chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

La piaga delle medicine contraffatte nei Paesi in via di sviluppo

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), i farmaci contraffatti si trovano ovunque [en, come gli altri link salvo ove diversamente indicato] nel mondo. Questi comprendono miscele di sostanze tossiche e preparati inefficaci o inattivi; 700,000 persone l'anno muoiono solamente a causa di farmaci contraffatti per la malaria e la tubercolosi. La WHO riferisce anche che i profitti annuali derivati da farmaci scadenti o contraffatti si aggirano attorno ai 200 miliardi di dollari USA.

Sono state proposte molte soluzioni innovative per contrastare la diffusione di farmaci contraffatti nei paesi in via di sviluppo.

Innovazioni tecnologiche per rintracciare i farmaci contraffatti 

Ashifi Gogo, del Ghana, è un imprenditore con una soluzione innovativa che coinvolge i cellulari. Semplificando, l'idea consiste nel piazzare un'etichetta da grattare sui prodotti; l'etichetta contiene un codice unico, che il consumatore invia via SMS ricevendo poi una risposta in cui si attesta se il prodotto è autentico o meno.

In questa presentazione al TEDx di Boston, Ashifi Gogo spiega come la sua soluzione funziona combinando cellulari, comunità e cooperazione di governi e industrie farmaceutiche:

Dopo l'incidente del farmaco Duo-Cotecxin in Kenya, Holley-Cotec, la compagnia che produce l'antimalarico, ha introdotto una nuova tecnologia per rendere le compresse a prova di manomissione. James Nyikal, direttore dei Servizi Medici in Kenya spiega :

Le nuove confezioni del medicinale avranno un sigillo con un ologramma tridimensionale ed altre caratteristiche che indicheranno che il farmaco è autentico.

"Is this drug real or counterfeit? SMS text with Pharma Secure to find out." Image by Wayan Vota on Flickr (CC BY-NC-SA 2.0)

“Questo farmaco è vero o contraffatto? Invia un SMS a Pharma Secure per scoprirlo.” Immagine di Wayan Vota su Flickr (CC BY-NC-SA 2.0)

Rajendrani Mukhopadhyay esamina le soluzioni attualmente disponibili per identificare i farmaci autentici. Condivide anche alcuni aneddoti sorprendenti:

L'esame consiste innanzitutto di un'attenta ispezione visiva. Gli ispettori esaminano minuziosamente le confezioni, poiché devono esser certi che esiste l'intenzione di ingannare il consumatore. “Se avete solo le compresse o le capsule, anche se non hanno ingredienti attivi, potrebbe ancora esserci stato un errore innocente da parte della fabbrica. […] Alcuni errori di confezionamento su farmaci contraffatti sono piuttosto comici. Su uno, la data di scadenza era precedente alla data di produzione, perciò sapevamo che qualcosa non andava!”

Cita anche le sfide che comporta l'ispezione in un ambiente povero:

Sfide nei paesi in via di sviluppo significa che gli investigatori devono pensare in maniera creativa e farsi venire in mente tecniche analitiche efficaci che siano poco costose e al tempo stesso solide. “Abbiamo scoperto che molte delle false compresse di artesunato, spacciandosi per un particolare marchio prodotto in Cina, contenevano carbonato di calcio,” afferma Green [Michael Green dello U.S. Centers for Disease Control and Prevention]. Poiché il marchio autentico non contiene carbonato di calcio, lui e i suoi colleghi sono stati capaci di distinguere le compresse false da quelle autentiche versando aceto su parte di esse.

Una sfida crescente per le nazioni in via di sviluppo

Ancor più che per l'impatto economico, i farmaci contraffatti pongono un significativo problema di salute pubblica a livello globale. Non solo mettono a rischio le vite ed il benessere dei pazienti, minano anche la fiducia nei confronti del sistema sanitario e degli operatori sanitari.

Il seguente grafico del Pharmaceutical Security Institute (PSI) descrive la distribuzione geografica degli incidenti confermati riguardanti farmaci contraffatti nel 2011; il problema è sempre più arduo da contrastare per le nazioni in via di sviluppo per il crescente volume di farmaci falsi e le infrastrutture necessarie.

