chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Giornalisti rilasciati condividono le loro esperienze di prigionia in Myanmar

Amici e familiari aspettano, sperando nel rilascio dei loro cari a Yangon. Il governo del Myanmar ha rilasciato circa 2.300 prigionieri, tra cui attivisti e giornalisti. Foto di un cittadino giornalista. Fonte della foto e della didascalia da Radio Free Asia. Copyright © 1998-2020, RFA. Usata col permesso di Radio Free Asia, 2025 M St. NW, Suite 300, Washington DC 20036. https://www.rfa.org.

Nel mezzo di un crescente tasso di infezione da COVID-19 a livello nazionale, il 30 giugno il governo militare del Myanmar ha rilasciato [en, come i link seguenti] 2296 prigionieri che erano stati arrestati per aver resistito al colpo di stato di febbraio. Tra quelli rilasciati vi erano 12 giornalisti accusati di aver diffuso “notizie false” o di aver istigato il popolo a commettere ribellioni.

Le autorità non hanno dato una ragione per il rilascio di massa dei prigionieri, anche se questa era una richiesta chiave di molti gruppi per i diritti umani e istituzioni globali che monitorano la situazione in Myanmar. Il portavoce del governo militare ha dichiarato di aver rilasciato i prigionieri che si erano uniti alle proteste ma che “non avevano ruoli di primo piano”, così come quelli che non avevano partecipato ad atti violenti.

Dal colpo di stato di febbraio, almeno 89 giornalisti sono stati arrestati per aver coperto la resistenza anti-golpe. I giornalisti hanno ricevuto minacce e sono stati persino attaccati per la loro copertura. I giornalisti che riportano le atrocità commesse dalle forze di sicurezza sono stati accusati di diffondere disinformazione.

Alcuni dei prigionieri rilasciati erano giornalisti che hanno potuto condividere le loro esperienze di detenzione e confermare i rapporti sulle forze di sicurezza che abusano dei prigionieri politici e dei giornalisti.

Sei giornalisti, Ko Aung Ye Ko di 7 Day News, Kay Zon Nway di Myanmar Now, i freelance Ko Banyar Oo e Soe Yarzar Tun, Ye Myo Khant dell'agenzia Myanmar Pressphoto e Hein Pyae Zaw di Zeekwat Media, sono stati liberati dalla prigione di Insein a Yangon, mercoledì.

Ko Aung Mya Than, reporter di Ayeyarwaddy Times, ha ricordato le torture a cui è stato sottoposto a seguito del suo arresto. In una intervista con The Irrawaddy ha affermato:

Eight junta vehicles surrounded my house and I was taken away for interrogation. I was beaten. They punched me in my ribs, face and mouth and slapped my face. Around eight drunken soldiers interrogated me, while accusing journalists of making false reports.

I challenged [the military] in a Facebook live on the day of the coup [on Feb. 1]. So they had a grudge against me and beat me while interrogating me for challenging them.

Otto veicoli della giunta hanno circondato la mia casa e sono stato portato via per essere interrogato. Sono stato picchiato. Mi hanno preso a pugni sulle costole, sul viso e sulla bocca e mi hanno schiaffeggiato. Circa otto soldati ubriachi mi hanno interrogato, mentre accusavano i giornalisti di fare falsi rapporti.

Ho sfidato [i militari] in una diretta su Facebook il giorno del colpo di stato [il 1° febbraio]. Perciò provavano rancore contro di me e mi hanno picchiato mentre mi interrogavano per averli sfidati.

Dieci giorno dopo il suo rilascio, Ko Aung Mya Than è stato nuovamente arrestato dalle autorità locali che non hanno rivelato le motivazioni sulla detenzione del giornalista.

Ko Aung Mya Than, corrispondente di #Maubin per Irrawaddy Times, è stato arrestato dai militari nella notte del 10 giugno. È stato rilasciato dalla prigione il 30 giugno e arrestato nuovamente 10 giorni dopo. 

Il giornalista freelance Ko Banyar Oo non è stato picchiato in prigione, ma ricorda le spaventose tattiche utilizzate dalle guardie carcerarie. Ha condiviso tutto ciò con The Irrawaddy:

I was sent straight to prison. I was questioned by the police at the prison. I was not beaten during the interrogation. Normally, people who were interrogated [at a police station or interrogation center] before being sent to prison were beaten. The food they gave us inside the prison was not OK. It was lousy and could hardly be called rice and curry. They gave us lectures to suppress our morale and, as we refused to obey prison rules, they put us in solitary confinement.

Sono stato mandato direttamente in prigione. Sono stato interrogato dalla polizia in prigione. Non sono stato picchiato durante l'interrogatorio. Normalmente, le persone che venivano interrogate [in una stazione di polizia o in un centro di interrogatori] prima di essere mandate in carcere venivano picchiate. Il cibo che ci davano in prigione non era buono. Era pessimo e si poteva a malapena chiamare riso e curry. Ci davano lezioni per abbattere il nostro morale e, dal momento che ci rifiutavamo di obbedire alle regole della prigione, ci mettevano in isolamento.

