chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Funzionari dell'OMS criticati per la ‘lenta risposta’ e la tutela ‘pro Cina’ mentre il COVID-19 si diffonde nel mondo

Schermata dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sull'esplosione del COVID-19 fino al 29 febbraio 2020.

Dall'inizio della diffusione del nuovo coronavirus (COVID-19) in Cina, i funzionari dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno elogiato costantemente la Cina, per gli sforzi compiuti da questa nazione per contenere la diffusione della malattia. Quando però il virus si è diffuso attraverso 53 nazioni con più di 6000 casi confermati e 86 morti (fuori dalla Cina) fino al 29 febbraio 2019 [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], i netizen hanno puntato il dito contro il Direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, per la sua risposta pro Cina nella fase iniziale dell'epidemia.

Al momento della stesura di questo articolo, quasi mezzo milione di persone hanno firmato una petizione online chiedendo le sue dimissioni.

Elogio per la Cina

Quando il numero di casi confermati di COVID-19 si è impennato di 10 volte, da 45 casi il 17 gennaio 2020 a più di 500 casi il 23 gennaio 2020 [zh], la Cina ha annunciato la chiusura di Wuhan. In quel momento, molti esperti in materia di sanità pubblica hanno lanciato l'allarme di una possibile diffusione globale, ma i membri del Comitato di emergenza del OMS erano divisi su questa questione. Durante una conferenza stampa, Tedros ha dichiarato che non c'era bisogno di dichiarare un'Emergenza sanitaria pubblica di portata internazionale (abbreviata come PHEIC in inglese).

Il 28 gennaio 2020 Tedros ha visitato la Cina e ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping. Dopo il viaggio, ha elogiato la Cina per il suo “impegno di trasparenza”. Questo è in contrasto con il report degli osservatori dei diritti umani, che hanno attaccato la Cina per le sue misure di censura, che hanno impedito il flusso di informazioni cruciali correlate all'epidemia. Fino al 21 febbraio 2020, 416 netizen sono stati puniti per aver “diffuso dicerie” sul nuovo coronavirus.

Tedros ha posticipato la dichiarazione della PHEIC fino al 30 gennaio 2020, ma ha sottolineato che non c'era bisogno di “interferire inutilmente con il commercio e i viaggi internazionali”.

Appena pochi giorni prima, il 26 gennaio 2020, il sindaco di Wuhan ha ammesso che più di cinque milioni di residenti di Wuhan hanno lasciato la città prima che fosse messa sotto isolamento. Si teme che chi ha lasciato la città abbia diffuso il virus attraverso la nazione. In meno di una settimana, il numero di casi confermati in Cina si è impennato a quasi 10.000. Quando sempre più città hanno annunciato misure drastiche per contenere il virus, chi poteva permetterselo ha lasciato la Cina per una vacanza prolungata in altre nazioni.

Nonostante Xi abbia promesso a Tedros che la Cina avrebbe accolto l'indagine di un team internazionale di esperti, composto da 10-15 membri, per aiutare a studiare le origini del virus, la procedura è stata ritardata e la Cina ha infine aperto le porte solo a un “team avanzato di esperti” composto da tre funzionari dell'OMS. I mezzi di informazione affiliati allo Stato e le piattaforme di social media cinesi come Weibo e Tiktok hanno condiviso ampiamente le citazioni di Bruce Aylward, esperto leader di OMS, che ha elogiato la Cina con dichiarazioni come “la popolazione di Wuhan, bisogna riconoscere che il mondo vi è in debito” e “se avessi il COVID-19, vorrei essere curato in Cina.”

Aylward ha enfatizzato che le strategie di rapida risposta della Cina si sono dimostrate efficaci per circoscrivere l'epidemia. Allo stesso tempo, ha criticato le altre nazioni per non aver adottato misure analoghe. Aylward ha successivamente ammesso nella conferenza stampa che non è stato messo in quarantena dopo il suo viaggio in Cina, perché non ha visitato nessuna “area sporca” a Wuhan.

Il 25 febbraio 2020, un giorno dopo che il “team avanzato di esperti” ha concluso la sua missione in Cina, il numero totale di nuovi casi accertati di infezione fuori dalla Cina superava il numero in Cina per la prima volta. Fino al 27 febbraio 2020, c'erano 4351 casi confermati e 67 morti al di fuori della Cina in 48 Nazioni. In Sud Corea, il numero di casi confermati è superiore a 3000 con 17 morti. L'Italia ha dichiarato più di 1000 casi di COVID-19 e 29 morti. Una fonte della BBC ha detto che il COVID-19 ha provocato 210 morti in Iran.

Alcuni si chiedono perché Tedros è stato riluttante nel dichiarare pandemica questa epidemia.

OMS: “risposta debole e lenta”

I netizen sono adirati per l'inattività dell'OMS e lo hanno espresso in parodie come questa:

Le leggende dicono che se sussurri ‘Pandemico’ per 3 volte davanti a uno specchio appare Tedros Adhanom.

Alcuni accusano Tedros di avere una posizione favorevole a Pechino:

Il bilancio delle vittime sale se crediamo a #Cina_è_terrorista. Il bilancio delle vittime sale se crediamo al direttore dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Cospirano? Ditelo voi.

OMS, per favore interrompi le notizie false sul PCC in Cina, fai svuotare il mondo col virus. Si raccomanda vivamente di rimuovere Tedros Adhanom Ghebreyesus da Direttore Generale di OMS (WHO)

Altri hanno messo in rilievo il suo linguaggio contraddittorio:

Penso che adesso capisco di cosa stava parlando Tedros in riferimento alla “finestra di opportunità.”

L'attivista di Hong Kong, Joshua Wong, ha evidenziato la lenta e debole risposta dell'OMS sotto la guida di Tedros

[Il nemico pubblico numero 1 non è solo il virus, ma anche la debole e lenta risposta del responsabile dell'OMS, il Dr. Tedros]

Leggi la Copertura Speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.