chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Giovane attivista azerbaigiana rende pubblico il grave crimine commesso contro di lei rimasto impunito

“Auroritratto raffigurante cicatrici da trauma, abuso emotivo, mentale, sessuale, fisico, verbale, strupro coniugale, trauma PTSD, autrotiratto, Runjanefox, #janefox questa sono io. #domesticviolence #stopdv #spousalrape #dv #hearmystory” di Run Jane Fox sotto licenza CC BY-ND 2.0

Sanay Yaghmur, 17 anni, un'attivista femminista azera e amministratrice della popolare piattaforma femminista Femkulis, è stata stuprata da un suo parente il 25 agosto 2020. Nonostante la presenza di una cartella clinica che prova che il crimine è stato commesso, il colpevole, Asgar Agayev, 29 anni, è a piede libero, secondo un resoconto personale dell'attivista.

Adesso, dopo più di un anno, Yaghmur ha raccontato la propria storia su Facebook, dove descrive nel dettaglio ciò che ha dovuto subire e accusa l'ufficio del procuratore generale di non aver indagato e accusato l'autore.

Il post su Facebook [az] pubblicato da Yaghmur il 13 ottobre descrive in modo dettagliato gli eventi di agosto 2020 [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] :

I heard my phone ring in the morning but I could not move at all for about ten or fifteen minutes. I also could not understand where I was. A little while later, I collected myself, and when I lifted my head, I saw, him, Asgar Agayev lying next to me. What I remember from that most clearly are pain and blood.

Ho sentito squillare il mio telefono al mattino ma non sono riuscita a muovermi per circa dieci o quindici minuti. Inoltre non riuscivo a capire dove fossi. Poco dopo, mi sono ripresa e, quando ho alzato la testa, ho visto lui, Asgar Agayev, sdraiato accanto a me. Ciò che ricordo più chiaramente sono il dolore e il sangue.

Yaghmur continua descrivendo come il suo parente le impedisse di lasciare l'appartamento, che apparteneva a sua zia. Yaghmur si era recata nell'appartamento la sera precedente, quando, tornando a casa, sua madre la convinse, anziché tornare a casa, a trascorrere la notte a casa di sua zia, poiché era molto tardi e sua zia viveva in città.
After about an hour, I was able to leave. I had to convince him, I was not going to talk to tell anyone (I only lied so that I could leave. Otherwise it would not have been possible). Just as I was leaving, he told me not to go back home in the evening, and not to tell anyone and instead come back here.

Dopo circa un'ora, potevo andare via. Dovevo convincerlo. Non lo avrei detto a nessuno (ho solo mentito affinché potessi andar via, altrimenti non sarebbe stato possibile). Proprio mentre stavo per andar via, mi disse di non tornare a casa di sera, di non dirlo a nessuno e di tornare qui.

Asgar Agayev si è nascosto dopo l'incidente. Per quattro giorni la sua famiglia lo ha tenuto nascosto, secondo i resoconti condivisi con Global Voices dalla madre di Sanay Yaghmur, Zumrud Yaghmur.
“Quando Sanay ha sporto denuncia, la sua famiglia ha cercato di contrattare con noi e ha chiesto pietà. Hanno chiesto di cambiare la denuncia in violenza fisica anziché in stupro”, ha detto Zumrud Yaghmur a Global Voices. “Hanno persino suggerito di organizzare il matrimonio”.

Politicamente motivato?

La famiglia ha perfino tentato di ricattare Yaghmur, affermando che ci fosse un video. “Alla fine, abbiamo scoperto che non c'era alcun video,” ha detto Zumrud Yaghmur, che crede che queste azioni siano politicamente motivate. “La violenza sessuale perpetrata contro Sanay e la conseguente protezione del criminale da parte delle forze dell'ordine dimostrano che l'incidente era premeditato o si è trasformato in una vendetta politica.”
Due giorni dopo, Yaghmur ha sporto denuncia. Per la seconda volta, la procura regionale ha archiviato il caso, per insufficienza di prove. Questo nonostante la vittima abbia fornito almeno tre diversi referti di esami medici che confermano lo stupro.
The crime committed by Asgar Agayev, must be independently and legally assessed while state institutions supporting him by covering up the crime – Yasamal Region Prosecutor, General Prosecutor – must be held accountable.

