chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Proteste a Zagabria: croati divisi sui certificati COVID-19

Protesta a Zagabria, 10 novembre 2021. Screenshot dal video di YouTube dell’ agenzia di stampa AFP .

A seguito di un numero record di infezioni giornaliere da COVID-19 registrate all'inizio di novembre, la Direzione nazionale della protezione civile croata ha deciso di applicare i certificati digitali COVID dell'UE [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] nel settore pubblico, nel tentativo di ridurre al minimo la rinnovata diffusione della malattia.

Lanciato dall'Unione Europea, il certificato digitale è accettato in tutti gli stati membri, così come in alcuni paesi extra UE, con lo scopo di dimostrare che una persona è vaccinata, è guarita dalla COVID-19 o è risultata negativa. È stato progettato con l'obiettivo di facilitare la circolazione libera e sicura in tutta l'UE.

Il 5 novembre, il governo croato ha deciso che, a partire dal 15 novembre, tutti i dipendenti del settore pubblico e i cittadini che desiderano entrare negli enti di servizio pubblico devono esibire tale certificato.

Da allora, alcuni datori di lavoro si sono rifiutati di attuare la politica, sostenendo che potrebbe portare a divisioni tra i lavoratori, mentre la capitale Zagabria ha dovuto affrontare molteplici proteste contro la vaccinazione.

Croazia:
I canti di “Non vi stiamo dando i nostri figli” mentre le proteste contro il passaporto e il mandato contro il Coronavirus hanno colpito Zagabria.
Crediti: Telegram.

Alla prima grande protesta anti-certificazione che ha avuto luogo il 20 novembre, diverse migliaia di persone provenienti da tutta la Croazia si sono radunate nella piazza centrale di Zagabria e hanno chiesto la fine della misura, affermando che viola la loro fondamentale libertà costituzionale di scelta in merito alla vaccinazione. La stragrande maggioranza dei partecipanti non indossava maschere e non manteneva alcuna distanza tra loro, aumentando il potenziale di diffusione della malattia.

Croazia contro il Covid pass.

Secondo “Radio Free Europe“: la protesta non è stata registrata e un paio di giornalisti sono stati aggrediti verbalmente e fisicamente.

La piattaforma Safety of Journalists ha riferito che il giornalista di RTL TV Goran Latković è stato attaccato mentre seguiva la protesta per la COVID-19. “È stato aggredito alle spalle da due sconosciuti, che lo hanno schiaffeggiato due volte in faccia, mentre un terzo lo ha colpito alle costole con il gomito. Latković è stato buttato a terra, ma non è stato ferito”.

Latković in seguito ha detto che i manifestanti hanno continuato a insultare lui e il suo equipaggio e la folla ad un certo punto ha cantato “RTL se ne va”.

In seguito, un gran numero di utenti dei social media ha preso di mira Latković con minacce di morte e accuse offensive di aver inventato la storia dell'incidente. Dopo aver denunciato questo, la polizia gli ha offerto protezione fisica. “Mi accusano di mentire, ma non mi nascondo, non ho paura!” ha  dichiarato [hr] per il quotidiano Jutarnji list.

La polizia offre protezione a Goran Latković: “Mi accusano di mentire, ma non mi nascondo, non ho paura!”

Continua l'opposizione alle misure del governo

Entrambe le parti della controversia hanno citato l'articolo 16 della Costituzione croata, che prescrive quanto segue:

“Freedoms and rights may only be curtailed by law in order to protect the freedoms and rights of others, the legal order, and public morals and health. Any restriction of freedoms or rights shall be proportionate to the nature of the need to do so in each individual case.”

“Libertà e diritti possono essere ridotti solo dalla legge al fine di proteggere le libertà e i diritti degli altri, l'ordine legale, la morale e la salute pubblica. Qualsiasi restrizione alle libertà o ai diritti deve essere proporzionata alla natura della necessità di farlo in ogni singolo caso”.

I manifestanti, che si autodefiniscono Bijeli tihi marš (Marcia bianca silenziosa) sui social network, hanno continuato a protestare [hr] anche il 4 dicembre, con circa 200-300 partecipanti che gridavano e chiedevano il rovesciamento del governo. Inoltre, hanno annunciato un'altra protesta alla fine di dicembre.

