chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

#JusticeforAlvarez: attivisti filippini protestano contro il peggioramento dell'impunità sotto il presidente Duterte

Un'azione di protesta contro le uccisioni di attivisti al Bantayog ng Bayani (Santuario degli Eroi) a Quezon City. Lo striscione recita: “Sconfiggi gli attacchi fascisti del regime del macellaio Duterte contro il popolo!” Foto di Kodao Productions, un socio per i contenuti di Global Voices, usata con autorizzazione.

I difensori dei diritti umani hanno lanciato l'allarme per le continue esecuzioni extragiudiziali nelle Filippine.

Il giorno stesso in cui Randall “Ka Randy”, leader contadino veterano di 72 anni, vittima di omicidio è stato sepolto a Metro Manila, l'attivista per i diritti umani Zara Alvarez [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è stata uccisa a colpi di arma da fuoco a Bacolod City, nell'isola filippina centrale di Negros. Alvarez, 39 anni, è stata uccisa da uomini armati non identificati alle 20:00 dell'8 agosto 2017 in una zona residenziale mentre tornava a casa dopo aver acquistato del cibo.

Sette giorni prima, Echanis era stato trovato morto con segni di tortura e molteplici ferite da coltello nella sua casa a Quezon City. È stato presidente del partito di sinistra Anakpawis (masse lavoratrici) e consulente per i negoziati di pace ora sospesi tra il Fronte Democratico Nazionale delle Filippine a guida comunista (NDFP) e il governo filippino.

Alvarez non era solo un ufficiale paralegale per Negros della Karapatan Human Rights Alliance ma anche un'operatrice sanitaria della comunità con il Programma Sanitario Integrato dell'isola di Negros. L'omicidio di Alvarez è stato condannato come un altro esempio del peggioramento delle impunità sotto il governo del Presidente Rodrigo Duterte.

Dopo che Duterte è salito al potere nel 2016, il suo governo è stato accusato di aver intrapreso una sanguinosa “guerra alla droga” [it] che ha portato a migliaia di uccisioni.

Addolorato per l'omicidio di Zara Alvarez a Bacolod. Sua figlia è ora un'orfana. Anche le comunità in cui ha lavorato come operatrice sanitaria e sostenitrice dei diritti umani sono orfane.

Stasera il cuore di Negros sanguina di nuovo, questa volta per una figlia che ha coraggiosamente servito e amato il suo popolo.

Uccisioni violente contro gli attivisti

Ora c'è una tendenza allarmante nelle uccisioni degli attivisti nelle Filippine.

Negli ultimi mesi si sono verificati gli omicidi di Carlito Badion di Kadamay a Leyte, Jory Porquia di Bayan Muna a Iloilo, Randal Echanis di Anakpawis a QC e proprio la scorsa notte, l'attivista di Negros Zara Alvarez.

Jory Porquia è stato ucciso nella sua casa a Iloilo City nell'isola di Panay lo scorso aprile, mentre Carlito Badion è stato ucciso a Ormoc City nell'isola di Leyte lo scorso maggio. Porquia è stato il coordinatore del partito di sinistra Bayan Muna [it] di Iloilo (People First) che attualmente ha tre seggi al Congresso, mentre Badion era il segretario generale nazionale dell'associazione dei poveri e dei senzatetto urbani, Kadamay.

Il portavoce presidenziale Harry Roque ha negato il coinvolgimento del governo nelle uccisioni di Alvarez e altri attivisti. Tuttavia, lo stesso Duterte e alcuni funzionari sotto il suo ufficio hanno rilasciato ripetutamente dichiarazioni che supportavano la violenza contro attivisti e difensori dei diritti umani. Anche le pagine Facebook degli ufficiali di polizia, militari e agenzie governative sono state utilizzate per diffamare alcune organizzazioni della società civile, leader attivisti e critici che sono etichettati come “comunisti terroristi“.

Duterte, in un discorso ai soldati dell'esercito il 18 dicembre del 2018, ha annunciato la sua intenzione di ripetere nelle Filippine le sanguinose epurazioni anticomuniste del defunto dittatore indonesiano Suharto, avvenuto tra il 1965 e il 1966 [it]. La campagna di Suharto portò all'uccisione di almeno mezzo milione di persone. Duterte ha anche firmato l’Ordine Esecutivo 70 che istituzionalizza un “approccio dell'intera nazione” che integra le funzioni civili del governo con la guerra di controinsurrezione guidata dai militari contro i comunisti ribelli e altri “nemici dello stato”.