Il crimine commesso da Asgar Agayev deve essere valutato indipendentemente e legalmente, mentre le istituzioni che lo sostengono coprendo il crimine, il procuratore della regione di Yasamal, il procuratore generale, devono essere ritenute responsabili.

L'obiettivo di Yaghmur, condividendo pubblicamente la sua esperienza, era assicurarsi che si indagasse debitamente sul caso. L'11 ottobre 2021 la corte d'appello si è pronunciata a favore del riesame del ricorso [az].

Attivista e sostenitrice dei diritti delle donne, Yaghmur ha immediatamente ricevuto moltissimi messaggi di supporto.

Menre Asgar Agayev, che ha stuprato Sanay Yaghmur, è a piede libero, la mia amica ha dovuto aspettare a lungo prima di raccontare pubblicamente della violenza subita così da non mettere a rischio la propria istruzione.

E anche [az]:

Rappresentanti della società civile e attivisti pubblici hanno lanciato una campagna, chiedendo che l'autore di violenza sessuale contro Sanay Yagmur venga punito. Maggiori informazioni sulla storia: https://t.co/YjIH0icDYs?amp=1

Chiedo giustizia per Sanay Yagmur! Non voglio vivere in un Paese in cui chi stupra i minori cammina tranquillamente per la strada.

La madre di Yaghmur, Zumrud Yaghmur, ha detto a Global Voices che durante l'indagine, l'attivismo di sua figlia è stato usato contro di lei.

“È stata presa di mira perché era una femminista. Gli investigatori hanno affermato che il suo stile di vita era inappropriato e hanno usato le foto di mia figlia scattate durante proteste a sostegno dell'uguaglianza di genere e dei diritti delle donne, organizzate negli ultimi anni, contro di lei”, ha detto Zumurd Yaghmur.

La madre dell'attivista ha anche dichiarato che le circostanze le hanno impedito di pubblicizzare prima il caso.

“Un mese dopo l'incidente, eravamo pronti a condividere cosa era successo a Sanay,” ha detto Zumrud Yaghmur. “Abbiamo parlato con un giornalista locale, ma all'indomani iniziò lo scontro tra Armenia and Azerbaigian, pertanto abbiamo dovuto attendere. Nel marzo 2021, Sanay ha ricevuto una lettera di accettazione da un'università a Riga per proseguire gli studi di giurisprudenza. Abbiamo deciso di aspettare che lasciasse il Paese prima di rendere pubblico il caso.”

Sanay Yaghmur ha lasciato l'Azerbaigian nel settembre 2021 per studiare presso la Graduate School of Law, a Riga.

Gli autori di stupro sono spesso a piede libero

Secondo la legislazione nazionale, lo stupro comporta una pena detentiva massima di 15 anni. Ma spesso, gli autori di stupro sono a piede libero. In una cultura dove la violenza e l'abuso delle donne è un problema costante che ha visto scarsi miglioramenti negli ultimi anni, ciò non sorprende.

In una dichiarazione rilasciata il 28 giugno, Dubravka Šimonović, la relatrice speciale sulla violenza contro le donne presso il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, ha affermato: “Lo stupro spesso non viene denunciato e, anche se denunciato, raramente viene perseguito. Anche se c'è un'azione penale, è raramente gestita in modo sensibile al genere e spesso porta alla ri-vittimizzazione, producendo poche condanne. Il risultato è la normalizzazione dello stupro, una cultura dello stupro o del silenzio sullo stupro, la stigmatizzazione delle vittime e l'impunità per i colpevoli.”

Nonostante i numerosi messaggi di sostegno e solidarietà, Yagmur ha anche affrontato molto stigma, ma il coraggio che le è servito per condividere pubblicamente la sua storia, la dice lunga su quanto lontano debbano spingersi le donne azerbaigiane vittime di violenza, aggressione e molestie per far sì che le loro voci vengano ascoltate.

Storie recenti Asia centrale & Caucaso

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.