chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Un fan di Israele in Tunisia

Zizou from Djerba, un blog in francese, recentemente ha presentato ai suoi lettori la figura di Souheil Ftouh, descritto da Zizou come “senza dubbio il più grande ammiratore di Israele e amico del popolo ebraico tra tutti gli arabi tunisini :-)”. Il suo punto di vista, decisamente controcorrente per un tunisino, ha suscitato indignate reazioni tra i visitatori del blog.

Zizoupubblica i link a svariati interventi di Ftouh, pubblicati su diversi blog, compreso un recente intervento apparso su IdentiteJuive.com dove questi spiega il suo punto di vista su Israele e terrorismo:

Je suis un homme libre, qui depuis le monde arabe, admire le peuple juif qui a invoqué en premier un Dieu unique et qui est aujourd’hui contesté sur sa propre terre. Dans mon enfance, je ne savais pas exactement ce qu’était un juif. Je n’en avais jamais rencontré. Tout ce que je savais, c’était que les juifs étaient « des soldats terrifiants » qui voulaient tuer les enfants arabes palestiniens et détruire les maisons sur leur tête.

Sono un uomo libero che, dal mondo arabo, guarda con ammirazione al popolo ebraico, il primo a credere in un solo Dio, e la cui patria è oggi contesa. Da bambino non sapevo bene cosa fosse un ebreo. Non ne avevo mai incontrato uno. Conoscevo soltanto gl ebrei nelle vesti di “terribili soldati” che volevano ammazzare i bamabini arabo-palestinesi e distruggerne le case in cui vivevano…

…J’ai réalisé à quel point la jeunesse du monde arabe continue à être mal informée aujourd’hui … Ça me fait une grande peine de voir la propagande, la désinformation, la haine et l’antisémitisme exacerbé, que j’ai connu dans à mon enfance se disséminer aujourd’hui à la nouvelle génération .

…Ho capito fino a che punto il mondo arabo permanga in una situazione di disinformazione. Soffro molto nel veder diffondere tra le nuove generazioni quegli stesse malformazioni della mia infanzia come propaganda, disinformazione, odio e il crescente antisemitismo.

Le terrorisme n’est pas un accident, il fait partie intégrante de la doctrine officielle et de la culture du djihad, de la marche pour la domination mondiale qui s’est enclenchée voici une décennie dans le monde musulman… les haineux maîtrisent à la perfection l’art de jouer avec les faiblesses de l’Occident et utilisent à cette fin des mots tels que l’islamo-phobie.

Il terrorismo non è qualcosa d'incidentale. È parte integrale della dottrina ufficiale e della cultura della Jihad, della battaglia per il dominio del mondo in atto in tutto l'Islam ormai da un decennio. I fomentatori d'odio sono divenuti maestri nell'arte di sfruttare le debolezze dell'Occidente strumentalizzando termini come “islamofobia”.

In un altro articolo, Ftouh spiega la vera natura della Palestina:

Elle n’existe tout simplement pas ! C’est un concept. Un concept ? Oui, prenez un couteau, retirez-en la lame et le manche, il vous reste le concept. La Palestine n?a pas d'Histoire autre que l'Histoire judéo-chrétienne, ni de peuple présent depuis plus d'un siècle autre que le peuple juif. C’est un concept.

Semplicemente, non esiste affatto! Non è che un concetto. Un concetto? Sì: prendi un coltello, rimuovi lama e manico, e ciò che ti resterà sarà solo un concetto. La Palestina non ha storia al di fuori della tradizione giudaico-cristiana, nè quella terra è mai stata abitata per più di un secolo da altri se non dal popolo ebraico. È soltanto un concetto.

E un pezzo apparso su rencontrejudaïquesfm riguardo la storia degli ebrei tunisini spiega come l'occidentalizzazione (o, come è più corretto dire, la francesizzazione), “avrebbe potuto equilibrare il rapporto di potere tra arabi ed ebrei per la prima volta dopo “secoli di dominio musulmano”, perchè gli ebrei erano più inclini ad adottare modelli francesi nell'abbigliamento come nella cultura.

I lettori di Zizou'hanno insertio diversi commenti.

Scrive Profilo:

C'est totalement subjectif trop même. dire que les juifs étaient des sujets de second rang avant le protoctorat c'est vraiment trop mentir et trop bafouer l'histoire alors qu'ils vivaient ensemble sans aucun problème comme l'atteste tous les vrais historiens.

