chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

A causa della COVID-19 i costi dei trattamenti medici salgono alle stelle in Georgia

Flacon de « Gluvilex Ultra », un médicament qui traite les problèmes articulaires

“Preferirei comprare meno pane per poter comprare le medicine di cui ho bisogno”, dice Keti, che ha perso il suo lavoro come donna delle pulizie in un hotel. Foto di Tamuna Chkareuli / OC Media.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su OC Media [en, come i link seguenti], ad agosto 2020. Viene ripubblicato su Global Voices con il permesso dell'editor in una versione modificata per soddisfare gli standard editoriali del sito.

[Tutti i link in questo post rimandano a pagine web in lingua inglese].

Dal 18 marzo, le frontiere della Georgia rimangono chiuse a causa della COVID-19, con alcune eccezioni. Secondo diversi sondaggi, il reddito medio delle famiglie si è quasi dimezzato. Le famiglie che dipendevano direttamente dall'industria del turismo si trovano ora di fronte a una scelta difficile: risparmiare i loro soldi a spese della loro salute o indebitarsi per permettersi le medicine di cui hanno bisogno.

Il declino del turismo ha portato grandi cambiamenti nella vita della 59enne Keti. L'hotel dove lavorava come addetta alle pulizie ha chiuso e il proprietario, un cittadino straniero, ha lasciato il paese e non ha intenzione di riaprire quest'anno.

Keti guadagnava 20 lari (6,50 dollari) al giorno e lavorava sei giorni alla settimana. Ora che è disoccupata, la sua famiglia ha solo la metà del solito reddito.

“Mio marito riceve una pensione [di 220 laris al mese, circa 70 dollari] e mia figlia lavora al meglio delle sue capacità fisiche da tre a quattro giorni [alla settimana] in un supermercato, eppure non guadagna più di 300 laris [circa 90 dollari] al mese”.

Dopo aver subito un'operazione al ginocchio due anni fa, Sopio, la figlia di Keti, non può stare seduta o in piedi a lungo e ha bisogno di cure costose. Il medico le ha spiegato che l'operazione sarebbe stata inutile se non si fosse sottoposta ad alcune iniezioni al ginocchio.

Keti ha cercato per giorni l'Arthrum, una sostanza gelatinosa simile a quella che si trova naturalmente nelle articolazioni, senza risultato. Ha poi contattato il suo medico, che le ha detto che le farmacie georgiane non lo vendevano e che avrebbe dovuto cercarlo in una farmacia specializzata per atleti, l'unico posto dove poteva procurarselo.

Una singola iniezione di Arthrum costa 800 lari, ovvero l'80% del reddito familiare. Keti l'ha comprato comunque perché sua figlia potesse muoversi.

Ora, due anni dopo, anche l'altro ginocchio di Sopio ha iniziato a far male a causa della maggiore pressione esercitata su di esso. Ora ha bisogno di iniezioni per entrambe le ginocchia. “Il dottore ci ha detto di trovare qualcuno che vive all'estero e che ce ne può portare un po'”.

Keti ha provato prima a ordinare l'iniezione, ma con l'assicurazione e la consegna, le sarebbe costata tanto quanto se l'avesse comprata in Georgia.

Sopio alla fine ha contattato un amico in Italia, che a sua volta ha trovato una donna immigrata che stava comprando la stessa iniezione dal suo medico per 100 euro (120 dollari).

La famiglia ha comprato due iniezioni lo scorso dicembre: tenendo conto del tasso di cambio, Keti ha dovuto pagare 310 lari per fiala. Oggi, il prezzo è salito a 343 lari. Per lei, ogni centesimo conta.

“Era ancora molto costoso per noi, ma sapevo che almeno avrei potuto usare i soldi risparmiati per pagare l'iniezione e il taxi [da e per l'ospedale]. Comincio a risparmiare per la seconda iniezione appena compro la prima”.

«Nessuno vuole assumere dipendenti della mia età.»

OC Media ha consultato il chirurgo ortopedico Giorgi Kvaratskhelia della Prima clinica universitaria di Tbilisi. Ha confermato che l'Arthrum, che viene prescritto preventivamente e post-chirurgicamente, è uno dei trattamenti intra-articolari più costosi. Questi trattamenti sono tutti importati dall'estero e piuttosto costosi.

Sopio ha bisogno dell'Arthrum almeno cinque volte all'anno. Tuttavia, oltre all'iniezione, gli è stato prescritto anche Gluvilex Ultra, un altro farmaco per le sue articolazioni. “Due settimane di trattamento costano 53 lari, e per due mesi il prezzo supera i 200 lari. Non ho idea di come ottenere tutti questi soldi, ma preferirei mangiare meno pane e poter comprare le medicine di cui ho bisogno”.

