chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Poche possibilità di ottenere giustizia per i giornalisti colombiani assassinati

Foto: Giovana Fleck/Global Voices

Quasi l'80% degli omicidi di giornalisti colombiani resta impunito secondo Ángela Caro, un'avvocata dell'organizzazione colombiana Foundation for Press Freedom (FLIP, dall'acronimo spagnolo). Non è una sorpresa, in un paese che ha una lunga storia di violenza contro i giornalisti. 

FLIP ha registrato 161 omicidi che hanno coinvolto dei giornalisti dal 1977 al 2000. Solo un caso ha comportato una condanna per i coinvolti nel delitto. Solo in quattro casi è stato condannato il mandante e in altri 29 gli esecutori dell'omicidio. Sfortunatamente, 127 casi restano impuniti e 92 sono stati archiviati dagli uffici della procura della Colombia. 

I 161 giornalisti assassinati sono stati vittime di gruppi paramilitari, gruppi criminali, narcotrafficanti, membri della pubblica sicurezza e delle forze di Stato, e di organizzazioni di guerriglia come FARC, ELN e EPL. 61 giornalisti lavoravano per mezzi di informazione scritta, 64 per le stazioni radio e 16 per la televisione.

Screenshot dei dati ottenuti da FLIP

I parenti delle vittime ottengono giustizia solo in poche occasioni. Il caso di Orlando Sierra [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], giornalista della testata regionale La Patria con sede a Manizales che venne ucciso nel 2002, è uno di quei casi. Ci sono voluti 17 anni per condannare il mandante dell'omicidio, Ferney Tapasco [es]. Questo è l'unico caso in cui è stata dichiarata colpevole l'intera catena criminale — il sicario, due collaboratori e il mandante. 

Ciononostante, la sentenza ha lasciato i colleghi del giornalista con l'amaro in bocca. Fernando Ramírez ha dichiarato a Global Voices:

This case was resolved with the same evidence that they had at least 10 years before. If justice is a form of dissuasion to prevent people from committing crimes, impunity in Colombia is almost an incentive, because it is really difficult that someone is convicted even though they are guilty.

Questo caso è stato risolto con le stesse prove in possesso già 10 anni prima. Se la giustizia è un modo per dissuadere la gente dal commettere dei crimini, l'impunità in Colombia è quasi un incoraggiamento, perché è davvero difficile che qualcuno venga condannato anche se colpevole.

Quando un giudice definisce l'assassinio di un giornalista come un crimine contro l'umanità, che non può quindi cadere in prescrizione, il caso viene affrontato con rinnovato vigore. Uno di questi casi fu l'uccisione, nel 1986, di Guillermo Cano, direttore del quotidiano colombiano El Espectador che aveva denunciato il ruolo dei trafficanti di droga in politica. Tuttavia, Caro dell'organizzazione FLIP ha detto a Global Voices:

There are no efforts from the nation's Public Prosecutor Office to get results. Guillermo Cano's case was declared a crime against humanity in 2010, but there is still impunity.

Non ci sono sforzi da parte dell'ufficio della procura nazionale nell'ottenere risultati. Il caso di Guillermo Cano [es] è stato dichiarato crimine contro l'umanità nel 2010, ma resta ancora l'impunità.

Resoconto dalla vita in trincea

Secondo l'organizzazione Reporters Without Borders (RSF), la Colombia si classifica al 134° posto nella lista delle peggiori nazioni per la professione giornalistica. I migliori paesi per la libertà di stampa sono Norvegia, Finlandia, Svezia, Danimarca e Costa Rica.

L'impunità per i crimini contro i giornalisti non è un problema esclusivo della Colombia. Anche Brasile, Honduras ed Ecuador hanno un alto tasso di impunità. In America Latina viene perseguito a malapena un omicidio di giornalisti su 10, spiega Ernst Sagaga, responsabile dell'ufficio Diritti Umani e Sicurezza presso la Federazione Internazionale dei Giornalisti (IFJ), in un'intervista a Global Voices.

Dal 2011 al 2020, Messico, Colombia, Brasile e Honduras sono stati tra i paesi più pericolosi per i giornalisti, dichiara RSF. Molti dei giornalisti uccisi vivevano lontano dalle grandi città, lavoravano in condizioni precarie spesso per vari organi di stampa e scrivevano delle loro comunità e degli agenti di Stato. 

