chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Guatemala: salvare le ragazze dai bordelli, difendere i bambini dagli abusi

Julio Roberto Prado è un avvocato guatemalteco, che frequentemente indaga e persegue casi sul traffico di esseri umani, in particolare abusi contro donne e bambini. Curando un blog usando un pseudonimo, cosa che gli permette di far luce sulle difficili situazioni delle vittime. Questo recente post sul blog Noticias Para Dios descrive immagini e suoni di una tipica giornata del suo lavoro [sp], dove richiede un mandato di perquisizione ad un giudice. Il post svela inoltre come operare in un simile ambiente stressante e duro possa rafforzare il morale di quanti se ne occupano e mettere fine al traffico e agli abusinei confronti di esseri umani.

Tenía puestos mis zapatos negros, vamos, todos saben que cuando los llevo es porque romperé alguna puerta. Ese día sería para rescatar a una niña de once años y a su hermana de quince de uno de los más grandes prostíbulos de la ciudad.

Mi ero messo le scarpe nere, andiamo, tutti sanno che quando le indosso è perché sfonderò una porta. Oggi sarà per liberare una ragazzina di 11 anni e la sorella di 15 in uno dei più grandi bordelli della città.

Condivide qualche notizia della giornata avuta dai colleghi della polizia:

A los hombres les gustan tiernas, dice uno de los policías. Me cuenta que el otro día fue hacia Retalhuleu una ciudad del interior del país. Allí entró a un sitio donde fue a rescatar a mujeres encadenadas en las camas, donde las obligaban a coger con los clientes. Estaban todas flacas, me dice. Me daban tanta tristeza, no comían, amarradas, con sus trajes típicos a los camastros. Pero qué se puede esperar de esos lugares, si hay algunos donde subastan vírgenes los primeros viernes de cada mes.

Gli uomini le preferiscono giovani, sostiene uno dei poliziotti. Mi racconta che qualche giorno fa è andato nella città di Retalhuleu, all'interno del Paese, dove è era andato a liberare delle donne incatenate al letto su cui erano costrette a fare sesso con i clienti. Erano tutte molto magre. La scena mi ha rattristato, non mangiavano, ed erano legate con i normali vestiti. Che altro aspettarsi da posti come questi, posti dove addirittura le vergini vengono messe all'asta il primo venerdì di ogni mese.

Per ottenere il mandato di cattura, Prado ha dovuto mettersi in fila per andare dal giudice e spiegargli la situazione. Mentre stava in fila, ha preso nota di alcune delle sfortunate situazioni delle vittime:

Al llegar, una enorme fila de gente me espera. Me dispongo a aguardar por mi turno, para hablar con el juez y explicarle que necesitamos entrar al bar. Delante de mí, una señora luce todavía golpeada. Reparte su tiempo entre llorar y mecer a su hijo de brazos, mientras otra niña pequeña se prende de su pierna. Quisiera fumar. Quisiera encender un cigarro y apagármelo en el brazo izquierdo y despertar de una maldita vez.

Oigo que la mujer ha sido golpeada por su marido. Atrás siguen una muchacha con sus padres. La abusaron. Recuerdo que es fin de mes. Que acaba de pasar un fin de semana largo.

Appena arrivato, mi trovo davanti a una lunga fila. Attendo il mio turno per parlare con il giudice e spiegargli che dobbiamo fare irruzione nel bar [per salvare le bambine]. Di fronte a me, c'è una donna che sembra essere stata picchiata. Passa il tempo piangendo e cullando il figlio tra le braccia, mentre un'altra bambina piccola le si afferra alla gamba. Vorrei fumare. Vorrei accendere una sigaretta e spegnerla sul mio braccio sinistro e svegliarmi una volta per tutte.

Vengo a sapere che la donna è stata colpita dal marito. Dietro di me, c'è una ragazza con i genitori, che ne hanno abusato. Mi ricordo che è fine mese. È stato un lungo fine settimana.

Queste storie non sono certo leggere per l'avvocato:

Permanezco sin hablar. Cuando trabajas con el dolor ajeno, te empiezas a vaciar por dentro. Le dejas espacio al dolor, le permites habitarte. A mí me llena el dolor de doce niños abusados y veintidós niñas prostituidas. Son los casos que llevo investigados con solución. Los otros no me habitan, me succionan.

Resto senza parole. Quando lavori con il dolore degli altri, inizi a sentire un vuoto dentro. Lasci spazio al dolore, gli permetti di vivere dentro di te. Mi riempie il dolore di 12 bambini che hanno subito abusi e di 22 giovani ragazze costrette a prostitutirsi. Sono i casi che ho risolto. Gli altri casi non vivono dentro di me, mi succhiano via la vita.

Quando finalmente raggiunge il giudice per richiedere il mandato di perquisizione, gli viene concesso. Rimane però disgustato dai commenti del giudice:

Me dice que me permitirá entrar.

Ya de pie, me despido y abro la puerta. Antes de salir, el juez me dice: “ese lugar es lindo, hay buenas muchachas allí. Si encuentra algún amigo mío dentro, ahí se lo encargo”. Se ríe.

Trato de sonreír pero más bien me sale una mueca de asco.

Dice che mi autorizza ad entrare [nel bordello].

In piedi, saluto e apro la porta. Prima di uscire il giudice mi fa, “è un posto carino, ci sono delle belle ragazze lì. Se vede qualcuno dei miei amici, se ne prenda cura.” Ride.

Provo a sorridere, ma in realtà provo un senso di disgusto.

Nell'andar via, si ricorda della dura realtà di casi di questo tipo:

Afuera, la señora golpeada, calma a su hijo de brazos y la muchacha abusada llora con su madre.

Es su turno de hablar con el juez. Les toca explicarle su dolor. Mientras que para mí, al salir a la calle, una invasión de aire, humo y ruido me recuerdan que es lunes. Un día cualquiera, que se repetirá hasta la saciedad.

Subo al auto y voy por las niñas. Sé que hoy tampoco podré dormir.

Fuori, la signora che è stata colpita, tranquillizza il bambino tra le sue braccia e la giovane ragazza abusata piange con la madre.

È il loro turno di parlare con il giudice e spiegargli il dolore patito. Mentre io esco in strada, un'ondata d'aria, fumo, e rumore mi ricorda che oggi è lunedì. Un altro giorno, che si ripeterà all'infinito.
Salgo in macchina e vado a liberare le ragazze. So che anche stanotte non riuscirò a dormire.

1 commento

  • quanti avvocati guatemaltechi animati da psicologia umanistica e non da bordello ci vorrebbero per risolvare casi così tragici per la vita umana? In quel paese si è radicalizzata, forse, nel costume l’antica padronanza spagnola e, credo, che la vita umana di una sottofascia sociale è irrilevante, anzi, è utile solo per gli ambienti urbani ricchi che gestiscono le risorse del paese. L’intervento dell’avvocato guatemalteco credo sia solo un’iniziativa personale e non indichi un cambiamento di cultura. Comunque, il Paese vive bene senza incontrare resistenze che hanno bisogno di persone con strategie culturali e politiche.

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.