Total counterfeit drug incidents by year. Graph by PSI (available in public domain).

Totale degli incidenti di farmaci contraffatti per anno. Grafico del PSI (di pubblico dominio).

Arrivando al punto, il PSI segnala:

Le zone più frequentemente associate ad incidenti non sono necessariamente quelle con forze dell'ordine e programmi d'ispezione deboli. Piuttosto, i paesi di queste zone stanno efficacemente identificando i crimini farmaceutici per mezzo dell'attività delle forze dell'ordine e delle ispezioni di agenzie regolatrici per la vendita di farmaci.

Malgrado le innovazioni citate prima, rilevare farmaci contraffatti è ancora un compito molto difficile e richiede sia tecnologia avanzata che capacità di imporre severamente le norme internazionali.

Ad esempio, quest'anno nei paesi in via di sviluppo sono stati denunciati [fr] molti antimalarici difettosi e contraffatti, ma solo dopo che erano stati usati sui pazienti. Nel 2012, uno studio ha mostrato che nel Sud-Est Asiatico e nell'Africa Subsahariana un terzo dei farmaci antimalarici non ha superato le analisi chimiche, le analisi del confezionamento, o era stato falsificato. Nel 2007, il Ministro della Salute del Kenya ha diramato un avvertimento circa la vendita del farmaco antimalarico contraffatto Duo-Cotecxin a Nairobi, e su come rilevarlo.

Lawrence Evans, un ricercatore che ha condotto uno studio in Guyana e Suriname sulla qualità dei farmaci antimalarici afferma:

Oltre alla presenza di medicine non incluse dall'Organizzazione Mondiale della Sanità nelle linee guida per la cura della malaria, la facilità con cui ci si procurano farmaci senza un'accurata diagnosi pone un altro importante rischio per la sicurezza dei pazienti. In aggiunta, ciò potrebbe avere serie implicazioni per lo sviluppo di varietà del parassita Plasmodium resistenti ai farmaci, in particolare il Falciparum, poiché nuovi trattamenti non sono prevedibili nell'immediato futuro.

Prisca in Madagascar spiega [fr] perché le persone non vanno più in farmacia e si avventurano sul mercato informale:

 des personnes n'hésitent plus à revendre des produits pharmaceutiques sans ordonnance. Selon Fara, propriétaire d'un commerce prospère ” Les médicaments que nous vendons sont les mêmes qu'en pharmacie, puisque je les achète chez un grossiste agréé. Mais comme je n'ai pas autant de charges qu'une pharmacie, ils sont deux fois moins chers “. Le problème des consommateurs est donc le prix.

Molte persone non esitano più a rivendere farmaci senza prescrizione. Fara, la proprietaria di un negozio di successo, spiega: “I farmaci che vendiamo sono gli stessi che si trovano in farmacia poiché li compro da un distributore certificato. Ma il mio carico fiscale è inferiore rispetto alle farmacie perciò posso vendere i farmaci ad un prezzo inferiore.” Per i consumatori, il problema sembra essere il costo delle medicine.

Sebbene sia importante determinare il circuito dei farmaci contraffatti per combattere questo traffico efficacemente, molti paesi avvertono che ciò non può far passare in secondo piano il bisogno di innovazioni in altri settori e di combattere le malattie. Henry Neondo scrive su African Science News che la malaria deve essere combattuta in maniera più efficace in Kenya, anche cercando un vaccino:

Il Kenya è stato selezionato tra altri nove paesi africani che beneficeranno di un nuovo programma di molti miliardi di scellini per la ricerca di un vaccino anti-malaria. [..] “C'è urgente bisogno di nuovi farmaci contro la malaria e di un vaccino in Africa, dove la malaria è diventata resistente ai più economici e diffusi  trattamenti. Mentre vari nuovi farmaci promettenti e vaccini sono in fase di ricerca, c'è bisogno di far sì che l'Africa abbia la capacità di condurre test clinici su larga-scala di tali farmaci e vaccini nella prossima decade,” afferma il Prof Binka [Direttore Esecutivo dell'Indepth Network].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.