chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Quattro nazioni dell'Africa meridionale presentano una petizione per abolire il divieto di commercio dell'avorio

Foto di un elefante africano. Creative Commons/Pixabay

Mentre il mondo si prepara per la XVIII riunione annuale dei Paesi aderenti alla Convenzione sul commercio internazionale di specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES, Convention on the International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora) e la Conferenza delle Parti contraenti della CITES (CoP18), quattro nazioni dell'Africa meridionale — Zimbabwe, Botswana, Namibia e Sudafrica — hanno presentato una petizione e una proposta [en, come i link seguenti] per abolire le restrizioni e permettere il commercio internazionale dell'avorio grezzo registrato dei loro elefanti.

CITES è un “accordo internazionale tra governi per assicurare che il commercio internazionale di animali e piante selvatici non ne minacci la sopravvivenza”. L'incontro si svolgerà a Colombo, Sri Lanka, dal 23 maggio al 3 giugno 2019.

La proposta, in 12 pagine, chiederebbe di rimuovere le annotazioni, esistenti nell’Appendice II, concernenti gli elefanti di Botswana, Namibia, Sudafrica e Zimbabwe in quanto speci in pericolo. Afferma che le quattro nazioni nell'Africa meridionale, congiunte, hanno la maggiore popolazione mondiale di elefanti con 256.000 esemplari stimati. Questo equivarrebbe al 61% di tutti gli elefanti africani.

CITES aveva, in precedenza, respinto proposte di Zimbabwe e Namibia di permettere il commercio di avorio con controlli meno rigorosi. E il CoP18 di quest'anno sembra preannunciare la continuazione di una battaglia che dura ormai da 30 anni, dal divieto internazionale contro il commercio di avorio del 1989.

Cambierà qualcosa questa volta? Il divieto internazionale è stato imposto a causa della diminuzione della popolazione di elefanti derivante dalla crisi del bracconaggio. Secondo la Fondazione per la fauna selvatica africana (African Wildlife Foundation), 35.000 elefanti vengono uccisi ogni anno per le loro zanne. La proposta ha scatenato un conflitto tra i conservazionisti e coloro che favoriscono il commercio dell'avorio per ragioni economiche.

: Botswana, Namibia e Zimbabwe propongono di modificare l'annotazione 2 dell'Appendice della  per abolire le restrizioni e permettere il commercio internazionale di  grezzo registrato di  africani di Botswana, Namibia, Sudafrica e Zimbabwe https://goo.gl/xkCoVZ

Questo segnerebbe la condanna a morte degli elefanti.

Andiamo, ragazzi… Questo non significa necessariamente che gli elefanti devono essere ammazzati. Queste nazioni hanno grandi scorte di avorio. E il commercio permetterebbe a queste nazioni di fare di più per la fauna selvatica in questi Paesi.

Prima del divieto, il commercio dell'avorio in Africa prosperava grazie a regolamentazioni permissive, come anche il bracconaggio. La Humane Society International riporta che tra il 1979 e il 1989, il numero di elefanti africani è crollato da circa 1,2 milioni a circa 600.000. Questo è ciò che ha portato al divieto CITES nel 1989 nella tratta commerciale dell'avorio, inserendo gli elefanti nella lista delle specie minacciate di estinzione.

Revocare il divieto di commercio dell'avorio

Una delle principali richieste delle quattro nazioni è il permesso di commercializzare l'avorio grezzo registrato — ovvero, richiedono l'autorizzazione a vendere l'avorio grezzo degli elefanti che decedono in modo naturale. Questo avorio grezzo verrebbe ottenuto da scorte di proprietà del governo, escludendo l'avorio confiscato e quello di origine sconosciuta.

Inoltre, il commercio si svolgerebbe soltanto tra partner commerciali verificati dal Segretariato di CITES. I proponenti suggeriscono che questi tipi di misure di sicurezza garantiscono l'adempimento ed eliminano la possibilità di vendere avorio di provenienza illegale.

Coloro che sono contrari al commercio di prodotti di animali selvatici traggono le loro argomentazioni da quanto è successo quando CITES ha approvato una vendita eccezionale di avorio a Cina e Giappone nel 2008. La ragione di questa vendita eccezionale era di inondare il mercato, far crollare i prezzi dell'avorio e, in conclusione, terminare qualsiasi beneficio finanziario dal bracconaggio. Quindici milioni di dollari sono stati ottenuti dalla vendita di 102 tonnellate di riserve di proprietà governativa dalle quattro nazioni dell'Africa meridionale.

Questo ha, tuttavia, causato un drammatico incremento del bracconaggio di elefanti. Coloro che si oppongono all'abolizione del divieto fanno riferimento a questa storia per dimostrare che il commercio di avorio è più dannoso che utile per gli elefanti africani, anche con le misure di sicurezza suggerite.

