chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Senza ossigeno, i malati di COVID-19 muoiono asfissiati a Manaus, nel cuore dell'Amazzonia

Due operatori sanitari trasportano bombole di ossigeno a fianco a una cella frigorifera per i corpi, a Manaus. Foto: Bruno Kelly/Amazônia Real.

Questo articolo è di Leanderson Lima, in collaborazione con Kátia Brasil e Iris Brasil, e viene ripubblicato qui grazie a una condivisione di contenuti tra Global Voices e l'agenzia Amazônia Real [pt, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

La tragedia a Manaus è iniziata la mattina del 14 gennaio 2021, quando i pazienti ricoverati per COVID-19 hanno cominciato a morire per mancanza di ossigeno nei tre ospedali pubblici della capitale dello stato di Amazonas, regione nel nord del Brasile.

Secondo il Sindacato dei Medici di Amazonas (Simeam), potrebbero essere morti di asfissia tra i 20 e i 40 pazienti, ma il numero potrebbe anche essere più alto. Il governo di Amazonas non ha risposto alle richieste di informazioni inviate da Amazônia Real allo scopo di confermare questi dati.

“Parliamo di un numero di persone tra 20 e 40, ma non sappiamo come accertarcene. Abbiamo l'impressione che stiano occultando i dati. Non abbiamo un servizio di verifica dei decessi. Non abbiamo accesso alle informazioni. Se chiamo la Fondazione per la Sorveglianza della Salute e lo chiedo, non me lo danno,” afferma Mário Vianna, presidente del Simeam.

Ad aprile 2020 Manaus è stata protagonista di uno dei capitoli più drammatici della pandemia, quando nei cimiteri locali sono state aperte delle fosse comuni [en] per fronteggiare il repentino aumento delle sepolture. Stando ai dati della prefettura, in quel mese ci sono state in media più di 81 sepolture al giorno, mentre in circostanze normali la media della città è 34.

Dopo un periodo di controversa stabilità, a dicembre 2020 i casi di COVID-19 sono tornati a salire; poi, nei primi tredici giorni del 2021, in Amazonas 518 persone sono morte a causa del nuovo coronavirus. Il 13 gennaio la prefettura di Manaus ha registrato 94 sepolture nei cimiteri pubblici. 

“Se non ci saranno un intervento sanitario e una canalizzazione delle risorse verso Amazonas, l'intero Brasile potrebbe vivere la stessa situazione di Manaus. Anche perché da noi ci sono mutazioni virali che potrebbero diffondersi in tutto il Brasile e aggravare la situazione,” ha ricordato ancora Vianna.

All'inizio di gennaio il Giappone ha scoperto una nuova variante del coronavirus in quattro viaggiatori che erano stati in Amazonas. Il nuovo ceppo è responsabile del primo caso di reinfezione nello stato e, com'è noto, si tratta di una mutazione originaria della regione. Altre mutazioni identificate in Sud Africa e in Inghilterra sono associate a una maggiore trasmissione del virus.

Oltre ai timori per la nuova variante, il dramma umanitario a Manaus ora si estende oltre le Unità di Terapia Intensiva (UTI): Manaus si è trasformato in un surreale mercato di acquisto e affitto di bombole e ricariche di ossigeno, che viene utilizzato per il trattamento del COVID-19 in pazienti che manifestano mancanza di aria o insufficienza respiratoria.

Durante la settimana, sui social media hanno cominciato a circolare annunci di affitto e acquisto delle attrezzature. Un annuncio, per esempio, offriva l'affitto di un cilindro da 50 litri per 15 giorni, a prezzi compresi tra i 4.750 e i 10.000 real brasiliani (tra i 900 e i 1.900 dollari statunitensi). Si poteva acquistare a rate, fino a tre volte con carta di credito. “Stanotte a Manaus è finito l'ossigeno, non ce n'è più nemmeno nelle fabbriche,” ha detto un fornitore il 14 gennaio.

In un disperato tentativo di contenere il caos a Manaus, la sola tra le 62 città di Amazonas ad avere delle UTI, il governatore Wilson Lima ha ordinato alla polizia militare di proteggere le porte delle unità sanitarie. Il governo teme infatti l'invasione di pazienti con il nuovo coronavirus, dal momento che nemmeno la pioggia del 14 gennaio ha impedito a centinaia di persone di andare agli ospedali per richiedere cure o notizie di familiari. Secondo Amazônia Real, molti sono stati vessati dai poliziotti. 

Lima ha decretato anche il coprifuoco dalle 19:00 alle 06:00, valido per 10 giorni, fino al 23 gennaio. Inoltre, a causa della mancanza d'ossigeno, il governo ha organizzato il trasferimento di 235 pazienti con COVID-19 da Manaus a ospedali di altri stati.

Secondo il governatore, per rispondere alla domanda di ospedali pubblici e privati i fornitori White Martins, Carbox e Nitron avrebbero bisogno di coprire 76.500 metri cubi (m³) ogni giorno. Ma nel frattempo le imprese riescono a dare solo 28.200 m³ al giorno. “Per sanare il deficit, è in corso un'operazione per portare [a Manaus] l'ossigeno prodotto a Fortaleza e San Paolo con gli aerei della Forza Aerea Brasiliana,” ha detto Lima, senza però dare informazioni sul numero di pazienti morti per mancanza d'ossigeno negli ospedali di Manaus.

