chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I legislatori pro-democrazia di Hong Kong divisi sull'estensione di mandato imposta da Pechino

Legislatori pro-democrazia manifestano all'interno della Camera del LegCo. Foto da inmediahk (CC: AT-NC)

La governatrice di Hong Kong Carrie Lam ha scatenato una tempesta il 21 agosto dopo aver invocato poteri straordinari [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] per posporre le elezioni per il Consiglio legislativo (Legislative Council o LegCo) a settembre 2021, citando preoccupazione per la COVID-19.

Hong Kong avrebbe dovuto eleggere un nuovo Consiglio il 5 settembre. La decisione di Lam arriva sulla scia della controversa esclusione, a luglio, di 12 candidati pro-democrazia dalle elezioni, e dalla crescente ingerenza di Pechino nel governo della città.

Un aspetto controverso del rinvio è il conseguente scarto di un anno tra la fine del mandato dell'attuale Consiglio e le elezioni l'anno prossimo. Per risolvere quest'aspetto, la governatrice ha richiesto che l'Assemblea nazionale del popolo di Pechino emani una risoluzione in cui si decida di rinominare tutti i legislatori in carica per “almeno un altro anno”.

L'intervento da parte dell'Assemblea nazionale del popolo, anche se teoricamente una formalità, per i legislatori pro-democrazia è una spada a doppio taglio.

Accettare un'estensione dall'Assemblea nazionale del popolo di Pechino potrebbe essere visto come una resa alla Cina continentale. D'altra parte rifiutare significherebbe, in pratica, boicottare il Consiglio — e dare così ai legislatori pro-Pechino campo libero per approvare qualsiasi legge.

Il dilemma ha causato un acceso dibattito; una scissione sembra ora inevitabile.

I partiti localisti, un sottogruppo più radicale all'interno del gruppo pro-democrazia, sono inclini a un boicottaggio. Il legislatore Ray Chan ha spiegato in una serie di commenti su Twitter perché è contrario alla nomina da parte dell'Assemblea nazionale del popolo:

I refuse the National People's Congress’ appointment to serve for another year. I did not resign from #LegCo. I boycott the term extension. The reasons behind my decision are simple. First, our mandate ends in 2020. Without a new mandate, serving beyond our term is illegal & illegitimate. […] Second, accepting the appointments means accepting the authority of the failure aka Carrie Lam Government & the Leviathan aka National People Congress to arbitrarily change the term of LegCo members. It'll open the floodgate for all kinds of meddling for years to come.

Rifiuto la nomina dell'Assemblea nazionale del popolo a servire per un altro anno. Non mi sono dimesso dal #LegCo. Io boicotto l'estensione del mandato. Le ragioni dietro la mia decisione sono semplici. Primo, il nostro mandato termina nel 2020. Senza un nuovo mandato, servire oltre i termini del nostro mandato è illegale e illegittimo. […] Secondo, accettare la nomina significa accettare l'autorità di quel fallimento che è il governo di Carrie Lam e del Leviatano, ovvero l'Assemblea nazionale del popolo, di cambiare arbitrariamente il mandato dei membri del Consiglio legislativo. Aprirebbe la porta a ogni genere di interferenze nei prossimi anni.

Più tardi, Chan è tornato sui suoi passi e ha detto che prenderà una decisione definitiva dopo aver ascoltato il pubblico.

Dall'altra parte, il Partito Democratico e il Partito Civico, che costituiscono un sottogruppo pro-democrazia più convenzionale, con una maggioranza di membri provenienti da gruppi professionali, sono inclini a rimanere nel Consiglio. L'ex presidente del Partito Democratico, Albert Ho ha spiegato [zh] la sua posizione in un'intervista con una testata online locale:

我們是不是要放棄反對的機會?如果有一些非常不合理的法案通過,很多不應該花的錢亂花,起碼要有人要在立法會提出最強烈的反對。

Dovremmo rinunciare alla possibilità di fare opposizione? Nel caso in cui passino delle leggi irragionevoli, o vengano sperperati soldi [dei contribuenti] che non devono essere spesi, ci vuole qualcuno nel Consiglio legislativo che porti avanti un'opposizione forte.

La fazione pro-establishment e pro-Pechino ha avanzato diverse proposte controverse negli ultimi mesi. Tra queste ci sono cambiamenti radicali [zh] alle funzioni dei consigli distrettuali, il permesso di votare alle persone originarie di Hong Kong che vivono nella Cina continentale, l'implementazione del sistema sanitario a colori [it] nella città e una riforma costituzionale che cambierebbe [zh] le regole per l'elezione a governatore a partire dal 2022.

Se il campo pro-democrazia sarà assente dal Consiglio, quelle leggi che gli attivisti per la democrazia considerano draconiane molto probabilmente passeranno.

Mentre i politologi discutono [zh] su come un boicottaggio del Consiglio porterà alla marginalizzazione dell'opposizione e al consolidamento del potere autoritario, i localisti lo difendono su basi morali — insistono che i legislatori non dovrebbero entrare nel Consiglio senza un mandato del popolo.

Alcuni localisti hanno aggiunto [zh] che, dopo l’esclusione di massa dei candidati pro-democrazia durante il periodo delle candidature, l'opposizione dovrebbe abbandonare del tutto la politica istituzionale.

Naturalmente il dibattito si è riversato sui social media, con scambi di opinioni talvolta aspri in cui alcuni utenti hanno bollato i legislatori pro-democrazia favorevoli alla nomina da parte dell'Assemblea nazionale del popolo come “traditori senza morale” [en, zh].

È in questo contesto che il legislatore localista Chu Hoi Dick ha richiesto [zh] un sondaggio d'opinione o un pubblico referendum sulla questione.

Anche se il Partito Democratico ha prestato ascolto a queste richieste, insiste per un approccio più deliberativo e scientifico:

Riguardo la questione se i legislatori in carica dovrebbero rimanere o boicottare la legislatura nel prossimo anno, il Partito Democratico baserà la sua decisione su un sondaggio scientifico. Speriamo che ci sarà almeno un dibattito tra le due parti per permettere alla gente di HK una scelta informata prima che venga condotto il sondaggio.

Nel frattempo, molti temono che una scissione tra localisti e democratici, in un contesto di sempre minore libertà di dissenso a Hong Kong, sarà molto dannosa per le forze di opposizione della città — a prescindere dalla decisione finale dei politici sul rimanere o boicottare l'estensione del mandato al Consiglio legislativo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.