chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Politico nigeriano arrestato per aver condannato il rapimento di 300 giovani studentesse

Famiglie sfollate a causa degli attacchi di Boko Haram negli stati di Adamawa e Borno, Nigeria. Boko Haram ha rivendicato il rapimento di 300 ragazzi in età scolare nel dicembre 2020. Foto di Protezione civile e aiuti umanitari dell'UE su Flickr, CC BY-NC-ND 2.0.

Salihu Tanko Yakasai, che fino a poco tempo fa era l’aiutante dei social media [en, come i link seguenti] del governatore dello Stato di Kano, nella Nigeria nordoccidentale, è stato arrestato il 26 febbraio dal Dipartimento dei Servizi di Stato (DSS) per aver criticato la deplorevole situazione della sicurezza del Paese.

Il padre di Yakasai ha detto al quotidiano online CableNG che suo figlio è stato arrestato dal DSS mentre si recava dal barbiere, aggiungendo: “Ma non posso confermarti se è qui a Kano o da qualche altra parte”.

Yakasai si è espresso contro il governo del presidente Muhammadu Buhari – di cui è membro – per aver fatto ben poco per far fronte alla mancanza di sicurezza del paese e ai conseguenti episodi di rapimento. In una serie di tweet pubblicati il giorno del suo arresto insinua che l’amministrazione [it] abbia deluso le persone:

Chiaramente, noi come governo dell'APC, a tutti i livelli, abbiamo deluso i nigeriani nel dovere numero 1 per cui siamo stati eletti che è quello di garantire vite e proprietà. Non passa giorno senza una sorta di insicurezza in questa terra. Questo è una vergogna. Affronti i terroristi con decisione o si dimetta.

Lamentandosi che il rapimento di scolari sia diventato una tragica norma nel nord della Nigeria, Yakasai ha affermato che anche se i cittadini “si lamentano, condannano [e] creano hashtag”, “nessun passo concreto per prevenire il ripetersi [sic], e poi ripetiamo il processo”.

Ha proseguito scrivendo su Twitter:

Proprio la scorsa settimana era #freekagaraboys, oggi abbiamo un nuovo hashtag #RescueJangebeGirls, chissà domani quale hashtag ci inventeremo? Forse uno per noi stessi quando veniamo coinvolti in uno di questi audaci attacchi. Questo è triste e straziante, mi sento impotente e senza speranza.

Il 27 febbraio, Yakasi era stato licenziato da Abdullahi Ganduje, il governatore di Kano, per i suoi “commenti e dichiarazioni avventati”, ritenuti in contrasto con la posizione del “governo (APC) che sta servendo”.

Nel frattempo, i netizen nigeriani stanno già chiedendo il rilascio di Yakasi, con l'hashtag #FreeDawisu di tendenza su Twitter, e il giornalista Omoyele Sowore afferma che il DSS è “felice di balzare sui nigeriani critici del regime in fallimento”:

#FreeDawisu Lawless DSS ha arrestato @dawisu per aver espresso liberamente le sue opinioni riguardo al fallimento del governo di @MBuhari. La pigra leadership del DSS non può aiutare i nigeriani ad affrontare l'insicurezza, ma solo pronti e felici a balzare sui nigeriani critici del regime in fallimento

Lo scrittore Demola Olarewaju ha aggiunto che alcuni “partiti politici”, un velato riferimento all'APC, “operano come una setta”:

Alcuni partiti politici operano come una setta con il Presidente come un dio e se aderisci, non puoi rompere il codice e parlare contro la linea del partito, sia che tu sia nei ranghi del ponmo o più in alto.

Per amore dell'umanità condivisa, ci si unisce a dire ai suoi rapitori

Un utente di Twitter ha trovato l'arresto di Yakasi simile al modus operandi della polizia segreta della Germania nazista:

Il modo in cui @dawisu è stato arrestato era in modalità gestapo. Non hanno informato nemmeno un membro della sua famiglia. Lo hanno fatto sparire. Non l'hanno arrestato come se la Nigeria operasse secondo le regole e l'impegno della democrazia. Hitler sarebbe stato orgoglioso del DSS su questo.

Un altro utente ha fatto notare la rottura del sistema:

I’m just finding it funny now that I tweeted “Alhamdulillah @dawisu has been found” because we learned he was abducted by the state not kidnappers. What a dysfunctional country! #FreeDawisu

— Mr. M (@WordsworthGwary) February 27, 2021

Lo trovo divertente solo ora che ho scritto su Twitter “Alhamdulillah @dawisu è stato trovato” perché abbiamo saputo che è stato rapito dallo stato e non da rapitori. Che paese disfunzionale!

I tweet di Yakasi sono arrivati dopo il rapimento del 26 febbraio di oltre 300 studentesse presso la Government Girls Secondary School nella città di Jangebe, nello stato di Zamfara, in Nigeria nord-occidentale.

È stato un attacco che è avvenuto sulla scia del rapimento – nove giorni prima – di circa 42 persone, tra cui 27 ragazzi delle scuole, presso il Government Science College di Kagara, nello stato del Niger, nel nord-ovest del Paese. Gli uomini armati in quell'incidente hanno rilasciato i loro prigionieri dieci giorni dopo, il 27 febbraio.

Nessuno ha ancora rivendicato la responsabilità di questi due incidenti. Tuttavia, nel dicembre 2020, il gruppo jihadista islamico Boko Haram ha rivendicato la responsabilità del rapimento di circa 300 scolari della Kankara Government Science Secondary School, nello stato nord-occidentale di Katsina. I ragazzi sono stati rilasciati dopo alcuni giorni di prigionia.

Nigeria: numero segnalato di persone rapite.

Il rapimento di scolari in Nigeria ha visto un picco allarmante, secondo l'analista di sicurezza Bulama Bukart, per ragioni ben precise. Il rapimento di minori non solo aumenta il profilo pubblico di gruppi come Boko Haram, che si nutre di pubblicità, ma si traduce anche in pressioni politiche sul governo, rendendo più facile per i rapitori chiedere riscatti.

Al momento della pubblicazione, non ci sono state ulteriori notizie sul rilascio di Yakasai.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.