…È opinabile, ed anche parecchio. Sostenere che il protettorato considerasse gli ebrei alla stregua di cittadini di seconda classe equivale a mentire, è revisionismo. In realtà, come ogni storico potrà testimoniare, [ebrei e musulmani] vivevano in pace, senza particolari problemi.….

Soufiene dice:

En regardant ces versions de faits. Souheil ne peut etre qu'un avocat du diable. Il cherchait le coup mediatique comme-quoi. C'est son interveiw dans le journal Afaq qui a fait de lui un hero.

A leggere la sua versione dei fatti, Shoueil potrebbe apparire come il classico avvocato del diavolo. Cerca il colpaccio mediatico fine a se stesso. È stata la sua intervista al periodico Afaq a renderlo una specie di eroe.

Sostiene Chiraz:

en fait, l'interview a été publiée par le magazine Hakaeq (version arabe de réalités). Bon, maitre Ftouh est libre d'avoir ses propres opinions mais ce qui m'a étonné, c'est lorsque le journaliste lui a posé une question sur les enfants palestiniens victimes de la sauvagerie militaire israelienne, maitre Ftouh a répondu que le Hamas en est responsable et qu'il avait une pensée pour les enfants de Sdirot!

In realtà, l'intervista è apparsa nell'edizione araba della rivista Hakaeq. Ok, il signor Ftouh è libero di esprimere le sue opinioni. Ciò che mi ha scioccato, però, è stata la sua risposta alla domanda sui bambini palestinesi vittime della spietatezza dell'esercito israeliani; ha risposto che secondo lui la colpa era di Hamas e che lui voleva piuttosto riferirsi ai bambini di Sdirot [villaggio israeliano colpito dai razzi lanciati da Gaza]!

E Zizou'cosa ne pensa? “Lunga vita alla libertà di parola!”

9 commenti

  • fausi akter

    mi dispiace non sono d accordo!! dovete leggere meglio la storia , il territorio di israele fu concesso dopo la seconda guerra mondiale come risarcimento per i maltrattamenti subiti….levandola ad altri…
    la morte dei bambini palestinesi e colpa di hamas! israele non centra niente sono angioletti, ma fammi il piacere.
    PS faccio notare che la guerra e fra israele e palestinesi(arabi),con tutti i simpatizzanti del caso, non fra ebrei e mussolmani.
    in tunisia avevo amici ebrei, e non li ho mai ritenuti responsabili, perquanto ho pena per palestina e forte disprezzo per il governo israeliano.

  • hamas ha le sue colpe come pure israele in tutto cio che ho visto alla tv e giornali( bambini e donne) dove sono gli uomini?E comunque vero che il popolo giudaico è stato il primo ad amare un solo dio,quando arabi ed occidentali erano ancora pagani.La guerra è arrivata con maometto le famose crociate di cui tutti parlano
    La terra si qui il conflitto si è acuito di molto per avere il risultato di ora.Se l occidente dovesse disprezzare lo straniero credimi ci sarebbero i mitra ad ogni confine,si deve togliere l odio che viene instigato nei giovani perchè è la rovina della nostra civiltà

  • fausi akter

    mi dispiace corregerti ,ma le guerre cominciarono con ebrei contro i cristiani , mahometto non cera ancora ,,,la guerre sante avevo solo lo scopo di difesa non hanno mai fatto male a popolazioni hi oblicati a convertirsi.
    non si puo dire lo stesso per guerre sante dei cristani.
    ma il punto non è quello, dare la colpa alla religione e facile e comodo.
    io con li ebrei vado d accordo, non ho simpatie per israele.
    perquanto forse colpa la popolazione non ne ha per la scelta del governo

  • non ti chiedo idi che religione sei perchè ci vuole poco a comprendeerlo.Non c è bisogno di convertire basta sottomettere fare pressione riunire in quartieri ed il risultato c è.Le religioni da quando sono nate sono state la rovina della civiltà.Per quello che riguarda la guerra tempo 20 anni ne avrai un altra e li ci sarà chiedersi che cosa faranno gli stranieri in europa che difese prenderanno visto che le chiami difese.E non possiamo nemmeno chiamarvi per nazzionalità verremo definiti razzisti e si un bel mondo il nostro slo capaci di lamentarsi

