chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il magnate dei media di Hong Kong Jimmy Lai arrestato in base alla legge sulla sicurezza nazionale

Foto dall'account Twitter di Apple Daily.

Il magnate dei media di Hong Kong Jimmy Lai, un importante sostenitore delle proteste pro-democrazia, è stato arrestato [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] nelle prime ore della mattina del 10 agosto per “collusione con forze straniere”, una violazione della nuova legge per la sicurezza nazionale.

Lai è il fondatore di Next Digital, l'azienda a cui appartengono l'Apple Daily News e Next Magazine. Anche i suoi due figli, che non lavorano nei media, e altri quattro membri di spicco dell'azienda sono stati arrestati a causa della draconiana legge per la sicurezza. Il suo assistente personale, Mark Simon, è attualmente all'estero e ricercato dalla polizia di Hong Kong.

Durante le operazioni d'arresto circa duecento poliziotti hanno fatto irruzione nella sede delle due testate a Tseung Kwan O.

Immagine dall'interno dell'edificio di @appledaily_hk. Sì, questa è #HongKong.

L'incidente ha attirato l'attenzione di media internazionali e ONG. Il vicedirettore di Human Right Watch Phil Robertson ha reagito su Twitter:

Oltraggioso e inaccettabile! Le autorità di #HongKong eseguono gli ordini della #Cina e arrestano il magnate e attivista Jimmy Lai sotto la legge per la sicurezza nazionale. Un evidente abuso dei diritti umani, e un colpo alla libertà di stampa in rapido declino di HK. #libertàperimedia #libertàdistampa #JimmyLai

Steven Butler, il coordinatore del programma per l'Asia della Commissione per la protezione dei giornalisti, ha detto in una dichiarazione:

The arrest of media tycoon Jimmy Lai bears out the worst fears that Hong Kong’s National Security Law would be used to suppress critical pro-democracy opinion and restrict press freedom…Jimmy Lai should be released at once and any charges dropped.

L'arresto del magnate dei media Jimmy Lai ha confermato i peggiori timori che la Legge per la sicurezza nazionale di Hong Kong sarà usata per sopprimere l'opinione critica pro-democrazia e reprimere la libertà di stampa… Jimmy Lai deve essere rilasciato immediatamente e tutte le accuse devono cadere.

Durante l'irruzione, la polizia ha sigillato l'edificio della Apple Daily e vietato l'ingresso ai giornalisti di altre aziende:

La polizia di #HongKong ha vietato alla maggior parte dei reporter, inclusi quelli dell'emittente pubblica nonché dipartimento governativo RTHK, di avvicinarsi all'edificio di @appledaily_hk. Hanno dichiarato che solo grandi media locali che “non abbiano ostacolato le operazioni di polizia in passato” sono invitati. #libertàdistampa

I reporter di Apple Daily hanno trasmesso in live-streaming l'irruzione della polizia negli uffici. Il video mostrava Jimmy Lai e il direttore esecutivo di Next Media Cheung Kim-hung ammanettati e scortati fuori dall'edificio durante la perquisizione.

Jimmi Lai ha ora le mani ammanettate dietro la schiena e viene scortato fuori dagli edifici della Apple Daily. I reporter stimano che più di 50 poliziotti abbiano fatto parte della scorta.

La polizia non ha indicato quale delle norme contenute nella #Leggeperlasicurezzanazionale è stata usata per la perquisizione.

Secondo un messaggio interno circolato tra i membri dello staff di Apple Daily, il mandato di perquisizione non includeva materiale giornalistico, ma secondo una conferenza stampa della polizia gli agenti hanno perquisito le scrivanie della redazione e portato via 25 scatoloni di prove dopo una perquisizione di quattro ore.

Mentre tentava di seguire l'operazione di polizia, il caporedattore Law Wai-kwong è stato minacciato:

Il caporedattore Law Wai-kwong di @appledaily_hk è stato insultato e spintonato da un gruppo di agenti di polizia. Un agente con una camicia bianca ha gridato contro Law, puntandogli un dito contro il viso, che se Law si fosse rifiutato di allontanarsi dopo gli avvertimenti, avrebbe potuto essere arrestato.

Anche se la gente di Hong Kong aveva previsto che la libertà d'espressione si sarebbe ridotta sotto la legge per la sicurezza nazionale, l'arresto dei due figli di Jimmy Lai ha sconvolto la città. Un utente ha postato su Twitter foto della perquisizione della polizia al ristorante del secondo figlio di Lai, Lai Yui Yan:

La #poliziadiHongKong ha perquisito il ristorante di proprietà del figlio di Jimmy Lai. Tutto ciò riguarda la repressione della libertà di Hong Kong.

Wang Dan, un attivista esule della Cina continentale, ha espresso sdegno per l'arresto dei figli di Jimmy Lai:

Anche se prevedibile, l'arresto di Jimmy Lai è stato comunque davvero vergognoso perché sono stati arrestati anche i suoi due figli, il che è chiaramente un tentativo delle autorità di distruggere la volontà di Lai attraverso i suoi legami familiari.

Chiedo alla comunità internazionale di intervenire immediatamente!

Anche se le mobilitazioni di massa sono diventate estremamente difficili dopo la legge per la sicurezza nazionale e il lockdown per la COVID-19, alcuni hongkongesi hanno trovato modi di esprimere il proprio sostegno a Apple Daily News comprando azioni di Next Digital.

La risposta del mercato azionario all'arresto di @JimmyLaiApple, proprietario di @appledaily_hk.

La gente di Hong Kong ha comprato le azioni dell'azienda per mostrare sostegno a LAI e Apple Daily, e credo più in generale alla Libertà di Stampa.

Intorno alle 3 del pomeriggio il prezzo delle azioni di Next Digital è salito del 300% rispetto al giorno prima e poi calato al 187% mentre i mercati chiudevano.

Jimmy Lai [it] è stato un critico di Pechino fin dalla repressione di Tiananmen nel 1989, in seguito alla quale è entrato nel mondo dell'editoria. Ha finanziato i maggiori partiti politici pro-democratici di Hong Kong e, nel 2014, si è unito agli attivisti in prima linea del movimento pro-democratico delle Proteste degli ombrelli.

Lai era già stato arrestato a febbraio e aprile 2020 con l'accusa di aver partecipato a raduni non autorizzati nel 2019 e nel 2020. Questa volta, se condannato per l'accusa di “collusione con forze straniere”, in base alla legge per la sicurezza nazionale potrebbe rischiare fino all'ergastolo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.