chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

VIDEO: ‘Miti e Murales’ progetto artistico sull'identità nazionale di Timor Est

Il progetto interculturale Miti e Murales [en, come gli altri link, salvo diversa indicazione] vede la partecipazione di artisti provenienti dall'Australia e da Timor Est [it] che si sono riuniti per “promuovere un senso condiviso di identità nazionale attraverso l'arte e la narrativa, mettendo in atto strategie collaborative per un coinvolgimento attivo della popolazione”.

Il progetto, che si articola in creazioni d’arte pubblica [it] e interventi per l'alfabetizzazione, coinvolge artisti provenienti da Melbourne e studenti della libera accademia Arte Moris di Timor Est. I partecipanti si sono ispirati alla nota leggenda sulla creazione di Timor Est, intitolata “Il ragazzino e il coccodrillo“, per realizzare una serie di murales in varie località del Paese, come si può apprendere dalla sintetica presentazione:

Verranno realizzati 13 murales in luoghi pubblici dei 13 distretti di Timor Est. Queste opere lasceranno una specifica eredità culturale a beneficio del turismo, e rappresenteranno un promemoria simbolico dell'identità condivisa e dello spirito di collaborazione di Timor Est. Ispirandosi a “Il ragazzo e il coccodrillo”, gli artisti della libera accademia Arte Moris in ambiente di laboratorio, guideranno gli studenti nella rappresentazione visiva delle leggende del loro Paese. Ci sarà anche la collaborazione di studenti ed insegnanti per dipingere queste creazioni.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.