chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Approfondimento sulla discussione politica cinese su Clubhouse

Immagine di Stand News. Uso autorizzato.

Questo articolo è la prima parte di un reportage cinese sulle discussioni politiche cinesi su Clubhouse di inizio febbraio 2021, pubblicato [zh] su Stand News il 12 febbraio. La versione inglese è stata tradotta da Neris Jonathan e pubblicata su Global Voices grazie ad un accordo di partnership sui contenuti.

Un giorno, uomo cinese di etnia Han ha cliccato su una stanza Clubhouse intitolata “Are there any concentration camps in Xinjiang?” (“Ci sono campi di concentramento nello Xinjiang?”) e ha sentito delle testimonianze degli uiguri sui campi di concentramento nello Xinjiang. Dopo un po’, ha acceso il microfono e ha detto agli altri partecipanti di aver dovuto accostare l'auto per piangere a dirotto, non riuscendo a trattenere l'emozione.

La stanza per la discussione sullo Xinjiang è stata creata il 6 febbraio da Charles (nome di fantasia), originario della Cina continentale ma residente negli Stati Uniti da oltre dieci anni.

Charles ha raccontato a Stand News che i suoi amici della Cina continentale si erano registrati su Clubhouse quel giorno e aveva deciso di aprire una chat room sull'app. Gli piace discutere di argomenti controversi con la sua cerchia, dato che alcuni suoi amici sono affiliati al governo. Voleva parlare dello Xinjiang visto che alcuni media stranieri avevano riportato delle dichiarazioni dei superstiti dei campi di concentramento secondo cui le donne avrebbero subìto violenze sessuali sistemiche nei campi di concentramento nello Xinjiang.

Dopo una serie di chat private con i suoi amici, hanno deciso di creare la stanza. In meno di un'ora, migliaia di persone si sono unite a loro. Inizialmente, molti cinesi Han hanno detto di essere sconvolti dalle notizie. Poco dopo, una persona di etnia uigura che lavora fuori dalla Cina continentale è entrato nella stanza e ha condiviso la sua storia. Dopodiché, altri uiguri da diverse parti del mondo sono arrivati nella stanza.

La discussione è durata 12 ore. Charles ha commentato “la stanza faceva sentire le persone al sicuro e la gente era più propensa a mostrarsi vulnerabile.”

Rayhan Asat, un'uigura che aveva raccontato la storia della sua famiglia in “Are there any concentration camps in Xinjiang” ha raccontato a Stand News [en, come le citazioni seguenti]:

I always wanted to have this kind of opportunity (referring to having the chance of speaking before a Chinese audience). Maybe someone will be willing to talk to me and listen to me if I choose speak the truth.

Ho sempre voluto avere un'occasione del genere (riferendosi alla possibilità di parlare ad un pubblico cinese). Forse qualcuno avrà voglia di parlarmi e ascoltarmi se scelgo di dire la verità.

Rayhan Asat è la prima uigura ad essersi laureata ad Harvard. Si è trasferita negli Stati Uniti nel 2009 e ne è diventata residente permanente. L'anno scorso, Rayhan Asat ha deciso di parlare pubblicamente di suo fratello minore Ekpar Asat, scomparso cinque anni prima, quando era tornato nella Cina continentale dagli Stati Uniti nel 2016. Ha scoperto solo lo scorso inverno che suo fratello era stato condannato a quindici anni di carcere per presunto incitamento all'odio razziale.

Rayhan Asat ha dichiarato di sentirsi più sicura a condividere le sue esperienze su Clubhouse perché nella stanza sono tutti uguali. Prima che potesse parlare, un “tiny pink” (patriota online cinese) ha ripetuto la versione ufficiale cinese: le misure adottate nello Xinjiang servono a contrastare il terrorismo. Altri utenti sono intervenuti e hanno controbattuto.

Rayhan Asat ha raccontato la storia della scomparsa del fratello minore nella stanza. Ha detto,

I am extremely worried that they might be torturing my little brother as we speak.

Ho tanta paura che stiano torturando mio fratello proprio ora, mentre parliamo.

I genitori di Rayhan Asat sono membri del partito comunista cinese: suo padre è un ufficiale del governo che lavora nel dipartimento per il servizio idrico e sua madre è una professoressa emerita di chimica, mentre suo fratello minore era un imprenditore in buoni rapporti con il governo locale. Ha sottolineato,

Even though (they) are a “model” family, (authorities) still sent him (Rayhan Asat’s younger brother) to a concentration camp.

Anche se (loro) sono una “famiglia modello”, (le autorità) lo hanno comunque mandato (il fratello minore di Rayhan Asat) in un campo di concentramento.

Rayhan Asat ha parlato per oltre due minuti senza essere interrotta. Qualcuno piangeva,  altri hanno iniziato a scusarsi con lei alla fine del suo discorso.

Rayhan Asat ricorda ancora che, durante la discussione, un cinese Han ha detto:

I am really grateful for this Uyghur for speaking up, I understand your pain.

Sono molto grato a questa uigura per avercene parlato, capisco il tuo dolore.

Poi un altro cinese Han ha detto,

Don’t say that you understand her pain, you will never understand their pain.

Non dire che capisci il suo dolore, non capirai mai il loro dolore.

Rayhan Assat era commossa:

People began (to) show the most sincere side of themselves…they started to become our allies.

Le persone hanno iniziato a mostrare il loro lato più sincero, hanno iniziato a diventare nostre alleate.

Quando la discussione della Xinjiang room è stata condivisa su Facebook e Twitter, altri utenti sono entrati nella stanza di Clubhouse per assistere a questa discussione pubblica interetnica e multi-regionale.

Charles credeva che un dialogo proficuo fosse possibile grazie all'approccio dello “storytelling”:

Like movies, the genre is not to give you a lesson but to tell you a story. In the end, you learn something or get some inspirations from the story.

