, and I am particularly worried about my brother because just a month before his arrest, he went through kidney surgery.

EA: Sono stati arrestati entrambi all'inizio del 2017, ma non sappiamo assolutamente niente sulla ragione del loro arresto, pertanto ho le mie teorie. L'unica ragione che mi viene in mente è che mio padre è stato punito per avermi mandato a studiare in Egitto. Mentre mio fratello lo è stato per essermi venuto a trovare in Egitto. Inoltre, negli ultimi anni le autorità cinesi hanno preso di mira molti uiguri benestanti di successo, e mio padre fa parte di questa categoria. Tutto ciò che la mia famiglia sa, è che entrambi sono trattenuti in prigione a Ürümqi [it] (il capoluogo della regione dello Xinjiang). Non sappiamo niente né del loro stato di salute né delle accuse, e sono molto preoccupato per mio fratello dal momento che un mese prima del suo arresto aveva affrontato un intervento chirurgico ai reni.

GV: Come ti tieni in contatto con la tua famiglia nello Xinjiang? 

EA: I am completely cut off now. My relatives deleted us from their Wechat accounts [the main social media app in China], and in the current situation I am also worried that they will get some kind of retaliation from the authorities if I try to contact them. In June 2017, I moved with my mother and sister, who had been visiting me, from Egypt to Turkey, This is the only family I am in touch with now.

EA: Al momento sono completamente tagliato fuori. I miei parenti ci hanno cancellato dai loro account di Wechat [it] (l'app social più importante in Cina), e vista la situazione attuale sono anche preoccupato che nel caso cercassi di contattarli, potrebbero incorrere in ritorsioni da parte delle autorità. A giugno 2017, mi sono trasferito con mia madre e mia sorella, che mi avevano fatto visita, dall'Egitto in Turchia. Questa è l'unica famiglia con cui sono in contatto al momento.

GV: Come affronti la tua nuova vita in Turchia? 

EA: Here I am studying sociology, but I find it very hard to perform. Many Uyghur students in Turkey face a similar situation: we are deeply affected by the fact we are being separated from our parents, and are not able to contact them. We are living in a nightmare. We are constantly worried and feel hopelessness. It’s really difficult to focus on our studies in a situation like this. To me, the future looks very dark, and it’s not possible for me to lead a normal life.

EA: Qui sto studiando sociologia, ma trovo molto difficile dare il massimo. Molti studenti uiguri che si trovano in Turchia si trovano faccia a faccia con una situazione simile: siamo profondamente condizionati dal fatto di essere stati separati dai nostri genitori e di non poterli contattare. Stiamo vivendo un incubo. Siamo preoccupati e disperati. È davvero difficile concentrarsi sui nostri studi in una situazione del genere. Per quanto mi riguarda, il futuro mi appare veramente buio, senza la possibilità di avere una vita normale.

Immagine di Ershat Abdul'ehet rappresentante la celebrazione del Ramadan in Cina. Utilizzo previa autorizzazione.

GV: Perché hai deciso di diventare un attivista per la causa degli uiguri? 

EA:Following the initial shock and despair after learning about the arrests of my father and my brother, I didn’t know what to do. I just hoped that what really had happened wasn’t true. After two years passed without any news from them, I wanted to make a video testimony for them. But my mother stopped me. She was afraid that I would make the situation worse for them. But by 2020, we still had no news, so she agreed to let me do it. I have since posted some videos. Besides I started drawing caricatures as another way to draw attention.

EA: A seguito dello shock e della disperazione iniziali, dopo aver appreso degli arresti di mio padre e mio fratello, non sapevo cosa fare. Speravo solo che ciò che era accaduto non fosse vero. Dopo due anni trascorsi senza sapere niente di loro, volevo registrare un video testimonianza. Ma mia madre mi ha bloccato. Aveva paura che in questo modo potessi ulteriormente complicare la loro situazione. Tuttavia nel 2020, non avendo ancora avuto notizie, mi ha permesso di farlo. Ce l'ho da quando ho iniziato a pubblicare video. Oltre a questo ho anche iniziato a disegnare delle caricature, un altro mezzo per richiamare l'attenzione.

Qui una delle richieste di Ershat di rilascio dei suoi familiari pubblicata su YouTube:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.