chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Porto Rico: iniziative indipendenti per la solidarietà ecologica

A Porto Rico si va sviluppando una nuova forma di solidarietà ecologica grazie a numerosi progetti indipendenti.
Di seguito si possono trovare alcuni esempi che confermano, una volta di più, come salvaguardare la natura, coltivare prodotti privi di elementi tossici e perorare la causa della sostenibilità non siano utopie impossibili da realizzare.

L’Organización Boricuá de Agricultura Eco-orgánica [es, come i link successivi, salvo ove diversamente indicato] (Organizzazione portoricana di agricoltura eco-biologica) comprende diversi agricoltori e persone interessate ad imparare come coltivare la terra in maniera sostenibile. I membri dell'organizzazione si organizzano in gruppi, scambiano le semenze e di recente hanno istituito la prima certificazione portoricana per la coltivazione biologica. Il loro portale offre libri gratuiti e interviste video che documentano il lavoro svolto dagli agricoltori portoricani. Di seguito si può trovare un video, postato da Bartus Allen, di un'intervista a Edgardo Alvarado, uno dei membri fondatori dell'associazione:

Desde mi huerto (Dal mio orto) è una bellissima iniziativa familiare. La coppia di agricoltori biologici Raúl e Ivonne spiegano come organizzare il proprio orto casalingo. Nella loro fattoria, vicina alla foresta Carite, coltivano “ogni tipo di verdura, pianta medicinale, erba aromatica e frutta per l'uso, la vendita e il consumo”. Sul loro sito è possibile trovare informazioni circa le semenze biologiche, la manutenzione dell'orto e perfino annunci di vendita di terreni.

Logo Coop Madre Tierra

La Cooperativa Orgánica Madre Tierra (Cooperativa Biologica Madre Terra) organizza un mercato la prima e la terza domenica di ogni mese nella piazzetta Roosevelt a Hato Rey, Porto Rico. Qui si riuniscono agricoltori, panettieri, massaggiatori, educatori e amanti del cibo biologico. Il ricercatore Carmelo Ruiz identifica nella cooperativa una delle istituzioni più solide all'interno del movimento ecologista di Porto Rico.

Ruiz, oltre ad aver pubblicato diversi libri e articoli sulla sicurezza alimentare nei Caraibi e in America Latina, cura dal 2004 il blog Proyecto Bioseguridad de Puerto Rico [en] (Progetto per la biosicurezza di Porto Rico), in cui raccoglie dati sull'impatto nocivo dei cibi geneticamente modificati. Riporta varie notizie sul tema come l'introduzione, di volta in volta, delle leggi che, nei diversi Paesi, obbligano a dichiarare sulle etichette i prodotti transgenici [en]. Inoltre, pubblicizza le iniziative delle organizzazioni che intendono facilitare per la popolazione l'accesso ad alimenti salutari.

La Chiwihna è il primo negozio di commercio equo a Porto Rico. La coppia di fondatori, Joel e Karla, spiega come sia difficile riassumere in poche parole tutto quello che offre il loro negozio, che è anche un luogo di incontro. Tra le varie iniziative, la vendita di deliziosi prodotti biologici locali ed internazionali, pasti preparati da chef che partecipano al progetto e diverse attività culturali.

DSC_0043 copy

Foto di Josué Guarionex

La chef Verónica Rodríguez Ojeda condivide il suo amore per la cucina, l'arte e l'attivismo attraverso i suoi corsi di cucina individuali o per gruppi e i suoi articoli. Diplomatasi al Natural Gourmet Institute for Health and Culinary Arts di New York, è anche cofondatrice di ASIQUESI, piccolo ristorante biologico, e di Slow Food Calalú a Porto Rico. La sua esperienza di sottocapo cuoco all'Omega Institute, “la cucina vegetariana più grande degli Stati Uniti”, illustra bene il suo percorso. Dal suo ritorno sull'isola è già al lavoro per nuovi progetti.

El Departamento de la Comida (Il Dipartimento del Cibo) è un'impresa ecologica che distribuisce alimenti biologici ottenuti da coltivazioni artigianali. Offre inoltre i suoi servizi in occasione di mercati, feste e manifestazioni, come la Marcia Mondiale contro la Monsanto, svoltasi il 25 di maggio. Per ascoltare la storia di Tara Rodríguez Besosa che, insieme a Olga Casellas ha dato vita al progetto, si può guardare il video di Tedex San Juan [en]: “Food is My Social Network” (Il cibo è il mio social network).

Foto publicada en la página de Facebook.

Foto pubblicata sulla pagina Facebook del gruppo.

Il Centro para la Recuperación de Artículos para su Uso, Reuso y Reciclaje (ReusArte) (Centro per il recupero di oggetti per uso, riuso e riciclo) è un progetto di Wanda I. Rodríguez che tenta di promuovere lo sviluppo sostenibile. Quasi ogni fine settimana Wanda apre le porte di casa sua per organizzare mercatini, discussioni pubbliche o laboratori in cui i visitatori scoprono diversi modi per riutilizzare o trasformare i vestiti, la plastica e altri oggetti di valore. Questo spazio comunitario, con una bellissima vista sui monti di Guayama, si nutre della vitalità degli artigiani, storici, poeti e amici che condividono la passione di Wanda.

La Casa-Tienda Tierra de la Luna (Casa-bottega terra della luna) ha invece il suo obiettivo nella guarigione e nella pace: vi si possono trovare prodotti di artigiani locali e internazionali che “condividono la loro cultura, la loro tradizione, l'amore e il rispetto per la nostra madre terra”. Lo spazio, ubicato a Caguas, viene utilizzato per incontri in cui si parla di ecologia, spiritualità e salute. Tra le ultime iniziative alcune discussioni pubbliche sul significato della tessitura, la saggezza femminile e il ciclo mestruale.

Maria Benedetti, etnobotanica empirica ed educatrice, nei suoi workshop e nei suoi libri, insegna tutto sulle piante officinali e le cure tradizionali di Porto Rico. “¡Hasta los baños te curan!” (Perfino i bagni curano), “Sembrando y sanando en Puerto Rico: Tradiciones y visiones para un futuro verde” (Seminare e curare a Porto Rico: Tradizioni e visioni per un futuro verde) e “Bendiciones botánicas para Boriquén” (Benedizioni botaniche per portoricani) sono tra le sue pubblicazioni. Qui si può ascoltare un'intervista realizzata per il programma “Piedra, Papel y Tijera” (Carta, forbice, sasso).

E, per finire, Mi Puerto Rico Verde (La mia Porto Rico verde), fondato da Ernesto Amador e José Maldonado, è un portale web che “promuove conoscenza e partecipazione della comunità con strumenti interattivi e social network”. Si tratta di un ottimo modo per tenersi aggiornati su tutte le iniziative eco-biologiche dell'isola.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.