Negli anni Ottanta la violenza contro i giornalisti era dilagante. La crisi di sicurezza era tale che la Federazione Internazionale dei Giornalisti aprì un centro di solidarietà a Bogotá per offrire sicurezza ai giornalisti, mentre pressava le autorità nazionali per la loro protezione.

Sagaga ha aggiunto:

Indeed, [the government of] Colombia adopted a protection program for journalists under threat, which is still running today. But the program has a mixed record, especially after journalists lost trust in it because of strong evidence of collusion between security forces running the program and those targeting journalists.

Certamente, il governo della Colombia ha adottato un programma di protezione per i giornalisti minacciati, attivo ancora oggi. Tuttavia, il programma ha prodotto risultati contrastanti, specialmente dopo che i giornalisti hanno perso fiducia nello stesso a causa di forti prove di collusione tra le forze di sicurezza responsabili del programma e coloro che prendono di mira i giornalisti.

Nonostante gli anni più crudeli per la Colombia siano passati, il pericolo non è scomparso e i giornalisti hanno ancora bisogno di protezione.

Giustizia inafferrabile per i giornalisti

Secondo i dati forniti dall'ufficio della procura e ottenuti attraverso una richiesta di documentazione, l'agenzia ha calcolato 346 crimini commessi dal 1980 al 2020, in cui i giornalisti sono stati vittime di omicidio, femminicidio, omicidio di persone sotto protezione (in riferimento agli omicidi di persone sotto protezione governativa) e sparizione forzata.

Screenshot dei dati ottenuti con una richiesta di documentazione

Le organizzazioni internazionali suggeriscono delle strategie per contenere la violenza contro i giornalisti in Colombia. Sagaga afferma:

Authorities must publicly denounce violence on journalists, investigate, and prosecute them in a credible manner to punish those responsible and deter future similar crimes.

Le autorità devono denunciare pubblicamente le violenze sui giornalisti, indagare e perseguire i criminali in modo credibile per punire i responsabili e impedire che ci siano crimini simili in futuro.

Il Comitato per la Protezione dei Giornalisti (CPJ) ritiene che la Colombia dovrebbe focalizzarsi sul personale degli uffici investigativi locali e sulla promozione della trasparenza. Natalie Southwick, coordinatrice del programma per l'America centrale e meridionale e per i Caraibi presso CPJ, ha dichiarato a Global Voices:

While Colombia's (admittedly far from perfect) protection mechanism has been a model for other countries across the region, Colombia lags behind other countries like Mexico or Guatemala that have created national- or state-level prosecutor's offices that specialize in investigating cases of violence against journalists and press freedom violations. These offices are not a solution to impunity on their own but allocating staff and resources specifically to address these crimes allows for more opportunity to investigate such cases and identify the perpetrators and sends a clear public message that the state is prioritizing these cases, which in itself can help discourage more violence against the press. Greater transparency in official processes and regular public updates on the investigations into these cases would also help encourage greater accountability from the state institutions responsible for these investigations.

Sebbene il meccanismo di protezione della Colombia (indubbiamente lontano dalla perfezione) sia stato un modello per altri paesi della zona, la Colombia è più arretrata di altre nazioni come Messico o Guatemala che hanno creato uffici del Pubblico Ministero a livello nazionale o statale specializzati nelle indagini su casi di violenza contro giornalisti e violazioni della libertà di stampa. Questi uffici, da soli, non sono una soluzione all'impunità, ma l'assegnazione di personale e risorse proprio per affrontare questi crimini permette di avere più opportunità di indagare su questi casi e identificarne i responsabili. Inoltre, si invia un messaggio pubblico chiaro sul fatto che lo Stato dà priorità a casi del genere, e ciò può aiutare a scoraggiare ulteriori violenze contro la stampa. Una maggiore trasparenza nei processi ufficiali e aggiornamenti pubblici regolari sulle indagini di questi casi incoraggerebbero una maggiore responsabilità da parte delle istituzioni statali che si occupano di queste inchieste.

*Questa è una delle cinque storie sui crimini contro i giornalisti in Colombia, un'iniziativa supportata dalla Justice for Journalists Foundation (JFJ), un'organizzazione non governativa con sede a Londra. JFJ finanzia le indagini giornalistiche sui crimini violenti contro i giornalisti e aiuta i professionisti ad attenuare i rischi. 

Storie recenti America Latina

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.