chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il Parlamento di Singapore approva la legge “anti-fake news” – questa limiterà la libertà di parola?

L'8 maggio 2019 il Parlamento di Singapore ha approvato il Protection from Online Falsehoods and Manipulation Act (Legge sulla protezione dalle falsità e dalla manipolazione online), con la preoccupazione che contenga disposizioni che minano la libertà di parola. Foto dell'utente di Flickr Teddy Sipaseuth (CC BY-SA 2.0).

Il Parlamento di Singapore ha approvato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] l'8 maggio 2019 il Protection from Online Falsehoods and Manipulation Act (POFMA).

Comunemente conosciuta come la legge anti-falsificazione delle notizie, la POFMA dà ampi poteri ai ministri del governo per determinare quali informazioni online sono “false” ed esigere che siano censurate o corrette.

Il Ministero della Legge afferma che la legge aiuterà a fermare la circolazione di “deliberate falsità online” che, a suo dire, vengono utilizzate “per dividere la società, diffondere l'odio e indebolire le istituzioni democratiche”.

Ma i gruppi dei media e i sostenitori dei diritti umani vedono la legge come un altro strumento per sopprimere la libertà di parola a Singapore. La legge entrerà in vigore in un ambiente nazionale in cui la libertà di parola è già minacciata, come si è visto in diverse recenti denunce di diffamazione contro i media e i giornalisti indipendenti.

La proposta di una legge volta a contrastare le false informazioni è stata discussa nel corso di una delibera della commissione parlamentare nel 2018. La POFMA è stata introdotta in Parlamento il 1° aprile 2019. In totale 72 membri del Parlamento hanno votato a favore del provvedimento, mentre nove si sono opposti.

Secondo la legge, qualsiasi ministro del governo può obbligare gli amministratori di siti web, i fornitori di servizi internet e persino i gruppi di chat privati a correggere o rimuovere immediatamente le “notizie false” dai loro domini. Ma la definizione della legge di ciò che conta come finto o falso è molto vaga.

L'articolo 2 stabilisce che “una dichiarazione può essere considerata falsa se è falsa o fuorviante, in tutto o in parte, e se si trova da sola o nel contesto in cui appare”.

Il deputato del Partito dei lavoratori non costituente Leon Perera ha individuato altre tre disposizioni di legge che potrebbero essere utilizzate per limitare il diritto alla libertà di espressione:

Section 2 – defining what a Minister deems a misleading presentation of facts, not only false claims of fact, as correctable;

Section 4(f) defining harmful falsehoods as including those that diminish confidence in the government; and

Section 6, which establishes Ministers as the decision-makers of truth and falsehood in the first instance.

Sezione 2 – definire ciò che un Ministro ritiene una presentazione fuorviante dei fatti, non solo le false affermazioni di fatto, come correggibile;

La sezione 4(f) che definisce le falsità dannose, comprese quelle che diminuiscono la fiducia nel governo; e

La sezione 6, che stabilisce i Ministri come i decisori della verità e della falsità in primo luogo.

Il progetto dell'Università di Oxford sul Sudest asiatico Thum Ping Tjin ha spiegato come la formulazione vaga della Sezione 4(f) potrebbe portare alla censura:

If you criticize the government, even if it’s a legitimate criticism, they can argue that criticism affects public confidence in the government. This effectively criminalizes all criticism of the government.

Se si critica il governo, anche se si tratta di una critica legittima, si può sostenere che la critica influisce sulla fiducia dell'opinione pubblica nel governo. Questo criminalizza di fatto tutte le critiche al governo.

In un comunicato stampa, il Ministero della Giustizia ha chiarito che la legge non copre le opinioni, le critiche, la satira e la parodia. Ha insistito sul fatto che le correzioni non sono sanzioni penali, e che “solo coloro che agiscono deliberatamente per minare la società usando menzogne saranno soggetti ai reati penali”.

Il Ministero ha anche sottolineato che la legge “non colpirà la maggior parte dei cittadini medi”, e che si tratta di un atto legislativo fondamentale, il ragionamento:

It will help ensure online falsehoods do not drown out authentic speech and ideas, and undermine democratic processes and society. The aim is to keep in place the conditions for Singaporeans, as individuals and civic society, to build a healthy and robust public discourse, informed by the facts.

Contribuirà a garantire che le falsità online non facciano scomparire i discorsi e le idee autentiche, e che non compromettano i processi democratici e la società. L'obiettivo è quello di mantenere le condizioni per i singaporiani, come individui e società civile, per costruire un discorso pubblico sano e robusto, informato dai fatti.

