chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Non solo ad Atlanta, ma anche a Victoria, B.C. in Canada

Racism in Victoria BC Canada

Mi piace andare in giro di notte a scattare foto di Victoria, B.C. Non tutti possono farlo in questo momento. Foto di Nevin Thompson. Licenza: Creative Commons Attribuzione 3.0.

Questo articolo è stato adattato da un saggio personale originariamente pubblicato su Facebook e Medium [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Mercoledì 17 marzo, una terribile sparatoria di massa ad Atlanta, Georgia, ha ucciso otto donne. Un uomo bianco ha preso di mira gli asiatici, le donne e ha colpito persone tipicamente vulnerabili e stigmatizzate che si affidano a lavori spesso classificati come lavoro sessuale per pagare le bollette.

Vivo a Victoria, nella Columbia Britannica. Rispetto alla vicina Vancouver, Victoria è una città prevalentemente bianca. Siamo anche su un'isola, e ho l'impressione che le sparatorie e altre violenze razziali siano percepite come se accadessero altrove. Tuttavia, penso che la supremazia bianca e la misoginia di cui leggiamo nelle notizie non siano affatto lontane. Invece, il razzismo e l'oppressione sono incorporati nel tessuto della società canadese.

Per esempio, mi piace fare delle istantanee, soprattutto di notte. La notte prima delle sparatorie, ho usato il mio telefonino tascabile per provare la sua funzione “astrofotografia”. Questo ha comportato stare fuori al buio nel parco per molto tempo. Ho ottenuto alcuni buoni scatti. Qui sopra, all'inizio di questo saggio, c'è un'istantanea che ho scattato l'altra sera.

“Deve essere bello poter camminare fuori al buio”, ha detto mia moglie M. quando sono tornato a casa. Era un'osservazione genuina e sincera. “Deve essere bello”.

“Vedo un sacco di donne che fanno jogging al crepuscolo”, ho detto, piuttosto sprovveduto (il che mi rende parte del problema).

“Beh, sono bianche”, ha detto M. Lei viene dal Giappone e, in questa città dominata dai bianchi, si presenta come asiatica. “Non sono sicura di voler andare in giro fuori di notte in questo momento. Troppo pericoloso per gli asiatici”.

Il giorno seguente sono avvenute le sparatorie mirate ad Atlanta. Non so quanti dei miei amici in Canada l'abbiano seguita, ma gli attacchi razziali contro gli asiatici-americani sono aumentati drammaticamente dall'inizio della pandemia un anno fa. Si pensa che la caratterizzazione iniziale del COVID-19 come “il virus della Cina” e “l'influenza di Wuhan” possa aver scatenato questi incidenti, insieme ai crescenti atteggiamenti razzisti che il Trumpismo ha permesso.

C'è anche una lunga storia di leggi che hanno escluso o preso di mira le persone di origine asiatica sia in Canada che negli Stati Uniti, i cui effetti continuano a vivere nel modo in cui la nostra società considera le persone che assomigliano a mia moglie.

L'aumento del numero di attacchi alle persone asiatiche non è limitato agli Stati Uniti. Nell'ultimo anno, l'area di Vancouver ha visto regolarmente attacchi mirati contro persone asiatiche. Anche Toronto e altre città del Canada hanno visto questi attacchi. Qui a Victoria, le notizie e i resoconti dei social media sulla violenza mirata contro le donne asiatiche sono stati una fonte costante di preoccupazione per me quando M. va a fare la spesa.

Finora non ha subito violenza, ma, nel suo modo dolce, gentile e bonario, M ha riferito di persone (bianche) che sono state scortesi con lei nei negozi, che si sono scansate o che l'hanno addirittura urtata.

In effetti, da quando ci siamo trasferiti in Canada nel 2004, M ha incontrato regolarmente questo tipo di comportamento a Victoria. Spesso subisce molestie palesi alla fermata dell'autobus (“Ma avevo le cuffie, così potevo far finta di ignorarle”). È stata anche seguita a casa diverse volte. È difficile dire se questo è perché si presenta come una persona asiatica, o perché è una donna e queste molestie sono qualcosa che tutte le donne sperimentano, o una combinazione di entrambi.

Sembra che ci siano pochi, se non nessuno, rimedi significativi per sperimentare un comportamento razzista. Lo scorso marzo, nostro figlio minore è stato deriso razzialmente alla scuola elementare. Si presenta come giapponese. Altri due ragazzi lo hanno accusato di diffondere l'”influenza Wuhan”. La cosa lo ha sconvolto in quel momento, soprattutto perché gli stessi ragazzi avevano rubato e vandalizzato la sua slitta la settimana precedente, e poi mentito.

Con la slitta, la scuola si è mossa rapidamente per correggere la situazione sospendendo i ragazzi. Il genitore di uno dei ragazzi ha acquistato una slitta sostitutiva. Non è stata una grande soluzione, ma almeno ha riconosciuto il danno che suo figlio aveva causato.

Tuttavia, quando ho denunciato le successive molestie – questo dopo che i due ragazzi avevano rubato la sua slitta – la scuola ha minimizzato la questione.

“Ne parlerò con loro”, disse la preside. Ma non c'è stato alcun follow-up, e nessun riconoscimento del dolore.

Ho anche informato il genitore di uno dei ragazzi che suo figlio aveva fatto commenti razzisti. La sua risposta è stata: “Si sente malissimo per il fatto che tu abbia detto che è un razzista”.

La lezione per me è stata che persino io, un uomo bianco grande e articolato che, grazie a una precedente carriera come insegnante di liceo, conosce il gergo professionale degli insegnanti, non riuscivo a far prendere sul serio il razzismo a nessuna persona bianca.

Mi sono chiesto che tipo di molestie o di microaggressioni continue e ribollenti (o aggressioni violente) le famiglie che non sono bianche devono sopportare anno dopo anno.

Il punto qui non è commiserare mia moglie (è tosta) o mio figlio minore (è felice e sta vivendo la sua vita al massimo quest'anno alle medie).

Non sto nemmeno incolpando la scuola per non aver fatto la cosa giusta quando è stato notificato un incidente razzista. Si tratta di un problema sistemico e culturale di come noi, come società, non riusciamo a dare priorità o anche solo a capire la giustizia e la responsabilità. Nel contesto del razzismo sistemico, il preside non aveva gli strumenti o la comprensione di come fare la cosa giusta.

Così, all'indomani di un'altra sparatoria di massa razziale, vorrei invitare la maggioranza bianca di Victoria, B.C., a ricordare i nomi delle donne che sono state uccise ad Atlanta.

Vorrei anche invitare la gente di Victoria a considerare in che tipo di società razzista e suprematista bianca viviamo – una società costruita su terre rubate – e di cui spesso beneficiamo. Dobbiamo interessarci attivamente a ciò che vediamo, a ciò che trascuriamo e ignoriamo, a come ci comportiamo mentre viviamo la nostra giornata e a come potremmo contribuire a migliorare le cose.

La supremazia bianca è radicata nella cultura canadese. La misoginia è radicata nella cultura canadese. Questa oppressione rende la nostra vita quotidiana piuttosto facile per persone come me, ma potenzialmente mortale per molte altre persone.

Scopri due associazioni che organizzano lavoratrici del sesso asiatiche e asiatico-americane e canadesi, collegando migrazione, genere, classe, polizia e impero.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.