chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La libertà di parola degli algerini messa alla prova dalle leggi sui media approvate col pretesto del COVID-19

Screenshot dal canale YouTube di France24 che mostra immagini delle manifestazioni di Hirak in Algeria.

L'Algeria è in subbuglio dall'inizio del 2019. Un movimento popolare di protesta di strada antigovernativo, chiamato Hirak [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], ha raccolto un sostegno massiccio in diversi segmenti etnici e sociali della società ed è ancora in corso. A questo, il governo ha risposto con leggi e misure che limitano la libertà di espressione, e ha spesso giustificato ciò con la necessità di combattere la pandemia.

Il movimento Hirak è iniziato nel febbraio 2019, pochi giorni dopo che il presidente Abdelaziz Boutefikla, al potere dal 1999, ha annunciato che si sarebbe candidato per un quinto mandato. Il popolo algerino ha reagito con le più grandi manifestazioni di strada pacifiche dalla fine della guerra civile algerina nel 2002. Alla fine, Boutefikla ha ammesso la sconfitta e si è dimesso il 2 aprile 2019.

Tuttavia, le sue dimissioni non hanno portato i cambiamenti attesi dalla maggioranza degli algerini. Hanno quindi continuato a protestare pacificamente ogni singolo venerdì in tutto il paese per premere per cambiamenti politici significativi e la fine della corruzione su larga scala.

Come spiega questo account Twitter che monitora il movimento Hirak, la questione in gioco è la mentalità del governo che è percepito come l'utilizzo di vari argomenti, tra cui la pandemia, per giustificare la sua presa sulla società:

La giunta militare-oligarchica algerina usa la copertura della COVID-19 per strangolare la rivolta popolare. La richiesta centrale dell'#hirak di uno stato civile e non militare è concepita per combattere questa precisa mentalità e la sua intrinseca repressività.

Le autorità hanno infine risposto al movimento tenendo le elezioni presidenziali nel dicembre 2020, che sono state vinte da Abdelmajid Tebboune. Tuttavia, il voto è stato in gran parte boicottato, riflettendo la scarsa fiducia di parti significative della popolazione nella sua candidatura, poiché molti algerini non lo vedevano molto diverso dai suoi predecessori.

Infatti, mentre Tebboune aveva inizialmente sostenuto il movimento Hirak, alla fine ha cambiato le sue opinioni e ha sostenuto l'approvazione della legislazione che limita la libertà di espressione digitale in Algeria. E così, le proteste sono continuate.

I primi cambiamenti nella legislazione durante la pandemia

Il primo cambiamento significativo è avvenuto nell'aprile 2020. Il parlamento e il senato algerini hanno votato degli emendamenti al codice penale che hanno introdotto pene più pesanti nel contesto di situazioni particolari, compresi i periodi di pandemia. Village de la justice [Villaggio della giustizia], una pubblicazione online creata da esperti legali, lo spiega nel suo articolo [fr]:

Le nouveau Code pénal prévoit ainsi une peine d’un à trois ans de prison, et une amende pouvant aller jusqu’à 300 000 dinars algériens (1900 euros) à l’encontre de « toute personne jugée coupable de propagation de fausses informations » Les peines peuvent être plus lourdes, de trois à cinq ans de prison « si ces actes sont commis durant les périodes de confinement sanitaire ou d’une catastrophe naturelle, biologique ou technologique ou de toute autre catastrophe.

Il nuovo codice penale prevede pene da uno a tre anni di prigione e una multa fino a 300.000 dinari algerini [2.261 dollari] contro “chiunque sia riconosciuto colpevole di diffondere informazioni false”. Le pene possono essere più pesanti, da tre a cinque anni di prigione “se questi atti sono commessi durante i periodi di confino sanitario o di un disastro naturale, biologico o tecnologico o qualsiasi altro disastro”.

Una legislazione più coercitiva sotto la nuova presidenza

In Algeria, i media statali sono sotto stretto controllo e censura, fornendo informazioni che devono essere prima approvate dalle autorità. In questo contesto, le piattaforme indipendenti come i media privati, i social media, la televisione satellitare e altri media d'oltremare rappresentano la principale fonte di informazione alternativa.

Intervistato al telefono da GV, El Kadi Ihsane, proprietario di diversi media indipendenti, spiega il contesto generale:

Le système a depuis huit ans extrêmement réglementé les moyens de financements des médias, au point de les mettre en péril. Aujourd’hui, nous traversons une période critique, il n’y a aucun modèle qui est capable de fournir une information de qualité par manque de moyen car ces restrictions ne permettent pas de garantir un modèle économique viable et de se projeter, on est dans une précarité totale. 