Le uccisioni mirate e le minacce contro gli attivisti non sono che l'espressione più visibile della generale costrizione degli spazi democratici nelle Filippine sotto Duterte. Ciò è stato anche segnato dall'approvazione di una legge antiterrorismo che i funzionari di Duterte hanno minacciato di usare contro i critici, dalla chiusura della ABS-CBN [it], la più grande emittente televisiva e radiofonica del paese, alle molestie contro organi di informazione e di costume indipendenti e alternativi come Rappler [it]. I militari stanno ora spingendo anche per la regolamentazione dei social media per contrastare l'uso degli spazi online da parte di “organizzazioni terroristiche” per “destabilizzare il governo”.

Alvarez è stata perseguitata per diversi anni

Non c'erano state interruzioni nelle molestie e nelle minacce di morte con Alvarez per il suo lavoro sui diritti umani. Era stata etichettata come “terrorista” insieme ad altri 656 in un caso presentato dal Dipartimento di Giustizia contro presunte personalità comuniste nel 2018. Nel 2012 Alvarez era una detenuta politica e venne rilasciata nel 2014 in seguito all'archiviazione di tutte le accuse contro di lei per mancanza di prove. Stava facendo appello contro una decisione del tribunale che ha negato la sua richiesta di protezione quando è stata uccisa. Manifesti che la accusavano di essere una ribelle comunista circolavano intorno a Negros al momento della sua morte.

AGGIORNAMENTO: È passato quasi un anno da quanto abbiamo filmato con l'attivista filippina per i diritti umani Zara Alvarez nel nostro film ‘La Nuova Guerra di Duterte’. Lunedì sera è stata uccisa.

AGGIORNAMENTO Zara Alvarez era tra le oltre 600 persone che il Dipartimento di Giustizia voleva etichettare come terroristi in un caso di proscrizione presentato a febbraio 2018. Questo elenco è stato ridotto a solo 2.

È terribile sentire che WHRD Zara Alvarez di @karapatan è stata colpita e uccisa ieri sera nelle Filippine. Era stata infangata, intercettata e minacciata per anni.

L'Isola di Negros, la casa di Alvarez, è stata a lungo teatro di controversie sulla terra tra contadini senza terreno e i lavoratori dello zucchero, e le élite terriere che possiedono vaste proprietà terriere feudali, chiamate haciendas, dove la canna da zucchero viene coltivata per l'esportazione sin dai tempi del colonialismo spagnolo. L'isola ha una lunga storia di violenza riflessa nella violenta repressione dei contadini che chiedono riforme agrarie e gruppi per i diritti fondiari che li sostengano attivamente.

La brutale uccisione di Alvarez ha portato a un'ondata di dolore e indignazione sui social media.

“Ringrazio il Signore per averti conosciuto, Zara, mia cara bambina di lotta.”
Omaggio del vescovo di San Carlos Gerardo Alminaza all'attivista per i diritti umani assassinata Zara Alvarez di Negros.

Zara Alvarez è stata assassinata stasera a Bacolod City. È stata uccisa.

Zara è una sostenitrice dei diritti umani, con Karapatan-Negros.

Zara è un'operatrice sanitaria. È l'ufficiale di difesa del NIHIP, un programma sanitario basato sulla comunità.

Chiediamo giustizia. #StopUccisioni #NoImpunità

Giustizia per Zara Alvarez! Giustizia per tutte le vittime di esecuzioni extragiudiziali e terrorismo di Stato!

Sono profondamente turbato dall'uccisione di Zara Alvarez e Randall Echanis nelle #Filippine. Gli spazi della società civile nelle Filippine si stanno riducendo. Chiedo alle Filippine di indagare su tutti gli omicidi e di proteggere i difensori dei diritti umani.

I gruppi per i diritti umani si uniscono alla Giornata Mondiale di Azione per la Giustizia a Bantayog ng mga Bayani per condannare le uccisioni dell'attivista con base a Negros, Zara Alvarez e del leader contadino Randall Echanis. Entrambi sono stati intercettati, accusati e hanno ricevuto minacce prima di essere uccisi, ha detto Karapatan.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.