Gli elefanti sono presi di mira per il loro avorio, che è molto apprezzato in nazioni come la Cina e Hong Kong. Secondo la BBC:

Ivory is seen as a precious material and is used in ornaments and jewelry. It's also sometimes used in traditional Chinese medicine. Some rich Chinese people think that owning ivory makes them look more successful. Others think that ivory will bring them good luck.

L'avorio è considerato un materiale prezioso ed è utilizzato per ornamenti e gioielleria. È utilizzato talvolta anche nella medicina tradizionale cinese. Alcuni cinesi ricchi pensano che possedere avorio li faccia apparire più facoltosi. Altri pensano che l'avorio gli porterà fortuna.

Il dibattito sul commercio dell'avorio ha già creato grandi divisioni nel continente africano con alcune nazioni che lo supportano, mentre altre sostengono che la vendita di un po’ di avorio possa contribuire alle spese per la lotta al bracconaggio.

Si prevede che il Kenya si opporrà tenacemente alla proposta, come membro della Coalizione per gli elefanti africani (African Elephant Coalition), un consorzio di 29 nazioni africane che non supportano nessuna forma di commercio di avorio e che mirano a promuovere un utilizzo non consumistico degli elefanti. Il gruppo supporta attività come la fotografia naturalistica e l'osservazione della fauna selvatica, piuttosto che partite di caccia.

La battaglia per salvare gli elefanti

Il cuore del dibattito sul divieto del commercio dell'avorio si incentra sul fatto che gli elefanti africani hanno e continuano ad affrontare gravi minacce a causa della perdita di habitat e il bracconaggio.

Le petizioni per revocare il divieto sono state rifiutate, parzialmente perché le nazioni africane non sono riuscite a dimostrare un successo sostanziale riguardo la riduzione del traffico illegale di avorio. Secondo il rapporto sui delitti contro la vita selvatica nel mondo (2016 World Wildlife Crime Report), pubblicato nel 2016 dell'Ufficio dall'ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (United Nations Office on Drugs and Crime):

Every year law enforcement authorities in Africa and Asia make large ivory seizures, many measuring over 500 [kilograms]. Between 2009 and 2014 CITES Elephant Trade Information System (ETIS) recorded 91 seized shipments, totalling 159 metric tons of ivory. This represents ivory from at least 15,900 elephants.

Ogni anno le autorità competenti in Africa e Asia portano a termine sequestri consistenti, molti superiori a 500 [chilogrammi]. Tra il 2009 e il 2014 il Sistema di informazione sul commercio degli elefanti (ETIS, Elephant Trade Information System) della CITES ha registrato il sequestro di 91 carichi, complessivamente 159 tonnellate di avorio. Questo rappresenta l'avorio di almeno 15.900 elefanti.

Tuttavia, alcuni Paesi africani come lo Zimbabwe sostengono che la popolazione dei loro elefanti sia in buona salute e sono quindi in favore della petizione per revisionare il divieto sul commercio dell'avorio. Il portavoce di Zimparks in Zimbabwe ha affermato che gli elefanti hanno oltrepassato la capacità di carico del pianeta:

I nostri elefanti non sono in pericolo. I nostri jumbo hanno superato la capacità di carico [del pianeta].

Le autorità affermano che l'attuale popolazione di elefanti in Zimbabwe sia di 84.000, quando in realtà è di circa 50.000.

La maggior parte delle agenzie statali responsabili per la salvaguardia in queste quattro nazioni africane lottano per finanziare la salvaguardia e la gestione degli elefanti. Sostengono che le rendite derivanti dal commercio dell'avorio potrebbero essere utilizzate a beneficio delle attività di salvaguardia. I fondi potrebbero anche essere utilizzati per migliorare l'applicazione della legge contro i bracconieri, i trafficanti, i contrabbandieri e aumentare la vigilanza dei ranger sul campo.

Questi argomenti potrebbero spingere altre nazioni ad allontanarsi dall'accordo internazionale della CITES. Ad esempio, verso la fine del 2018, il Giappone ha deciso di ritirarsi dalla Commissione internazionale contro la caccia alle balene (International Whaling Commission), in seguito al rifiuto della sua proposta del 14 settembre 2018 di riprendere la caccia alla balena per fini commerciali.

Alcuni sostengono che l'obiettivo della CITES si sia spostato dall’utilizzo consumistico alla salvaguardia della vita selvatica, a cui si oppongono le quattro nazioni africane. Alcuni hanno persino suggerito che l’Africa dovrebbe ritirarsi del tutto dalla CITES poiché le politiche pregiudicano le economie emergenti.

Qualora la CITES dovesse rifiutare la loro proposta, queste quattro nazioni dell'Africa meridionale potrebbero seguire l'esempio del Giappone e ritirarsi dall'accordo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.