Sopio ha spesso altri problemi di salute legati alle sue ginocchia, come l'infiammazione ai legamenti della caviglia apparsa lo scorso inverno. Anche il marito di Keti ha problemi alle articolazioni del bacino. Secondo i calcoli di Keti, le medicine di suo marito e di Sopio costano in totale circa 170 lari (55 dollari) al mese.

Keti ha perso la speranza di trovare lavoro durante la crisi sanitaria.

“Nessuno vuole assumere dipendenti della mia età. Inizierò a ricevere la pensione tra un anno, ma per me anche un anno è molto tempo. Potrei lavorare nei bar o negli alberghi per esempio, ma non mi vogliono più.”

Keti ha fatto domanda per il programma di indennizzi COVID-19 del governo, ma è stata respinta.

“Non avevo firmato un contratto e sono stata pagata in contanti. Forse è questo il motivo.”

«Il turismo non si riprenderà prima di marzo»

Ana Teimurazishvili, una guida freelance e membro dell'associazione delle guide turistiche georgiane, non percepisce più il suo reddito a causa della chiusura delle frontiere. Da allora, ha difficoltà a pagare le medicine della sua anziana madre.

“Ho dovuto lasciare i miei gioielli al banco dei pegni affinché qualcuno potesse comprarli. L'associazione mi ha aiutato dandomi 150 lari (49 dollari) quando non avevo soldi per le medicine, poi ho dovuto impegnare i miei gioielli, infine ho chiesto agli amici. Ora sono rimasta con un sacco di debiti. Ma almeno ho un lavoro. I miei colleghi hanno perso completamente il loro reddito.”

Un parente di Ana ha affittato una piccola bancarella di cibo e bevande vicino al Turtle Lake a Tbilisi, dove Ana ora lavora da mezzogiorno all'una di notte. Il chiosco è aperto da meno di un mese, quindi non sono sicuri di quanti soldi potrenno ricavarne.

“Per ora, la mia unica priorità è pagare l'affitto e potermi prendere cura di mia madre senza indebitarmi ulteriormente”.

La madre di Ana ha una prescrizione mensile di Eliquis, un fluidificante del sangue. Questo farmaco è vitale per lei perché è ad alto rischio di trombosi.

Ana lo comprava dall'estero perché un mese e mezzo di trattamento in qualsiasi paese era più economico di un mese di trattamento in Georgia. Non sapeva che il governo aveva istituito dei sussidi per poter comprare Eliquis, finché un'amica non gliene ha parlato. Tuttavia, Ana difficilmente può comprarlo anche con i sussidi del governo. “Fino a due mesi fa, il prezzo era di 72 lari, ora è di 78 lari”, ha detto.

Nino Khunashvili, che dirige il reparto di cardiologia presso la prima clinica universitaria, ha descritto l'Eliquis come un potente ed efficace anticoagulante spesso prescritto in Georgia. “È un farmaco costoso, proprio come altri trattamenti anticoagulanti”, ha detto a OC Media.

OC Media ha cercato informazioni sull'Eliquis in diverse farmacie della Georgia. Il farmaco è venduto solo su prescrizione, ma non è disponibile in Georgia. Viene quindi consegnato con un ritardo di tre settimane dalla Turchia.

In totale, le medicine della madre di Ana le costano circa 400 lari al mese, ma la sua pensione copre solo la metà di questa cifra.

Ana dubita di poter riprendere il suo lavoro di guida turistica nel prossimo futuro. Secondo lei, la maggior parte dei turisti internazionali erano russi o russofoni. Anche se le frontiere venissero aperte, sarebbe ancora preoccupata per la sua sicurezza.

“Il turismo non si riprenderà fino a marzo, e per allora la gente come me, che ha cinquant'anni, non avrà più niente. Nessuno vuole più assumere dipendenti della mia generazione.”

Quando Ana ha richiesto un sussidio di emergenza, non lo ha ottenuto perché non esisteva una categoria per le guide turistiche.

“Il governo non riconosce nessun attore dell'industria del turismo al di fuori del gestore dell'hotel e del tour operator”, dice. “E non ha senso stabilire una “zona verde” per i viaggi, perché questa crisi non riguarda solo la Georgia. L'Armenia e l'Azerbaigian sono in una situazione molto peggiore. La gente non arriva fin qui solo per andare in Georgia.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.