  • fausi akter

    le religioni nati per fare del bene…. siamo noi che li usiamo solo per il nostro interesse travasando e spesso modificandone il significato.
    per un eventuali guerra il quale spero che venga mai( come se mi mancassero problemi), problemi non esistono, sa il governo il da farsi.
    mi spiego meglio! se per 6 mesi non trovo lavoro vengo rimpatriato , pensa se entra in guerra!
    probabilmento finisco in un campo di concentramento, per prefenzione.
    chiamarmi per nazionalita ,rasismo? dipende dal tono, e il contesto.
    comunque sono tunisino, e sono in italia per lavoro , ma questo non fa di me un italiano.
    anche il mio paese e bello MONDO non ce lavoro purtroppo. per quanto riguarda il lamentarsi ,rientra nella caretterista UMANA, ho visto persone ricchissime che si lamentarsi ; perche noi no?se abbiamo tempo per farlo:)

  • hei guarda che io ammiro il medio oriente,ma ammetto che ci sono delle cose che non mi piacciono ok e qui andremo fuori contesto.Si le religioni sono nate per fare del bene,il bene non la politica non la dirigenza di una nazione.6 mesi molti si eclissano,se lavori niente da dire il problema c è anche in svizzera.Quelli con i soldi si lamentano sempre non sanno cosa sia il vero lavoro.Pensalo come vuoi qui è razzismo.Italiano vorresti farti italiano perchè io sarei orgogliosa di cio che sono non la cambierei mai e non farei mai il doppio passaporto.Ma vivo in una nazione che tutti mi invidiano ma ricordati che io faccio fatica ad arrivare alla fine del mese.Io a volte mi chiedo dove vadano a finire i proventi del petrolio.
    E un piacere fare la tua conoscenza Fausi Akter

  • fausi akter

    il mondo è bello perche varia,no?
    io spero di ottenere presto la doppia cittadinanza, ma non perche vorrei essere italiano ,non vorrei essermi spiegato male,sono un tunisino fiero.
    sono in italia per lavoro, è per avere piu possibita occasioni sia di lavoro che di viaggio,la cittadinanza aiuta.
    ma non rinunscio alla mia, faccio fatica ad arrivare a fine mese. con la consapevolezza che molte persone si arricchiscono con il petrolio.
    sono cosa sono d accordo con te ,religione e polita devono essere due cose separate , la prima deve essere personale la seconda popolare.
    ma come si puo convincere delle persone a ammazarsi per interesse di altri con la politica? e decisamente piu facile portarli al ignoranza e alladisperazione e poi dirli dio a detto.
    e per disperazione non intendo bollette non pagate o finanziarie alla gola, ma orrori e torture .
    ho visto dei video da film orror.
    seconde te la guerra in medio oriente non è che magari conviene a qualcuno? in questo sito vi sono dei video interessanti.
    http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Search&testo=11+settembre+2001&tipo=testo

    • Io sono d’accordo con te,conosco molto bene il mondo arabo,la Tunisia specialmente i miei figli sono sia italiani,che tunisini.sono molto fiera di questo.Lo scontro,che avviene da 60 anni in Palestina, é conveniente a qualcuno,la discriminazione per mondo arabo in generale é sentita in tutto il mondo.Attraverso i canali televisivi arabi,ho visto cose terribili,spero che i miei figli nonconosconomai le guerre. Paola Badi Abdallah

  • le persone fanno variare il mondo il loro modo di vivere e di agire e di ragionare.Passaporto bingo come dico io,possibilità ecco cosa ti da, direi che il mio apre le porte senza problemi e qui sono in vantaggio(scusa)Quello che mi fa rabbia è che corruzione ,miseria,istruzione sono tutte gestite dall alto il potere i soldi fanno gola e quale migliore sistema per tenerlo se non manovrando una nazione in questo modo.DIO HA DETTO bravo hai detto giusto non la politica,sono gli uomini di fede che manovrano nella miseria e disperazione giovanile portandoli a farsi esplodere in mezzo a gente innocente dicendo loro che nell aldilà troveranno di tutto.Ma perchè,semplice il potere il comando il dominio e piu di tutto tener lontano qualsiasi tentativo di migliorare di instaurare buone democrazie.
    Per l ultima domanda non è questo il sito ideale per discuterne,se sei la stessa persona che mi mi scrive in posta elettronica ci sentiremo li

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.