Il ministro degli Affari interni e della Legge K Shanmugam ha ribadito durante le deliberazioni parlamentari che la legge riguarderà solo “falsità, bot, troll e conti falsi” e non la libertà di parola. Ha anche sostenuto che le correzioni ordinate da un ministro del governo contribuiscono alla trasparenza:

You put up an article, Government says this is not correct. You carry a correction (and) let your readers judge. What’s the problem? More transparency, the better.

Lei ha pubblicato un articolo, il governo dice che non è corretto. Portate una correzione (e) lasciate che siano i vostri lettori a giudicare. Qual è il problema? Più c'è trasparenza, meglio è.

In una lettera inviata al primo ministro di Singapore, il relatore speciale dell'ONU sulla promozione e la tutela del diritto alla libertà di opinione e di espressione David Kaye ha espresso la sua preoccupazione per alcune disposizioni del provvedimento.

…the Bill confers on select executive officials excessive authority to restrict, censor and punish online expression it designates as “false,” with limited opportunity for appeal.

…I am concerned that this overbroad definition of falsehood will lead to the criminalization and suppression of a wide range of expressive conduct, including criticism of the government, and the expression of unpopular, controversial or minority opinions.

…il disegno di legge conferisce a funzionari esecutivi selezionati un'autorità eccessiva per limitare, censurare e punire l'espressione online che designa come “falsa”, con limitate possibilità di appello.

…Mi preoccupa che questa definizione eccessiva di falsità porti alla criminalizzazione e alla soppressione di una vasta gamma di comportamenti espressivi, comprese le critiche al governo e l'espressione di opinioni impopolari, controverse o di minoranza.

Diversi giornalisti hanno firmato una dichiarazione congiunta che descrive in dettaglio i loro timori sulla legge:

By failing to distinguish between a malicious falsehood and a genuine mistake, the proposed legislation places an unnecessarily onerous burden on even journalists acting in good faith. Such a law will hinder rather than encourage the free flow of accurate information. News organisations might feel compelled to withhold important stories simply because certain facts cannot be fully ascertained.

Non riuscendo a distinguere tra una falsità maliziosa e un vero e proprio errore, la proposta di legge impone un onere inutilmente oneroso anche ai giornalisti che agiscono in buona fede. Una tale legge ostacolerà piuttosto che incoraggiare il libero flusso di informazioni accurate. Le organizzazioni giornalistiche potrebbero sentirsi obbligate a trattenere storie importanti semplicemente perché alcuni fatti non possono essere pienamente accertati.

La Southeast Asian Press Alliance ha messo in guardia su come il POFMA potrebbe limitare ulteriormente la libertà di stampa nel paese:

This bill clearly demonstrates that the government is setting itself up as the arbiter of truth and falsehood – a manifestly dangerous proposition, especially for a society that is already reeling from a raft of repressive laws.

Questo disegno di legge dimostra chiaramente che il governo si sta ponendo come arbitro della verità e della falsità – una proposta manifestamente pericolosa, soprattutto per una società che si sta già tirando fuori da una serie di leggi repressive.

La giornalista di Singapore Kirsten Han, che è anche una collaboratrice di Global Voices, ha aggiunto che il POFMA potrebbe essere un altro strumento del dominante People's Action Party (PAP) per mettere a tacere i critici del governo:

POFMA is thus likely to be yet another weapon in the PAP government’s arsenal against its critics…the legislation is worded broadly enough to give government ministers the option of wielding it selectively against particular targets.

La POFMA è quindi probabilmente l'ennesima arma dell'arsenale del governo PAP contro i suoi critici… la legislazione è formulata in modo abbastanza ampio da dare ai ministri del governo la possibilità di brandirla selettivamente contro particolari obiettivi.

Il PAP, il partito al governo, è al potere a Singapore dalla fine degli anni '50.

Anche le aziende tecnologiche Facebook e Google sono preoccupate per le implicazioni della nuova legge. Google ha detto che la legge potrebbe “danneggiare l'innovazione e la crescita dell'ecosistema dell'informazione digitale” a Singapore e nella regione del sud-est asiatico.

Jeff Paine della Asia Internet Coalition ha detto che le disposizioni restrittive della POFMA potrebbero essere usate come modello in altri paesi:

As the most far-reaching legislation of its kind to date, this level of overreach poses significant risks to freedom of expression and speech, and could have severe ramifications both in Singapore and around the world.

Essendo la legislazione di più ampia portata nel suo genere fino ad oggi, questo livello di estensione eccessiva comporta rischi significativi per la libertà di espressione e di parola, e potrebbe avere gravi conseguenze sia a Singapore che in tutto il mondo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.