Drammi familiari

L'imprenditore Francisco da Chagas Netto, 41 anni, corre contro il tempo per trovare un posto dove riempire le bombole d'ossigeno che a casa mantengono in vita sua nonna, Maria de Nazareth Araújo, 85, e sua zia, Jacqueline Araújo Cruz, 48. Ad entrambe è stato diagnosticato la COVID-19.

“È un senso di impotenza. Il denaro non vale un fico secco in queste ore, nessuno ti vende l'ossigeno,” si è sfogato l'imprenditore. “È un senso di tragedia. Vedi qualcuno che ami steso su un letto, che ha bisogno di ossigeno per sopravvivere, e non puoi farci nulla. Vedi tua nonna chiederti perché non le hai portato l'aria… È tristissimo”.

La nonna ha avuto i primi sintomi dopo Natale, il 27 dicembre, e subito la famiglia ha cominciato a usare i medicinali che in Brasile vengono considerati come trattamento precoce della malattia, anche se non esiste ancora una conferma scientifica dell'efficacia. Il primo gennaio la famiglia ha chiamato un'unità della salute, ma si sono sentiti dire che la nonna di Francisco non soddisfaceva i criteri per il ricovero. I risultati degli esami chiesti a un medico privato sono stati un duro colpo per la famiglia: Maria de Nazareth aveva già l'80% dei polmoni compromesso. La zia di Francisco, Jacqueline, ha il 60% di insufficienza polmonare.

“Stiamo lottando per entrambe. Il medico ha chiesto ossigeno urgente. Lo abbiamo comprato,” ha riportato Francisco, che ha scambiato una bombola della sua officina di verniciatura auto in cambio di una bombola medica capace di resistere per 24 ore. Oltre a questa, è riuscito a comprare anche una bombola più piccola.

“Stavano migliorando, ma ora non riesco a ricaricare la bombola con altro ossigeno. Con una bassa saturazione, non so che potrebbe accadere,” dice, preoccupato. Francisco ricaricava la bombola più grande per 350 real e la più piccola per 150. “Se ne vanno 500 real tutti i giorni solo per l'ossigeno. La fisioterapia costa 200 real a testa al giorno. Gli esami sono costati 445 real a testa, e ogni visita giornaliera del medico ne costa 800,” elenca.

#OxigênioParaManaus (ossigeno per Manus)

La situazione caotica in cui versano le unità della salute di Manaus ha messo in moto una rete di solidarietà nei social media per l'acquisto di bombole e attrezzature respiratorie tramite donazioni e collette online.

Il 14 gennaio, l'artista manauara Karine Magalhães e altre sei persone hanno dato il via alla campagna “Manaus Por Um Respiro” per acquistare bombole di ossigeno, rianimatori e mascherine tra le altre attrezzature. Oltre alla difficoltà di trovare fornitori per le bombole, ha detto l'artista, durante il primo giorno la campagna ha raccolto solo 805 real, mentre il valore di una bombola parte da 4.000 real.

“Riceviamo chiamate di familiari di pazienti che sono ricoverati negli ospedali e a casa e hanno bisogno di ossigeno,” racconta Magalhães.

Sempre il 14, quando la notizia che l'ossigeno nella città era finito è stata riportata da mezzi di divulgazione di importanza nazionale, l'hashtag #OxigênioParaManaus è diventato virale su Twitter, ricevendo il sostegno di grandi personalità, tra cui anche calciatori.

Anche l'umorista e youtuber Whindersson Nunes, il cui canale ha più di 41 milioni di iscritti, ha coinvolto altri artisti in una rete di donazioni per garantire bombole di ossigeno con urgenza a Manaus.

Fornire 20 bombole da 50L di ossigeno per distribuirle alle unità più urgenti a Manaus! Ehi, amici artisti! Quando si tratta di fare uno spettacolo è tanto bello quando il pubblico ci accoglie con affetto, giusto? ricambieremo???

Secondo Jesem Orellana, epidemiologo della Fiocruz dell'Amazzonia, Amazonas deve interrompere la catena di trasmissione del nuovo coronavirus, poiché la situazione attuale non fa che rendere più urgente la domanda di posti letto. “L'epidemia non è mai stata controllata. In realtà, è stata largamente trascurata. Hai visto la prefettura di Manaus o il governo statale fare una campagna per rintracciare i positivi al virus? Mai fatto. E questa è un'omissione nelle cure primarie, nella prevenzione. Non ha senso aprire un letto d'ospedale perché le persone ci muoiano, o stiano lì [con le conseguenze della malattia]”.

Secondo Orellana, Manaus è caduta nel caos per via di fattori che risalgono a prima dell'epidemia. La capitale di Amazonas presenta una precarietà storica nelle infrastrutture mediche ospedaliere, a partire dalle cure primarie, che potrebbero garantire la prevenzione. “La maggior parte delle persone che non aderisce alle misure vive in condizioni di alloggio precarie. Sono persone che dipendono dall'irregolarità,” ha detto, citando l'indagine dell'Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica, che ha segnalato come il 53% della popolazione di Manaus viva in condizioni di alloggio precarie. “Altra causa dell'epidemia è il fatto che il governo di Amazonas e le prefetture, specialmente Manaus, non hanno mai aderito a campagne di screening di massa”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.