chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La giornalista sino-australiana Cheng Lei formalmente arrestata in Cina per presunto spionaggio

Screenshot dal video di 7.30 su ABC TV: la famiglia di Cheng Lei parla per la prima volta dopo la sua detenzione in Cina il 9 febbraio 2021.

La giornalista e presentatrice televisiva australiana Cheng Lei [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è stata formalmente arrestata e accusata di aver fornito illegalmente o di voler fornire segreti di Stato o informazioni oltremare secondo le autorità cinesi.

Cheng, che era la conduttrice di un programma di business nella televisione statale cinese, la China Global Television Network (CGTN), era stata sottoposta a un fermo nell'agosto 2020. Il governo cinese all'epoca era stato richiamato per la cosiddetta “diplomazia degli ostaggi”.

I membri della sua famiglia hanno parlato nel programma di attualità della ABC (Australia) chiamato 7:30.

I giornalisti che lavorano in Cina per i media stranieri hanno dovuto affrontare numerose difficoltà di recente. Il giornalista australiano Bill Birtles, reporter di 7:30 per questa storia, era il corrispondente dell'ABC a Pechino prima di uscire precipitosamente di casa nel settembre 2020. Ha spiegato alcuni retroscena in un segmento di 7.30:

Cheng Lei was taken away six weeks after ASIO [Australian security] raided the homes of four Chinese state media journalists in Sydney.

The anti-foreign interference investigation prompted Beijing to target Australian journalists in China but it's not clear if Cheng's arrest is related to the tense diplomatic relationship, because four months after she was taken away, her close friend, Haze Fan, a Chinese journalist working for American media, was also detained on national security grounds.

Cheng Lei è stata portata via sei settimane dopo che la ASIO [agenzia di sicurezza interna e di intelligence dell'Australia] ha fatto irruzione nelle case di quattro giornalisti dei media statali cinesi a Sydney.

L'indagine contro l'interferenza straniera ha spinto Pechino a prendere di mira i giornalisti australiani in Cina ma non è chiaro se l'arresto di Cheng sia collegato alle tese relazioni diplomatiche, poiché quattro mesi dopo che Cheng è stata portata via, la sua intima amica Haze Fan, una giornalista cinese che lavora per i media americani, è stata arrestata per motivi di sicurezza nazionale.

Tra Australia e Cina c'è un contesto di tensioni molto più ampio che coinvolge anche il commercio, la sicurezza e la diplomazia.

La Ministra degli Affari Esteri dell'Australia Marise Payne ha respinto le affermazioni della Cina secondo cui l'Australia starebbe cercando di interferire nel loro sistema giuridico. Payne ha risposto che Cheng Lei “merita che gli standard di base della giustizia, dell'equità procedurale e del trattamento umano siano rispettati secondo le norme internazionali”.

Un altro caso di rilievo riguarda la continua detenzione da parte delle autorità cinesi dello scrittore e popolare commentatore online, il sino-australiano Yang Hengjun, dal gennaio 2019. Le ultime notizie riguardanti Cheng Lei sono state accolte online in Australia con rabbia e frustrazione. Il tweet di Laoch ha catturato la crescente reazione degli australiani contro il Partito Comunista cinese:

Amiamo il #CCP che ci dice di smettere di interferire con i nostri cittadini.

Le cose cambieranno

La Cina richiede all'Australia che “smetta di interferire” dopo l'arresto formale della giornalista australiana Cheng Lei

L'utente Twitter di Brisbane Bob Bruce ha sollevato la possibilità secondo cui Cheng Lei potrebbe essere coinvolta in violazioni della sicurezza nazionale cinese:

L'Australia ha l'abitudine di spiare i suoi vicini ma se Cheng Lei è stata reclutata da noi, noi siamo i responsabili.

Paul Barrett, ex Segretario del Dipartimento australiano della Difesa e di quello dell'Industria Primaria e dell'Energia, ha fatto un parallelo con il modo in cui il giornalista australiano Julian Assange è stato trattato dal proprio governo:

Questa mattina su @RNBreakfast la Senatrice Payne ha detto (a proposito di Cheng Lei) che l'Australia avrebbe sempre difeso i diritti dei suoi cittadini per un processo legale, un processo equo, un trattamento umano blah blah.

Qualcuno dovrebbe ricordarle di Julian #Assange.

Il giornalista australiano Peter Greste, che ha passato 440 giorni in prigione in Egitto, ha continuato con il suo grande supporto per Cheng Lei. In una dichiarazione per l'Alleanza per la Libertà dei Giornalisti, viene citato dicendo che:

…Chinese authorities have had ample time to gather evidence, and unless they are willing to show it, they should release Cheng immediately.

China’s record on press freedom is already deeply troubling. In the absence of evidence, Cheng’s arrest only adds to the impression that Beijing does not care about the freedom of the press. Her case stands as a clear warning to other journalists to support the government or risk being imprisoned too.

[…] le autorità cinesi hanno avuto molto tempo per raccogliere prove e, a meno che non abbiano intenzione di mostrarle, dovrebbero rilasciare Cheng immediatamente.

Il bilancio della Cina sulla libertà di stampa è già profondamente preoccupante. In assenza di prove, l'arresto di Cheng aggiunge solamente l'impressione che Pechino non si preoccupi della libertà di stampa. Il suo caso è un chiaro avvertimento ad altri giornalisti di sostenere il governo o rischiano di essere imprigionati anche loro.

Diverse storie nuove sono state postate su Reddit, in cui è nata una vivace discussione.

Defamedprawn ha sollevato una questione con cui molti altri sono d'accordo:

I don't mean to be harsh, but the lady is an anchor [for] CGTN, which is very much an arm of the regime. For instance, they're notorious for televising forced confessions and pretending they're interviews.

So should I feel sympathy for this person?

Non voglio essere duro ma la signora è conduttrice [per] la CGTN, che è un braccio del regime. Per esempio, sono famosi per mostrare confessioni forzate e fingere che siano interviste.

Quindi dovrei provare compassione per questa persona?

Catalyst1945 ha mostrato cinismo sul fatto che il governo australiano si metterà davvero in azione:

Can’t wait for our spineless prime minister to do nothing.

Non vedo l'ora che il nostro primo ministro pappamolle non faccia niente.

Considerata la natura dei processi cinesi, è possibile che non sapremo mai il motivo della sua detenzione:

Dopo essere sopravvissuta quasi sei mesi in una struttura di detenzione segreta, gli esperti temono che il viaggio della giornalista australiana Cheng Lei attraverso l'opaco sistema legale cinese sia solo all'inizio.

Nel frattempo, l'Australia affronta le accuse di ipocrisia per la mancata trasparenza giudiziaria. Ann ha sollevato la controversa questione dei suoi processi segreti:

I processi segreti dell'Australia [testimone K, il suo avvocato, testimone J, ecc.] non aiutano ad ottenere il rilascio di donne come #ChengLei.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.