chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Nuovo progetto portuale cinese opposto da residenti e ambientalisti in Perù

Protesta contro il porto nel 2019. Foto di Miriam Arce, usata con il permesso.

Le organizzazioni civili peruviane avvertono del grave impatto sulla salute umana e sull'ambiente che potrebbe derivare dalla costruzione del terminal portuale multiuso di Chancay, un progetto guidato dalla compagnia cinese COSCO e da una compagnia estrattiva peruviana, Volcan Compañía Minera.

COSCO mira [en] a fare del porto di Chancay un “centro chiave del Sud America e una porta d'accesso al Pacifico”, poiché il porto si trova a 58 chilometri a nord di Lima, la capitale politica e commerciale del Perù. Le autorità del porto di Chancay hanno dichiarato [es, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] che il progetto genererà più di 9000 posti di lavoro, il 90% dei quali saranno occupati da gente locale.

Nel 2019 l'ex presidente peruviano Martín Vizcarra ha detto che, con questo progetto, il paese dovrebbe fornire “una delle migliori offerte portuali di tutto il Sud America”.

Secondo i media statali cinesi Xinhua [en] e China Daily [en], all'inizio del 2019, COSCO ha acquisito il 60% della quota di Volcan nel porto di Chancay, che vale 225 milioni di dollari. Ora è il primo progetto di terminal controllato da COSCO in Sud America. Le operazioni portuali dovrebbero iniziare nel 2023 e comprendere diversi terminal multiuso, terminal container e strutture infrastrutturali correlate, con una capacità totale annua progettata di un milione di TEU. Questo rappresenterebbe un porto di medie dimensioni [en], considerato un grande salto per la regione.

Dopo una serie di proteste iniziate nel 2019, gli attivisti locali e i residenti hanno chiesto la modifica della pianificazione della costruzione nell'agosto 2020. Pochi mesi dopo, COSCO e Volcan hanno presentato alcuni cambiamenti. Tuttavia, nonostante le continue critiche, le autorità peruviane hanno approvato la costruzione nel dicembre 2020. Dopo aver ottenuto il via libera, COSCO investirà altri 1,3 miliardi di dollari per realizzare la prima fase del progetto: la costruzione dovrebbe iniziare ad aprile di quest'anno.

La natura nelle mani di rapporti di parte?

Il cartello dice: “Non è sviluppo se il mega-porto-Volcan distrugge le nostre risorse naturali, ecosistemi, biodiversità, cultura e pace sociale”. Protesta socialmente distanziata nel 2020. Foto di Miriam Arce, usata con permesso.

Le organizzazioni locali sostengono che la società di consulenza assunta dalla COSCO e dalla Volcan abbia nascosto la grandezza del pericoloso impatto del nuovo porto.

Il Perù è uno dei paesi più ricchi di biodiversità [en] del mondo. Impatto sulle zone umide, alte emissioni di inquinanti tossici, inquinamento acustico, alterazione della costa, mortalità massiccia della flora e della fauna della zona, sono solo alcune delle 50 osservazioni fatte nel 2020 da Mundo Azul, una ONG locale, che ha esaminato i documenti di impatto ambientale presentati da COSCO e Volcan alle autorità ambientali peruviane.

Stefan Austermühle, biologo e direttore esecutivo di Mundo Azul,  biologist and executive director of Mundo Azul, sostiene che la valutazione ambientale presentata da COSCO e Volcan contiene informazioni discutibili e incomplete.

“La valutazione di impatto ambientale nasconde i veri effetti e non dovrebbe essere approvata dal governo nella sua forma attuale”, ha detto Austermühle a Global Voices. “Tuttavia, data la posizione del governo, il lobbismo politico e l'influenza degli investitori del progetto, sembra improbabile che il governo ascolti la nostra opinione”. Il progetto, ha detto, provocherà gravi impatti ambientali e colpirà la salute della popolazione locale.

La costruzione del terminale richiederà una trivellazione profonda del terreno, che altererà le correnti marine e le direzioni delle onde, influenzerà la fauna marina e provocherà una mortalità massiccia delle specie marine durante il processo di costruzione, ha detto Austermühle. Influenzerà anche l'ecosistema naturale della vicina zona umida di Santa Rosa, un importante centro di biodiversità.

La gente del posto teme lo spostamento

Foto di una protesta nel 2019 di Miriam Arce, usata con permesso.

I residenti sostengono che le loro case nelle scogliere circostanti saranno colpite dalla grave alterazione del sito. Le loro domande, tuttavia, sono rimaste senza risposta.

“Non ci è stata fornita alcuna garanzia che i residenti e i proprietari di immobili in questa zona saranno compensati finanziariamente se i danni o la perdita totale sono causati dall'impatto del progetto”, ha detto a Global Voices Miriam Arce, presidente dell'Associazione in difesa delle abitazioni e dell'ambiente del porto di Chancay.

“In tutta la storia del Perù, gli investimenti si trovano ovunque, purché portino denaro, e lo stato o il governo permette che questo accada”, ha continuato Arce. È dal 2008 che protesta contro i progetti di ampliamento del porto.

“È una zona popolata, abbiamo la nostra storia, la nostra particolare biodiversità, alcune persone vivono dell'industria del turismo. Se il progetto va avanti, tutto sarà cambiato per sempre, non ci riprenderemo mai da questo”, dice.

Il progetto prevede anche di abbassare l'altezza della collina vicina, Cerro Cascajo, da 80 a 4 metri. “Si giustificano dicendo che i suoni e la polvere che verranno emessi saranno attenuati abbassandone l'altezza. Ma che dire della gente che vive sulla collina?”. Ha chiesto ai media locali Williams Jurado, presidente del Comitato di sorveglianza della zona umida di Santa Rosa de Chancay. “Abbiamo (fino a 50 famiglie) che vivono lì”.

Nel frattempo, i residenti, gli attivisti e le organizzazioni locali continuano a tenere incontri virtuali con le autorità per fare pressione sul loro caso.

Miriam Arce e altri hanno lanciato pagine sul social network Facebook (ChancaySostenible e Coordinadora en defensa de los intereseses de Chancay ), sperando di ottenere più sostegno per ribaltare la decisione del governo di permettere l'espansione del progetto port terminal a Chancay in aprile. Unendo le forze con altre organizzazioni, Arce ha raggiunto i membri del Congresso, con scarsi risultati finora.

Foto di una protesta nel 2019 di Miriam Arce, usata con permesso.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.