Il sistema da otto anni regolamenta severamente i mezzi di finanziamento dei media, fino a metterli in pericolo. Oggi stiamo attraversando un periodo critico, non c'è un modello in grado di fornire un'informazione di qualità per mancanza di mezzi perché queste restrizioni non permettono di garantire un modello economico valido e di immaginare il futuro, siamo in uno stato di totale precarietà.

Successivamente, la diffusione di internet è aumentata del 12% tra il 2019 e il 2020, raggiungendo oltre il 52% della popolazione.

Dopo gli emendamenti dell'aprile 2020 al codice penale, il governo di Tebboune ha adottato nel dicembre 2020 il suo primo decreto in assoluto [fr] che disciplina i media elettronici. Il decreto presenta nuove restrizioni [fr] per il funzionamento dei media digitali in Algeria e riflette la mentalità del governo, come spiegato in questo articolo dal ministro della comunicazione:

Ce décret, premier du genre en Algérie, constitue l'une des priorités du plan d’action du secteur dans le cadre de l'intérêt accordé par le Président de la République à la généralisation du numérique et au contrôle de la presse électronique qui renferme des avantages et des inconvénients principalement liés à la mauvaise utilisation de ce type de médias modernes pour porter atteinte aux individus et aux institutions en diffusant des rumeurs, des fake news et des  vidéos truquées

Questo decreto, il primo del suo genere in Algeria, costituisce una delle priorità del piano d'azione del settore come risultato dell'attenzione prestata dal presidente della Repubblica alla digitalizzazione globale e al controllo dei media online. Tali media hanno vantaggi e svantaggi, questi ultimi si verificano quando i media sono utilizzati per danneggiare le persone e le istituzioni attraverso la diffusione di voci, notizie false e video falsi.

Tra i cambiamenti apportati da questo decreto, i media algerini sono per esempio obbligati a registrarsi su un dominio internet .dz, in un chiaro tentativo di controllare il loro contenuto date le severe leggi sulla censura in Algeria. In effetti, la maggior parte, se non tutti i siti di opposizione sono registrati fuori dall'Algeria per preservare la sicurezza dei loro collaboratori [fr], che spesso usano nickname per proteggere se stessi e le loro famiglie dalle molestie dello Stato.

Un prezzo pesante pagato da giornalisti e blogger

Mentre le autorità algerine hanno rilasciato un certo numero di prigionieri politici il 18 febbraio 2021, nel tentativo di prevenire ulteriori manifestazioni di massa in occasione del secondo anniversario del movimento Hirak, le voci più schiette che difendono e incarnano la libertà di espressione hanno tutti insieme pagato un prezzo pesante per aver osato rivendicare i loro diritti.

Un esempio è Walid Kechida, creatore della pagina Facebook chiamata “Hirak Memes” con quasi 15.000 membri, in cui mostra immagini umoristiche che criticano il governo e sostengono il movimento Hirak. È stato arrestato il 27 aprile 2020 con l'accusa di “offendere il presidente”, un reato che è menzionato negli emendamenti di aprile del codice penale nel contesto delle pubblicazioni online. È stato infine rilasciato il 31 gennaio 2021, dopo nove mesi di prigione.

Allo stesso modo, Khaled Drareni, uno dei giornalisti più schietti durante il movimento Hirak, è stato rilasciato il 19 febbraio, dopo aver trascorso quasi un anno in prigione per presunto “incitamento a raduni disarmati”.

Come, Amira D., una studentessa e attivista, che non ha voluto dare il suo nome completo, ha detto a GV:

Ces deux jeunes qui ont réussi à mettre à genoux un système juste avec un stylos et un téléphone, sont le visage de la jeunesse algérienne, ils nous ressemblent, dans la diversité qu’est notre jeunesse. Le système à travers la justice veut nous faire peur.

Quei due giovani sono riusciti a mettere in ginocchio un sistema semplicemente con una penna e un telefono, e rappresentano il volto della gioventù algerina, ci assomigliano nella diversità che incarna la nostra gioventù. Il sistema vuole spaventarci usando il sistema giuridico.

Questo articolo fa parte di una serie di post che esaminano le interferenze con i diritti digitali durante il blocco e oltre durante la pandemia COVID-19 in nove paesi africani: Uganda, Zimbabwe, Mozambico, Algeria, Nigeria, Namibia, Tunisia, Tanzania ed Etiopia. Il progetto è finanziato dall'Africa Digital Rights Fund della Collaboration on International ICT Policy for East and Southern Africa (CIPESA).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.