Aung Ye Ko, reporter di 7 Days News, ha riferito a Radio Free Asia che la repressione dei giornalisti riflette la mancanza di rispetto del governo per la libertà di stampa:

I don’t know about their intentions or why I was released but I’m going to carry on with my profession.

I endured a bit of physical and mental suffering while in there—there were no beatings but a lot of interrogations. I would say they have no respect for the Media Law.

Non so nulla riguardo alle loro intenzioni o riguardo al perché sono stato rilasciato, ma andrò avanti con la mia professione.

Ho sopportato sofferenze fisiche e mentali mentre ero lì-non mi hanno picchiato, ma sono stato interrogato a lungo. Direi che non hanno alcun rispetto per la legge sui media.

Nathan Maung, editore di  Kamayut Media, è stato arrestato l'8 marzo assieme al collega Hanthar Nyein. Nathan Maung, cittadino degli Stati Uniti, è stato rilasciato il 15 giugno e immediatamente deportato nel suo Paese. Ha riferito al comitato per la protezione dei giornalisti ciò che è successo a lui e al collega Hanthar Nyein durante la loro detenzione: 

Without letting me sleep, they interrogated me for three days. I requested water, which they allowed me only on the third day. I had food only on the fourth day. I could hear screaming in the air and kept meditating.

Hanthar was badly tortured. He told me later that they burned his skin with a lit cigarette and put both his legs on a big ice block. Hanthar didn’t reveal his iPhone password, as they demanded, and he was beaten so badly to surrender his password.

Interrogators told him to take off his shirt and pants and attempted to rape him, so he finally gave up. By unlocking his phone passwords, his nightmare didn’t finish.

Senza lasciarmi dormire, mi hanno interrogato per tre giorni. Ho chiesto acqua, che mi hanno concesso solo il terzo giorno. Ho mangiato solo il quarto giorno. Sentivo le urla nell'aria e continuavo a meditare.

Hanthar è stato torturato duramente. Più tardi mi disse che gli bruciarono la pelle con una sigaretta accesa e gli misero entrambe le gambe su un grande blocco di ghiaccio. Hanthar non ha rivelato la password del suo iPhone, come gli hanno chiesto, ed è stato picchiato così forte che ha dovuto consegnare la sua password.

Gli interrogatori gli hanno detto di togliersi la camicia e i pantaloni e hanno tentato di violentarlo, così alla fine si è arreso. Sbloccando le password del suo telefono, il suo incubo non è finito.

Ha poi aggiunto che gli ufficiali militari incolpano i media per la copertura riguardo alla resistenza:

They thought the anti-coup “Spring Revolution” would die if there is no media present on the ground. They believe the Civil Disobedience Movement happened because of the media.

There is no hope at all for press freedom in Burma under the military’s rule. I believe that the media has a bigger role to play to promote human rights journalism and it is a sense of duty to highlight the humanitarian crisis which is emerging in the country.

Pensavano che la “Rivoluzione di Primavera” anti golpe sarebbe morta se non ci fossero stati i media presenti sul posto. Credono che il Movimento di Disobbedienza Civile sia avvenuto grazie ai media.

Non c'è alcuna speranza per la libertà di stampa in Myanmar sotto il dominio dei militari. Credo che i media abbiano un ruolo più importante da svolgere per promuovere il giornalismo sui diritti umani ed è un dovere segnalare la crisi umanitaria che sta sorgendo nel paese.

Un altro giornalista straniero, Yuki Kitazumi, è stato arrestato il 18 aprile trascorrendo quasi quattro settimane in prigione prima di essere rilasciato e deportato nel suo paese, il Giappone. Dopo il suo arrivo a Tokyo, ha rivelato la situazione dei prigionieri politici. Ha condiviso ciò che ha vissuto durante la sua incarcerazione:

Even though I wasn't subjected to violence, an interrogator banged the desk hard when I refused to sign a statement containing things I had no recollection of saying. That frightened me.

Sebbene non sia stato sottoposto a violenza, un interrogatore ha battuto con forza la scrivania quando mi sono rifiutato di firmare una dichiarazione contenente cose che non ricordavo di aver detto. Questo mi ha spaventato.

Nonostante il rilascio di massa dei prigionieri, l'Associazione di assistenza ai prigionieri politici ha notato che più di 4.000 persone sono ancora in detenzione per essersi opposte al colpo di stato. Dall'8 luglio, circa 36 giornalisti rimangono in prigione per aver coperto le proteste contro il colpo di stato.

L'arresto dei giornalisti in #Myanmar 🇲🇲 in data 8 luglio 2021 dall'inizio del golpe militare.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.