Come i film, il genere non serve a dare una lezione, ma per raccontare una storia. Alla fine si impara qualcosa o si trae ispirazione dalla storia.

Mentre la discussione sui campi di concentramento nello Xinjiang continuava con fervore, molti utenti Clubhouse dalla Cina continentale, da Taiwan, e da Hong Kong hanno iniziato a parlare di temi politici.

Zoula, giornalista partecipativo e attivista per i diritti civili, ha aperto la stanza “Politically Incorrect Reporters” (“Reporter Politicamente Scorretti”) dove si discuteva di temi politici transnazionali tra cui l'indipendenza taiwanese, le proteste di Hong Kong, e le misure di prevenzione della COVID-19 in diverse parti del mondo. Ha detto che, per creare una community non polarizzata, ha implementato una serie di regole per la stanza: ciascuno speaker non può parlare per più di due minuti e gli attacchi verbali non sono ammessi. Zoula ha sottolineato che lo scopo della discussione è condividere esperienze e fatti, più che convincere qualcuno.

Raphael (nome di fantasia) è diventato il moderatore della stanza “Guangzhouese asks HongKongese” (“i guangzhouesi chiedono agli hongkonghesi”) poco dopo essersi unito alla discussione che, alla fine, è durata tre giorni e due notti. Ha detto di aver frequentato dei corsi di politica con studenti della Cina continentale in passato, ma non ha mai avuto discussioni così approfondite con loro. A parte quando dormiva, Raphael ascoltava i dialoghi della stanza senza interruzioni:

I was able to hear the tone of their voices, their usage of words, their cultural and social habits. I could not have learned all these through written text.

Riuscivo a sentire il tono delle loro voci, il loro uso delle parole, le loro abitudini culturali e sociali. Non avrei mai potuto imparare tutto questo su un testo scritto.

L'argomento più acceso della stanza era il rapporto politico tra Hong Kong e la Cina. Raphael è rimasto sconvolto sentendo che alcuni cinesi in realtà appoggiano le proteste di Hong Kong,

user from Hong Kong like myself tried very hard to explain the political struggle in Hong Kong, we hope that we could resolve the antagonism between people from Hong Kong and China… what we are doing today is just tiny steps, but if we gave up the chance, we will also be the
[political] minority.

Gli utenti di Hong Kong come me si sono sforzati di spiegare la nostra lotta politica, speriamo di poter risolvere le divergenze tra le persone di Hong Kong e quelle della Cina… ciò che facciamo oggi è solo un piccolo passo, ma se rinunciassimo a questa chance, saremo anche la minoranza
[politica].

Lokman Tsui, ricercatore della Scuola di Giornalismo e Comunicazione dell'Università Cinese di Hong Kong, sta studiando i nuovi media, perciò ha trascorso molto tempo ad osservare la discussione su Clubhouse. Si è accorto che gli spazi creati su Clubhouse somigliano alle sfere pubbliche descritte dal filosofo Jürgen Habermas,

The participants in the room have different opinions. When someone says something offensive to others, someone will immediately step in to ask him to calmly explain their points of view. Habermas said that we cannot let emotions drive the conversation. Such principle has been achieved during the discussions on sensitive topics related to Mainland China, Taiwan, and Hong Kong. This is really impressive. Secondly, everyone gets a turn to talk, everyone is equal. For example, some moderators even set up a time limit and have male and female speakers take turns alternately.

Just like the salons and the cafés where people would sit down and talk while they sipped on their cups of coffee in Paris during the 18th century, public spheres are fundamental for democratic societies. The main point isn’t to win a debate but to connect members of a society and that they share a community of fate. And to a certain extent, Clubhouse has achieved this. For example, many people in Hong Kong hold prejudice against people from Mainland China, but after they experienced the discussion on Clubhouse, many told me that people from Mainland China are also human. The dialogue [makes the imagined enemy] more humane or civilized.

I partecipanti della stanza hanno opinioni diverse. Quando qualcuno dice qualcosa di offensivo, qualcun altro si fa avanti immediatamente per chiedergli di spiegare il proprio punto di vista con calma. Habermas ha detto che non possiamo lasciare che le emozioni controllino la conversazione. Questo principio si è realizzato durante le  discussioni su argomenti sensibili legati alla Cina continentale, a Taiwan, e ad Hong Kong. è veramente notevole. In secondo luogo, tutti hanno un turno di parola, tutti sono uguali. Ad esempio, alcuni moderatori hanno addirittura impostato un limite di tempo e hanno speaker maschi e femmine che prendono la parola a turno.

Proprio come i salon e i bar della Parigi del diciottesimo secolo, dove la gente si sedeva e chiacchierava davanti ad una tazza di caffè, le sfere pubbliche sono fondamentali per le società democratiche. Il punto fondamentale non è vincere un dibattito ma connettere fra di loro i membri di una società che condividano una comunità of fate. E, in un certo senso, Clubhouse ha raggiunto questo scopo. Per esempio, molti abitanti di Hong Kong hanno pregiudizi sulle persone della Cina continentale, ma dopo la discussione su Clubhouse, molti mi hanno detto che le persone della Cina continentale sono anche umane. Il dialogo rende [il nemico immaginario] più umano o civile.

Clubhouse è stata bloccata nella Cina continentale l'8 febbraio, il giorno dopo che la Xinjiang room è stata chiusa. Lokman Tsui ha scritto su Facebook,

What the Chinese Communist Party wants to block is our ability to express humanity at our best and our ability to resolve conflict through dialogue.

Ciò che il Partito Comunista Cinese vuole bloccare è l'abilità di esprimere la nostra umanità al meglio e di risolvere i conflitti con il dialogo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.