Gli oppositori delle misure contro la COVID-19 riuniti oggi hanno annunciato che rovesceranno il governo il 18 dicembre!

Rivolgendosi al pubblico il 23 novembre, il primo ministro Andrej Plenković ha dichiarato che la vaccinazione obbligatoria non sarà attuata. Inoltre, il presidente del Consiglio ha annunciato una normativa che comporterebbe sanzioni pecuniarie per i capi delle istituzioni pubbliche e dei comuni che non applicano le misure che richiedono ai dipendenti di presentare i loro certificati COVID-19 al momento dell'arrivo al lavoro, nonché le misure adottate dal Consiglio nazionale Direzione Protezione Civile.

Tuttavia, Most (The Bridge), uno dei partiti conservatori dell'opposizione, sta rapidamente voltando le spalle al governo di centrodestra di Plenković avviando una petizione per chiedere un referendum sulla questione dell'abolizione dei certificati COVID-19.

Alla domanda sull'alternativa, la rappresentante di Most, Marija Selak Raspudić, ha suggerito di seguire le consuete misure epidemiologiche e di testare i gruppi vulnerabili in tutte le istituzioni. Ha detto che parte del denaro utilizzato per acquistare i vaccini che non vengono utilizzati nel paese e che devono essere donati all'estero dovrebbe essere reindirizzato all'acquisto di test.

Finora, il Ministero della Giustizia e dell'Amministrazione ha annunciato che devono raccogliere 368.446 firme per avviare il referendum, ovvero il 10 percento dei cittadini croati residenti nella Repubblica di Croazia.

Le piccole città mostrano che è possibile invertire la tendenza dell'esitazione ai vaccini

A differenza di molte grandi città, Sali, un piccolo villaggio insulare e comune situato nella contea di Zara, con una popolazione totale di 1.698 abitanti, è attualmente il comune con il più alto tasso di vaccinazione in Croazia: quasi il 70 percento della sua popolazione ha ricevuto a almeno una dose di vaccino contro la COVID-19. Considerata una delle destinazioni più sicure nella parte costiera del paese, è seguita da un altro piccolo comune, Saborsko, situato all ‘ interno della contea di Karlovac, la parte continentale della Croazia.

L'estate scorsa Sali era nella zona rossa sulla mappa dell'ECDC, e la gente del posto sostiene [hr] che sia stata quella situazione che li ha fatti prendere seriamente in considerazione la vaccinazione perché volevano salvaguardare la salute pubblica, ma il turismo, su cui dipendono molto economicamente, gioca un ruolo importante nella decisione. Ante Mihić, bibliotecario e teologo locale, ha condiviso con orgoglio i suoi pensieri su questo raro caso in Croazia:

“Ima burnih glasova protiv cijepljenja, ali Saljani su osluškivali što kaže znanost i to uvažavali, pa se velika većina ljudi cijepila! Eto, to se dogodilo na mom otoku. Rekao bih ovo: za dobro ljudi, Bog djeluje i kroz znanost.”

“Ci sono voci forti contro la vaccinazione, ma la gente di Sali ha ascoltato la scienza e l'ha rispettata, quindi la stragrande maggioranza di loro si è vaccinata! Bene, questo è quello che è successo sulla mia isola. E aggiungerei questo: per il bene del popolo, Dio agisce anche attraverso la scienza.

A Saborsko continentale, che si trova vicino al Parco nazionale dei laghi di Plitvice , patrimonio mondiale dell'UNESCO, il sindaco e i residenti hanno accreditato gli sforzi di un medico e infermiere di medicina generale locale per raggiungere il tasso di vaccinazione del 61 percento per i 631 residenti.In una dichiarazione per RTL TV, Senija Bilić, MD, a sua volta ha risposto modestamente che si trattava di un risultato congiunto, basato sulla fornitura di informazioni aperte e approfondite su tutte le opzioni disponibili relative ai vaccini.

giornalieri di COVID-19 per milione di persone, media mobile di sette giorni per Croazia, Unione Europea ed Europa. Grafico di Our World in Data, CC BY 4.0

A livello dell'UE, le statistiche mostrano che circa il 50-55% dei croati è completamente vaccinato, una percentuale inferiore alla media dell'UE di circa il 75%.

Al momento della stesura di questo articolo, in Croazia vengono segnalati giornalmente 4.751 nuovi casi di infezione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.